Gli sportelli di Adico Associazione Difesa Consumatori

Contatta gli esperti dell'Associazione per trovare una risposta rapida ed efficace ai tuoi problemi attraverso gli Sportelli tematici

BOLLETTE DELL’ENERGIA ELETTRICA, STANGATA DA 17 MILA EURO PER UNA ESERCENTE DI JESOLO. MA LEI AVEVA CEDUTO IL BAR ANNI PRIMA. INTERVIENE ADICO

In quel bar di piazza Nember c’è stata solo un anno, da febbraio a dicembre 2008. Eppure gli strascichi dell’esperienza da esercente maturata a Jesolo (Venezia) si fanno ancora sentire e in modo molto pesante. M.S., 38enne di San Donà, a febbraio 2014 ha ricevuto infatti una telefonata da parte di Enel Energia che le ha comunicato una pendenza di oltre 17 mila euro proprio in riferimento alle utenze del locale gestito nel 2008. Gli importi, però, riguardano il periodo 2009-2013 quando l’ex esercente non gestiva più il bar. “La nostra socia – spiega Carlo Garofolini, presidente dell’Adico – è naturalmente preoccupatissima e non sa spiegarsi cosa possa essere successo. Da tempo sta cercando di sistemare la situazione senza risultati, ora ha deciso di rivolgersi al nostro ufficio legale”. Come detto M.S. ha preso in gestione il locale a febbraio 2008. Ad aprile ha chiesto ad Enel Energia la voltura dell’utenza ma per mesi le bollette sono state recapitate a nome del precedente gestore. Così, spiega la stessa 38enne di San Donà, “a ottobre ho chiesto l’annullamento della voltura ed Enel mi ha risposto molto tempo dopo, scrivendomi che non era possibile annullare la richieste perché la voltura era ormai andata a buon fine a novembre, quindi sette mesi dopo la mia domanda di aprile. A fine anno ho deciso di andare via e a dicembre l’azienda mi ha comunicato la cessazione dell’utenza”. La questione s’è riaperta dunque a febbraio 2014 con la telefonata di Enel e il successivo invio di una fattura impressionante contenente 34 bollette riferite al periodo 2009-2013 con cifre che variano da qualche centinaio di euro fino a 1.600 euro per un totale di 17.293 euro. “Non sappiamo cosa sia successo – commenta Carlo Garofolini – ma non è la prima volta che, dopo una voltura, ci si trova di fronte a situazioni simili. Da quanto ci ha documentato la nostra socia, c’è evidentemente un errore dell’azienda. Tramite il nostro ufficio legale ricorreremo all’Arbitro bancario per risolvere il problema e dare un po’ di tranquillità alla nostra iscritta che sta vivendo un vero e proprio incubo”.

 

LA NEWSLETTER

Inserisci la tua e-mail nel modulo e premi invia per iscriverti alla nostra newsletter.

Iscrivendovi alla newsletter riceverete le nostre mail contenenti notizie sulle principali tematiche consumeristiche e non solo. Oltre alle notizie, riceverete anche i nostri comunicati stampa che vengono inviati alla stampa locale e nazionale.

Accetto l'informativa sulla privacy

PROGETTI SPECIALI

  • Sportello Successioni e Testamenti
  • Sportello Successioni e Testamenti
  • Sportello Diritto di Famiglia
  • Sportello Amministrazione di Sostegno

ALTRI PROGETTI

Consulta i progetti di Associazione Difesa Consumatori

Eli-net l'azienda di Spinea, Venezia che ha realizzato il sito di Adico