Gli sportelli di Adico Associazione Difesa Consumatori

Contatta gli esperti dell'Associazione per trovare una risposta rapida ed efficace ai tuoi problemi attraverso gli Sportelli tematici

Mutui sempre più cari: dove costano meno

Ai minimi storici c’è il costo del denaro. Ma, purtroppo, anche la possibilità di ottenere dalla propria banca un prestito per comprare casa. Il mercato dei mutui presenta aspetti paradossali: il tasso di riferimento della Bce è all’1% e la banca centrale mercoledì scorso ha finanziato gli istituti italiani a questo tasso per ben 139 miliardi di euro. Ma ben pochi saranno usati per finanziarie imprese e famiglie, se si ripete quanto successo con la prima tranche di aiuti.

Ai minimi

L’Euribor, il parametro che indica il costo delle transazioni interbancarie a breve termine, e che costituisce il riferimento per i finanziamenti variabili, è ancora più basso. La durata mensile, infatti, è attorno allo 0,6% e quella trimestrale veleggia all’1%. Inoltre le quotazioni al Liffe, il mercato dei derivati di Londra, dei future sull’Euribor scommettono su un ulteriore calo di quasi tre decimi di punto, fino allo 0,71%, entro dicembre 2012 per l’indice benchmark, quello trimestrale. Anche il parametro dei tassi fissi, l’Eurirs, è ai livelli più bassi dell’ ultimo decennio, e si è posizionato sotto il 3%. In queste condizioni fino a un anno fa i tassi variabili sarebbero costati in media il 2,5% e i fissi meno del 4,5%. Oggi servono circa due punti di più, ma soprattutto cara grazia se si ottiene il prestito.

La media dei tassi offerti dal panel di banche presenti sul sito Mutui Online, infatti, è del 4,5% per i prestiti variabili e del 6,2% per i fissi, con oscillazioni davvero notevoli da banca a banca: ci sono variabili che superano il 5% e fissi oltre il 7%. Avviare un finanziamento indicizzato a 20 anni per 100mila euro comporta una spesa iniziale di 633 euro mentre per un fisso ne occorrono 728. A 30 anni gli importi scendono rispettivamente a 506 e 612 euro. Un anno fa un tasso variabile sarebbe costato 530 euro a 20 anni (103 in meno rispetto a oggi) e 395 a 30 anni euro (-111 su oggi). Con il tasso fisso il costo sarebbe stato inferiore di 68 euro per il ventennale e di 82 euro per il trentennale.

I possibili rischi

La differenza a favore del variabile sulla carta è appetibile ma in realtà bisogna tenere conto che una volta lasciata alle spalle la crisi, la rata indicizzata sarà destinata a salire e senza un’adeguata copertura reddituale potrebbe risultare molto pericolosa. Per fare un solo esempio, se tra due anni l’Euribor tornasse al suo valore «fisiologico» del 3% un mutuo variabile a 20 anni acceso alle condizioni di oggi andrebbe al 6,5%, e la rata ventennale aumenterebbe di 156 euro, passando a 789 euro. Il trentennale toccherebbe 668 euro, con un incremento di 163 euro. Così la convenienza rispetto al fisso sarebbe del tutto vanificata.

La stangata

L’aumento attuale dei tassi dei mutui è l’effetto del forte incremento degli spread richiesti dalle banche; l’analisi dei fogli di trasparenza pubblicati dalle banche compiuta daCorrierEconomia evidenzia un ulteriore aumento di un punto rispetto a quanto chiesto lo scorso ottobre, con punte di incrementi anche superiori ai 200 centesimi.

La tabella indica i costi massimi. È vero che le banche possono applicare condizioni migliori ai quei clienti, pochi, che ritengano appetibili, ma è altrettanto innegabile che gli spread indicati rappresentino un segnale preciso. E’ di questa opinione Roberto Anedda, vicepresidente di Mutui Online. «Scrivere nero su bianco che ci si riserva di applicare una maggiorazione sui parametri del 4 o del 5% è come dire: non siamo interessati a fare mutui».

In questo quadro possiamo segnalare almeno una voce fuori dal coro: è quella di Cariparma che ha sì aumentato gli spread dichiarati nei fogli di trasparenza, ma ha anche innalzato a 2,5 miliardi di euro il plafond destinato nel 2012 ai mutui e soprattutto ha abbassato lievemente lo spread per i clienti considerati solvibili. Un fenomeno, quest’ultimo, che, secondo Stefano Rossini, amministratore delegato di mutui Supermarket, starebbe riguardando anche altri istituti.

Meno domande

Il disinteresse sui mutui parrebbe anche ricambiato dalla clientela potenziale: i dati delle richieste di mutui registrano, secondo le analisi della centrale rischi Crif, percentuali negative di entità sconfortante: da ottobre il tasso tendenziale viaggia oltre il -40% e il 2011 si è chiuso a -19%. Una riprova viene dalla lettura dei dati della Banca d’Italia: nel 2011 lo stock dei mutui alle famiglie è aumentato di soli 15,6 miliardi di euro rispetto alla fine del 2010, mentre l’anno precedente il saldo era stato di oltre 72 miliardi di euro.

Va però sottolineato che i dati delle erogazioni e delle richieste non distinguono tra mutui nuovi e surroghe; negli ultimi mesi la rottamazione dei vecchi mutui è di fatto sparita dal mercato perché con gli spread attuali è praticamente impossibile trovare un prestito più conveniente di quello che si ha già in corso: la surroga è solo una soluzione estrema per chi ha bisogno di allungare il debito e non riesce a rinegoziare con la propria banca.

Gino Pagliuca
fonte: corriere.it

7 Commenti alla discussione “Mutui sempre più cari: dove costano meno”

  1. 14 marzo 2012 alle 20:18

    se avete meno di 10.000 euro, non usate una banca
    ma con ciò che loro dovete in un anno compratevi una signora cassaforte
    e teneteveli in casa.

  2. 13 marzo 2012 alle 19:55

    le banche sono il sistema. La merce è il derivato del potere. Collegati sono l’aspetto della “loro” crisi irreversibile, ma questi travolgono tutto e tutti affamando il mondo e divorando le conquiste sudate tra gli anni settanta e ottanta. E’ la vendetta del capitale su piano globale. ATTENTI il loro appetito non ha limiti.

  3. 12 marzo 2012 alle 19:14

    Non sapevo di essere così fortunato! Non ho mai avuto il problema di accumulare denaro e far arricchire le banche.

  4. 12 marzo 2012 alle 12:18

    Ma perchè si continuano a dare soldi e aiuti solo alle banche quando dopo i politici sono state la causa della crisi???La BCE dovrebbe aiutare direttamente le famiglie e le imprese senza passare per questi strozzini!!Solo cosi finalmente l’italia potrà iniziare a crescere e ad uscire dalla recessione!!Ditelo al professore tecnico delle banche mario monti!!

  5. 12 marzo 2012 alle 12:06

    Mandate al diavolo le banche.Imparate a spendere il soldi quando li avete,e se vi serve qualcosa fateveli prestare da amici e parenti,anche se gli date un punto di interessi in più di quello che gli da la banca,sicuramente ci guadagnate voi e chi ve li presta.Le banche sono come gli avvoltoi,a voi dimostrare che si può farne a meno di loro.

  6. 12 marzo 2012 alle 09:38

    Le banche non mollano; per questo la ripresa economica sarà difficile!!!! Qualcuno che lavora in banca può dare motivazioni a questa tirchieria bancaria? Il comportamento delle banche potrebbe sembrare quello di un usuraio che si arricchisce sulle disgrazie altrui. Perchè per una volta non rinunciano ai tassi alti ed applicano 1,57 o 1,72 come applicato agli onorevoli deputati e senatori? Almeno qualcuno potrà investire o sulla casa o sul lavoro.

  7. 12 marzo 2012 alle 08:45

    Le banche ……… un vero flagello per la nostra economia: non solo sono state la causa della crisi ma si stanno rivelando anche come gli unici soggetti economici che si vogliono tirare fuori da ogni sacrificio.
    Di questa situazione dobbiamo ringraziare i nostri governanti che sono succubi del dio denaro e quindi non possono remare contro ai sacerdoti di tale divinità, potrebbero essere dichiarati sacrileghi e in quanto tali radiati dall’ordine.

Rispondi

Ricevi un avviso via mail se ci sono nuovi commenti a questo articolo (potrai modificare o cancellare in ogni momento l'iscrizione ai commenti seguendo le indicazioni che troverai nelle mail di notifica)

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti.


Oppure iscriviti senza commentare.

LA NEWSLETTER

Inserisci la tua e-mail nel modulo e premi invia per iscriverti alla nostra newsletter.

PROGETTI SPECIALI

  • Sportello Patrocinio Gratuito
  • Sportello Diritto di Famiglia
  • Sportello Amministrazione di Sostegno

ALTRI PROGETTI

Consulta i progetti di Associazione Difesa Consumatori

VIDEO

Tutti i video di Carlo Garofolini, Presidente di Adico