Gli sportelli di Adico Associazione Difesa Consumatori

Contatta gli esperti dell'Associazione per trovare una risposta rapida ed efficace ai tuoi problemi attraverso gli Sportelli tematici

AEREO VOLOTEA PARTITO CON 11 ORE DI RITARDO: DOPO DUE ANNI ARRIVA IL RIMBORSO (ANCHE PER DANNI MORALI)

TREVISO. Il volo era partito con 11 ore di ritardo. E dopo due anni di battaglia legale, il tribunale ha definitivamente condannato la compagnia aerea Volotea a pagare a dieci passeggeri, cinque trevigiani e cinque residenti in provincia di Pordenone, anche i danni morali per lo stress causato dalla snervante e infinita attesa, oltre al rimborso completo del costo del biglietto aereo, comprese le aggiunte per i bagagli, e al rimborso delle spese che non avrebbero dovuto sostenere se l’orario del decollo fosse stato rispettato. Il fattaccio risale al 22 giugno 2017. I passeggeri avevano raggiunto l’aeroporto Marco Polo di Venezia per prendere l’aereo Volotea delle 12.10 con destinazione Catania. E qui è iniziata la loro odissea.  Il decollo è stato fatto slittare diverse volte nel corso del pomeriggio.
I passeggeri sono rimasti in attesa senza ricevere alcuna informazione e con un’assistenza che non è andata oltre a un paio di voucher da appena cinque euro per mangiare all’interno dello scalo. Alle 21.30 hanno finalmente potuto iniziare le operazioni di imbarco. Ma non è finita. Perché una volta a bordo il comandante ha comunicato che era necessario verificare il funzionamento dei motori. Solamente alle 23 è arrivato il momento del decollo. Undici ore dopo l’orario inizialmente previsto. Nemmeno al ritorno sono mancati i problemi. Il 25 giugno una passeggera trevigiana, in particolare, ha dovuto attendere a Catania per oltre sei ore l’aereo, sempre della Volotea, che doveva riportarla a Venezia: avrebbe dovuto decollare alle 21.55, ma alla fine è partito solo alle 4 di notte.
Le cause sono state portate avanti in modo parallelo nei tribunali di Treviso e di Pordenone, competenti in base alla residenza di ogni passeggero. Sono state accolte tutte le richieste, compreso il risarcimento dei danni morali, appunto. el procedimento è emerso che non sarebbero bastati nemmeno per un panino e una bottiglietta d’acqua. Le cifre relative ai danni morali sono state decise dai tribunali in via equitativa. Le valutazioni sono state diverse. I passeggeri trevigiani hanno ottenuto un risarcimento di 250 euro a testa. Mentre quelli della provincia di Pordenone sono arrivati a 700 euro ciascuno. Ma oltre alle valutazioni differenti, è il principio che conta. La compagnia aerea non ha fatto ricorso in appello.

Fonte: articolo tratto dal Gazzettino – pagina di Pordenone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LA NEWSLETTER

Inserisci la tua e-mail nel modulo e premi invia per iscriverti alla nostra newsletter.

Iscrivendovi alla newsletter riceverete le nostre mail contenenti notizie sulle principali tematiche consumeristiche e non solo. Oltre alle notizie, riceverete anche i nostri comunicati stampa che vengono inviati alla stampa locale e nazionale.

Accetto l'informativa sulla privacy

PROGETTI SPECIALI

  • Sportello Successioni e Testamenti
  • Sportello Successioni e Testamenti
  • Sportello Diritto di Famiglia
  • Sportello Amministrazione di Sostegno

ALTRI PROGETTI

Consulta i progetti di Associazione Difesa Consumatori

Eli-net l'azienda di Spinea, Venezia che ha realizzato il sito di Adico