Gli sportelli di Adico Associazione Difesa Consumatori

Contatta gli esperti dell'Associazione per trovare una risposta rapida ed efficace ai tuoi problemi attraverso gli Sportelli tematici

Conti correnti, rincari ‘raffreddati’ ma restano tra i più costosi d’Europa

La lobby bancaria si sta rivoltando contro l’esecutivo Monti, accusato di congegnare norme che minano l’attività creditizia e la redditività del sistema. Ma i servizi offerti sono all’altezza? L’Antitrust un anno fa avviò un’indagine conoscitiva contro il gattopardismo bancario, per “comprendere come mai nonostante un assetto del sistema profondamente modificato, i prezzi e la trasparenza continuino a segnalare un confronto competitivo ancora debole”.
Il Garante non ha ancora terminato quell’indagine. Frattanto i costi dei servizi base si confermano più freddi del carovita: la media per un conto corrente (dato Abi) cala da 114 a 111 euro tra dicembre 2010 a settembre 2011. Ma in assoluto i costi restano tra i più alti in Europa, e sarà difficile scendano in una fase in cui anche per cause esterne il settore è sotto scacco e assume funzioni sempre più “sociali”.
Proprio ieri il governatore di Bankitalia, Ignazio Visco, ha avvisato banchieri e azionisti: “Le banche in questa fase della crisi hanno la necessità di adottare politiche distributive degli utili che consentano di mantenere condizioni di adeguatezza patrimoniale, attuale e prospettica, coerenti con il complesso dei rischi assunti”. E i loro manager devono mantenere “un complessivo contenimento della remunerazione variabile, con particolari cautele sui bonus per l’anno in corso”.

I conti correnti
L’Ue accusa: oneri doppi ma pesano anche le tasse
Da anni i banchieri italiani litigano con i consumatori e la Commissione Ue sul reale costo di tenuta del conto corrente. Negli ultimi dati disponibili (a settembre 2011) il costo medio per il profilo medio, calcolato dall’associazione bancaria, è 111 euro l’anno, cui vanno aggiunti i 34,2 euro di bolli. Il costo medio sale a 122 euro (156,2 con bolli) se si usa molto lo sportello bancario, mentre chi punta sul web spende 100 euro (134 con bolli).
Banca d’Italia stima un costo medio di 110 euro. Opposte la conclusioni della Commissione europea, che in uno studio di ottobre 2010 assegnò all’Italia il primato dei costi: 295,66 euro medi annui, contro 114 euro della media Ue. Per l’Abi, la Commissione ha indagato solo i prezzi massimi di listino, senza contemplare i conti “a pacchetto”, qui diffusi. Mentre il commissario ai servizi finanziari, Michel Barnier, critica la metodologia italiana basata solo sui profili standard. La verità empirica sul costo dei conti bancari italiani sta probabilmente nel mezzo.

I profili standard
Un risparmio del 18% per chi opera on line
La Banca d’Italia, per agevolare il confronto e rendere più trasparente l’offerta sui conti correnti, ha introdotto due anni fa l’Indicatore sintetico di costo, che obbliga le vigilate a fornire costi annui per sei “griglie di adeguatezza”. Sui dati di settembre 2011, l’Abi ha calcolato che i giovani spendono, bolli esclusi, 95 euro l’anno, le famiglie a bassa operatività 112 euro, quelle a media operatività 144 euro, quelle a elevata operatività 141 euro, i pensionati a bassa operatività 87 euro, i pensionati a operatività media 122 euro.
Il risparmio per chi usa il canale online è in media il 18%. Dal punto di vista delle strategie commerciali, alcuni tra i maggiori operatori (Intesa Sanpaolo e Banco Posta) stanno concentrando su un’unica piattaforma di conto corrente, in una logica modulare per cui il cliente aggiunge (e paga) i servizi specifici al modello di base. Sul sito www. pattichiari. it è possibile confrontare il livello di prezzi e servizi.

Le operazioni
In cassa bonifico doloroso: anche due euro per l’sms
Quando si tratta di fare bonifici, domiciliare bollette, gestire pagamenti, la migliore soluzione per risparmiare è affidarsi alle tecnologie, che ormai abbattono i prezzi. L’Abi stima in 6,23 euro il costo di un bonifico per cassa verso una banca diversa dalla propria, mentre la cifra si dimezza se l’addebito è in conto corrente, e cala a 0,87 euro sui bonifici via Internet. Stessa dinamica per pagare le utenze domestiche: 3,16 euro al cassiere, 2,17 euro con addebito, 0,77 euro via internet e 0,09 euro con domiciliazione.
Nel 2011, quasi tutti i maggiori gruppi si sono inventati la trovata di chiedere una commissione – da 1 a 3 euro – per restituire i contanti depositati dai propri clienti sui conti. È diffusa, poi, la prassi bancaria di far pagare l’invio di documenti su carta intestata (fino a 12 euro, per alcuni casi riguardanti le posizioni in titoli), comprese le comunicazioni di trasparenza obbligatorie. Ma anche gli avvisi via sms sul cellulare in taluni casi possono costare (2 euro al mese), e un euro la richiesta allo sportello della lista movimenti.

Il cash
Usiamo troppo contante. Bancomat, quante trappole
L’Italia è il Paese dei contanti: per l’arretratezza tecnologica e finanziaria, per l’alta presenza di piccole e medie imprese, per l’ampia economia sommersa (compresa quella malavitosa). Le transazioni per contanti riguardano circa il 92% del totale, il 50% più che in Germania, il 31% più della media continentale. Il governo Monti ha vietato i pagamenti cash oltre la soglia di 1.000 euro. Il contante costa caro: alle banche che lo devono custodire in sicurezza, ai clienti su cui fatalmente gli istituti cercano di scaricare i costi.
Altri oneri scattano se gli utenti prelevano banconote dagli sportelli Bancomat, che in caso appartengano a network concorrenti caricano una commissione media di 1,62 euro. Escludendo le reti di banche online – prive di sportelli e che quindi rendono gratuiti i prelievi quasi ovunque – il balzello per l’utente si avvicina a 2 euro, a fronte di un costo di 0,56 euro che le banche si pagano tra loro. Un anno fa quel costo “all’ingrosso” fu ridotto su richiesta dell’Antitrust, finora senza benefici per i clienti finali.

I dossier titoli
Sulla ricchezza finanziaria effetto mini patrimoniale
A fine 2011 il governo Monti ha anche rimesso mano ai bolli sul risparmio, rivoluzionato a distanza di pochi mesi le misure introdotte dal governo Berlusconi. Producendo, in breve, un calo dei prezzi dei servizi finanziari misurati dall’Istat, che a gennaio, su un’inflazione in leggero calo (+3,2% su base annua) ha visto scendere del 2,3% su base annua le spese bancarie e finanziarie.
I tecnici dell’Abi stanno ancora analizzando questi numeri, inficiati dalla consuetudine dell’Istat ad annoverare i bolli statali nelle statistiche. La nuova tassazione riguarda tutti gli strumenti finanziari, tranne i fondi pensione e sanitari. Sul dossier titoli i risparmiatori pagheranno lo 0,10% del controvalore nel 2012, dal 2013 l’imposta salirà allo 0,15%. Il controvalore si calcola sul valore di mercato del portafoglio. Alla passata imposta di 34,20 euro a deposito, questa diventerà la soglia minima, estensibile fino a 1.200 euro (100 in più del tetto precedente) secondo gli ammontari.

Le imprese
Prestiti più gravosi, largo alla Cassa depositi
Di centrale importanza, in questa fase recessiva, è il sostegno che le banche possono dare alle imprese, non solo perché la contrazione creditizia in atto in tutta l’Europa mette a rischio la loro sopravvivenza. Secondo gli osservatori, più che sul costo dei servizi retail, l’effetto spread che ha rincarato sensibilmente i costi della raccolta bancaria ricadrà proprio sulle aziende. Nell’ultimo anno il tasso sugli impieghi a famiglie e imprese non finanziarie misurato dall’Abi è aumentato di 56 punti base, al 4,23%; e malgrado le facilitazioni della Bce c’è il rischio che salga ancora.
Ieri è stata annunciata la nuova convenzione tra l’Associazione bancaria italiana e la Cassa depositi e prestiti, che mette a disposizione delle banche un plafond di 10 miliardi di euro per sostenere le piccole e medie imprese (Pmi). Di questi nuovi fondi, due miliardi saranno dedicati a sbloccare i crediti che le imprese vantano verso la pubblica amministrazione, che spesso paga con tempi talmente lunghi da stritolare di fatto i creditori.

Le commissioni
È il nuovo casus belli che divide Abi e governo
il casus belli, tra Abi e governo, è la misura che nel decreto liberalizzazioni azzera le commissioni “a fronte della concessione di linee di credito, della loro messa a disposizione, del loro mantenimento in essere, del loro utilizzo anche nel caso di sconfinamenti in assenza di affidamento ovvero oltre il limite del fido”. Una norma che ha scatenato l’ira dei banchieri e di Confindustria, perché potrebbe disincentivare l’erogazione di fidi per 2mila miliardi.
Ad alcuni osservatori la norma pare un modo un po’ estensivo di tagliare il nodo gordiano delle commissioni di massimo scoperto, soppresse dal Tesoro nel 2009 ma che gli istituti riesumarono sotto altre forme, malgrado le critiche di Antitrust e Bankitalia. Tuttavia l’odiata Cms, avvertita come una penale per lo sconfinamento, era già stata normata dal governo Monti, che a fine 2011 nel Salva Italia ha introdotto la “Commissione di istruttoria veloce”: fissa, proporzionata a somma, durata e tasso, e comunque non superiore allo 0,5% trimestrale della somma disponibile.

Carte di credito
Il tranello delle revolving: il tasso va oltre il 15%
In Italia circolano ormai 80 milioni di carte di pagamento, più del doppio rispetto al numero dei conti correnti. La carta di credito ha un costo tra i più importanti per il cliente: attorno a 30 euro l’anno. Le più insidiose, per quanto riguarda i costi, sono le carte prepagate e quelle revolving. Le prime, che hanno avuto un boom negli ultimi anni, hanno costi elevati, ma garantiscono di più chi le utilizza sul web o in assenza di conto corrente.
Le revolving sono veri finanziamenti con tassi di interesse altissimi (attorno al 15% il Taeg medio), quindi sono da evitare, a vantaggio di prestiti personali o dello scoperto di conto corrente. Tra le nuove misure passate nel decreto liberalizzazioni, anche quella che riduce le commissioni interbancarie a carico degli esercenti per transazioni con carte di credito, in vigore da giugno. Nel frattempo, saranno gratuite per acquirente e venditore le transazioni fino a 100 euro presso i distributori di benzina.

di Andrea Greco
fonte: repubblica.it

 

6 Commenti alla discussione “Conti correnti, rincari ‘raffreddati’ ma restano tra i più costosi d’Europa”

  1. 5 marzo 2012 alle 11:06

    Qui secondo me non si tratterebbe di colpire
    le banche per partito preso, ma di individuare
    i costi più iniqui, e colpire quelli.
    La patrimoniale di Monti, ad es., è certamente
    meno iniqua di quella del precedente governo.

    Non so se e quanto, in Italia, sia stato ingente
    il fenomeno di “salvataggio” delle banche da parte
    dello Stato. Certamente non sarebbe stata opportuna
    una nazionalizzazione delle banche, e probabilmente
    in Italia non c’erano nemmeno i presupposti per un’
    azione del genere.
    E’ però vero che gli stati, che in vari parti del
    mondo hanno letteralmente tirato su dal baratro le
    banche, avrebbero dovuto, in cambio, pretendere
    qualche forma di potere, di controllo. Se non altro
    licenziamenti di molti dirigenti, e pesanti tagli
    su stipendi e “buonuscite”. Sempre dei pesci grossi,
    ovviamente.

    Sono i dirigenti superpagati, e non sufficientemente
    responsabilizzati, l’obiettivo da colpire, e non “le
    banche” di per sé. Le responsabilità, di solito,
    hanno nomi e cognomi, anche se non sono noti.

    A scanso di equivoci, io NON sono un dipendente di
    qualche banca, o simili.

  2. 5 marzo 2012 alle 10:03

    la mia banca ,BN…per non far nomi, come tutte le altre banche che in questo momento sono piene di liquidità, che va a pensare, mi offre un credito di 30.000 € forse per far vedere alla BCE che usano i prestiti ricevuti per fare altri prestiti, ovviamente a ben altri tassi. ora se la banca vuol parcheggiare i 30.000 € sul mio conto dovrebbe pagarmi gli interessi per tutta la durata del prestito e tutte le spese accessorie. sbaglio?

  3. 4 marzo 2012 alle 20:41

    Condivido con Manano40 (Venezia).Banche nazionali, con sedi regionali e provinciali – comunali (perché non approfittare delle Poste Italiane?ah in queste non si possono far migrare i mutui e rifinanziarli? le nostre attuali banche non lo permettono!)

  4. 4 marzo 2012 alle 20:31

    Forza, professor Monti!

  5. 4 marzo 2012 alle 16:09

    Come al solito, le lamentele degli speculatori contro il Governo.
    Ingrate le banche, prima hanno gioito dal salvataggio (fosse stato per me le avrei “nazionalizzate”), poi hanno fatto i fuochi d’artificio prendendo denaro frescodalla BCE all’ 1% per porlo sul mercato ma, manco per sogno ed ora si RIBELLANO. pROF. monti, CONTINUI CON LA MANO DI FERRO CON QUESTI SIGNORI DELLA FINANZA, e se persevarano, cominci a NAZIONALIZZARLE.

  6. 4 marzo 2012 alle 06:02

    e noi spostiamo il conto online…..sempre ci rimanga qualcosa da spostare!!

Rispondi

Ricevi un avviso via mail se ci sono nuovi commenti a questo articolo (potrai modificare o cancellare in ogni momento l'iscrizione ai commenti seguendo le indicazioni che troverai nelle mail di notifica)

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti.


Oppure iscriviti senza commentare.

LA NEWSLETTER

Inserisci la tua e-mail nel modulo e premi invia per iscriverti alla nostra newsletter.

PROGETTI SPECIALI

  • Sportello Patrocinio Gratuito
  • Sportello Diritto di Famiglia
  • Sportello Amministrazione di Sostegno

ALTRI PROGETTI

Consulta i progetti di Associazione Difesa Consumatori

VIDEO

Tutti i video di Carlo Garofolini, Presidente di Adico