Gli sportelli di Adico Associazione Difesa Consumatori

Contatta gli esperti dell'Associazione per trovare una risposta rapida ed efficace ai tuoi problemi attraverso gli Sportelli tematici

CHIUSA L’AGENZIA DELLE POLEMICHE. ADICO CHIEDE ALLA CASA MADRE DI SALDARE LE SITUAZIONI PENDENTI

MESTRE. L’agenzia immobiliare, ormai, non esiste più. Smantellate le insegne, liberati i locali: Luca Lorenzon, titolare della Fenice snc, ex Primacasa di Zelarino, finita nel mirino di clienti che lamentavano la mancata restituzione della caparra versata per prenotare degli appartamenti in affitto o in vendita, poi mai consegnati, ha di fatto chiuso la sua attività. C’è da dire che l’uomo, dopo le denunce e la mobilitazione dell’ufficio legale di
Adico (a cui si sarebbero rivolti almeno una ventina di persone), ha iniziato a onorare (almeno in parte) i propri debiti. Diversi clienti, quindi, sono già stati risarciti anche se, al momento, rimangono ancora diverse le questioni aperte. IL RUOLO DI PRIMACASA. Il problema principale è che, a quanto pare, Fenice snc avrebbe un socio unico (Lorenzon, appunto) che però non avrebbe un patrimonio aggredibile. Imporre risarcimenti, a queste condizioni, è praticamente impossibile. Anche vincendo un’ipotetica causa, quindi, chi avanza ancora dei soldi difficilmente potrà riavere la cifra versata, se non su iniziativa dello stesso titolare. Motivo per cui
Adico, tramite i suoi legali, avrebbe deciso di chiamare in causa la casa madre, Primacasa. «I clienti però quando si sono rivolti a quell’agenzia si sono rivolti a “Primacasa”, non al signor Lorenzon – spiegano dall’ufficio legale di
Adico – Quindi ci auguriamo che anche per una questione di immagine, la casamadre decida di intervenire in sostituzione». Per il momento, dal colosso veronese, non è ancora arrivata risposta. Vista l’entità delle cifre in ballo (si parla di un totale di all’incirca una decina di migliaia di euro) la richiesta potrebbe anche essere esaudita con accordo bonario. LA VICENDA Il caso dell’agenzia immobiliare di Zelarino era esploso alcuni mesi fa, con la denuncia ai carabinieri di alcuni clienti. Oltre alla mancata restituzione di caparre, c’era in ballo il fatto che il titolare facesse vedere delle case che non sarebbero state disponibili. Qualcun altro, inoltre, aveva segnalato di essere in attesa da mesi di documenti necessari per completare il rogito. Un’altra querela successivamente era stata presentata dall’ Adico per un 46enne straniero che a novembre aveva versato un deposito cauzionale di 1.920 per una casa in affitto. In uno degli ultimi episodi, addirittura, un albanese era venuto alle mani con il titolare dell’agenzia: l’uomo aveva preso a pugni Lorenzon per farsi consegnare i 900 euro della caparra finendo così per essere arrestato dalla polizia per rapina. Il giudice, poi, l’aveva scarcerato derubricando il reato a esercizio arbitrario delle proprie ragioni.
Fonte: Il Gazzettino. Autore: Davide Tamiello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LA NEWSLETTER

Inserisci la tua e-mail nel modulo e premi invia per iscriverti alla nostra newsletter.

Iscrivendovi alla newsletter riceverete le nostre mail contenenti notizie sulle principali tematiche consumeristiche e non solo. Oltre alle notizie, riceverete anche i nostri comunicati stampa che vengono inviati alla stampa locale e nazionale.

Accetto l'informativa sulla privacy

PROGETTI SPECIALI

  • Sportello Successioni e Testamenti
  • Sportello Successioni e Testamenti
  • Sportello Diritto di Famiglia
  • Sportello Amministrazione di Sostegno

ALTRI PROGETTI

Consulta i progetti di Associazione Difesa Consumatori

Eli-net l'azienda di Spinea, Venezia che ha realizzato il sito di Adico