Gli sportelli di Adico Associazione Difesa Consumatori

Contatta gli esperti dell'Associazione per trovare una risposta rapida ed efficace ai tuoi problemi attraverso gli Sportelli tematici

ADICO: tutto quello che c’è da sapere sulle scadenze di pagamento di una bolletta di luce e gas

1) La scadenza entro la quale si deve pagare la bolletta.
Se si ha un contratto a condizioni regolate dall'Autorità per Energia Elettrica e il Gas appartenente al mercato vincolato, o di maggior tutela – la bolletta deve indicare la data d'emissione e quella di scadenza per il pagamento, che deve essere fissata dopo almeno 20 giorni dalla data d'emissione. Se il pagamento viene effettuato entro la scadenza indicata e nei modi autorizzati dal venditore (poste, banca, sportelli cassa del venditore stesso etc.), il cliente è libero dai suoi obblighi. Eventuali ritardi, da parte di chi ha riscosso la bolletta, nella comunicazione dell'avvenuto pagamento all'esercente, non possono essere imputati al cliente. Se si ha un contratto nel mercato libero, invece, i termini di pagamento della bolletta sono indicati nel contratto di fornitura. Ricordiamo che, se si ha un contratto sul mercato di maggior tutela, la bolletta deve essere inviata ai clienti almeno ogni 2 mesi; se il contratto è sul mercato libero, la periodicità di invio della bolletta è indicata nel contratto di fornitura.

2) La penalità per il ritardo di pagamento.
A chiunque può capitare di pagare in ritardo una bolletta, pur senza essere un "cattivo pagatore". Se un cliente con contratto a condizioni regolate dall'Autorità per Energia Elettrica e il Gas (AEEG) – appartenente, cioè, al mercato vincolato, o di maggior tutela – paga la bolletta dopo la scadenza indicata, il venditore può chiedergli gli interessi di mora, per i giorni di ritardo, a un tasso pari al tasso di riferimento fissato dalla Banca Centrale Europea (BCE) aumentato del 3,5%. Se, per esempio, il tasso di riferimento è al 3%, il tasso di mora che può essere applicato ai clienti morosi sarà del 6,5% annuo. Il venditore può richiedere anche il pagamento delle sole spese postali per l'invio del sollecito. Se invece un cliente con un contratto nel mercato libero paga dopo la scadenza indicata sulla bolletta stessa, il venditore può chiedere gli interessi di mora e le spese previste dal contratto. Se però il cliente continua a non pagare, si può arrivare alla sospensione del servizio di elettricità per morosità.

3) Quando viene sospesa la corrente per morosità?
Se il cliente non paga entro la scadenza indicata sulla bolletta, il venditore deve inviargli una raccomandata (non è necessario l'avviso di ritorno) che specifichi: (1) il termine ultimo per il pagamento, che non può essere inferiore a 5 giorni dal ricevimento della raccomandata; (2) le modalità con cui il cliente deve comunicare al venditore l'avvenuto pagamento (telefono, fax ecc.); (3) il termine oltre il quale, se il cliente continua a non pagare, il venditore invierà al distributore la richiesta di sospensione della fornitura; (4) l'eventualità che, se le condizioni tecniche del contatore lo consentono, prima della sospensione della fornitura la potenza verrà ridotta a un livello pari al 15% della potenza disponibile. Se, per esempio, il contratto prevede una potenza massima di 3,3 kW, essa verrà ridotta a 495 W, consentendo così un uso, sia pure minimo, di alcune apparecchiature elettriche. Se, tuttavia, il cliente continua a non pagare, dopo 15 giorni di riduzione della potenza la fornitura elettrica verrà sospesa.

4) Come riattivare una fornitura sospesa
Per riattivare una fornitura sospesa per morosità, occorre inviare al venditore la richiesta insieme con la documentazione dell'avvenuto pagamento, nei modi indicati nella comunicazione di messa in mora. Il venditore che riceve l'attestazione di pagamento del cliente deve immediatamente inviare al distributore (tramite fax o e-mail) la richiesta di riattivazione della fornitura. Se il venditore riceve dal cliente tale attestazione dopo le ore 18:00 di un giorno feriale, l'invio al distributore può avvenire il giorno successivo. Questi deve procedere a riattivare la fornitura entro un giorno feriale dalla ricevimento della richiesta da parte del venditore (un giorno lavorativo se il contatore è telegestito). Se invece della disattivazione è stata effettuata una riduzione della potenza disponibile inferiore al 15%, la riattivazione deve avvenire entro un giorno lavorativo. Se per responsabilità del distributore la fornitura viene riattivata oltre il tempo previsto, il cliente deve ricevere un indennizzo automatico.

5) I maxi-conguagli delle bollette
Da marzo 2011, c'è un'importante novità relativa alle bollette elettriche: i consumatori non sono più obbligati a pagare in una volta sola i maxi-conguagli dei consumi oppure quelli derivanti da ricalcoli a seguito di modifiche alle tariffe. I gestori di elettricità e gas, infatti, hanno ora l'obbligo di consentire pagamenti rateizzati con una semplice richiesta effettuata dal cliente entro la scadenza di pagamento della bolletta stessa, con rate costanti e in un numero pari alle bollette emesse fra un conguaglio e quello successivo. La rateizzazione del pagamento deve sempre essere possibile nei seguenti casi: (1) se il conguaglio è superiore al doppio dell'addebito più elevato fatturato nelle bollette a stima, ricevute dopo la precedente bolletta di conguaglio; (2) se, per un malfunzionamento del contatore, viene chiesto il pagamento di consumi non registrati dal contatore stesso; (3) se, al cliente dotato di contatore accessibile, è stato chiesto un conguaglio a causa di una o più mancate letture.

 

51 Commenti alla discussione “ADICO: tutto quello che c’è da sapere sulle scadenze di pagamento di una bolletta di luce e gas”

  1. 11 giugno 2012 alle 10:21

    Ho ricevuto un avviso di disattivazione con intimazione di abbassamento della potenza in data 7/5/12 per una bolletta scaduta il 10/4. Si diceva di pagare entro il 18/5 pena il depotenziamento. Ero fuori sede e non ho pagato, il 18/5 ho ricevuto il secondo avviso e il 06/6 sono arrivati a depotenziare. Nel frattempo avevo disdetto il contratto e passato a Edison. A seguito del depotenziamento sono andato a saldare la fattura in data 08/6 e oggi 11/6 sono venuti a ripotenziare il contatore. MI verranno addebitate circa € 100 per l’operazione. Il mio contratto con l’azienda A2A era di tipo AEEG
    Le mie domande sono le seguenti:
    Avendo sempre pagato tutte le bollette, è normale che i due preavvisi e il depotenziamento siano avvenuti nell’arco di solo 2 mesi?
    E’ giusto che debba pagare la spesa extra di € 100?
    In caso non fosse corretto come mi devo comportare?
    Grazie

  2. 4 giugno 2012 alle 18:05

    Mi è arrivata oggi 04.06.2012 una bolletta di conguaglio di energia elettrica dell’ENI relativa all’anno 2008 pari a Euro 900,00 cierca.
    Da molto tempo il mio gestore di rete elettrica è Edison a cui pago regolarmente le bollette.
    Non mi è stato mai comunicato di dover ricevere da Eni un conguaglio di spesa per la fornitura elettrica quando ho chiesto disdetta di tale fornitura ENI.
    Adesso non sò se pagare questo conguaglio anche perchè non ho più le ricevute di pagamento di ENI.
    Che cosa devo fare…???

  3. 31 maggio 2012 alle 15:53

    chiedo di sapere la cadenza entro quanto il fornitore gas energia deve fatturare i consumi, poiche’ aumentando i mesi e quindi i metri cubi da fatturare la stessa quantita’ di gas mi viene a costare il doppio. Ed ancora, è’ vero che il fornitore deve fatturare con periodicita’ mensile o bimestrale?????

  4. 28 maggio 2012 alle 14:31

    se sono passati 5 ani ora a trovato dove sono stata sei mesi fa cosa fanno tagliano il corrente a attuale persona che e dentro e me cosa mi fanno io non sono più in Italia

  5. 26 maggio 2012 alle 12:12

    Salve, a noi è capitato che diverse bollette di Enel Energia non siano arrivate, abbiamo telefonato più volte e ci hanno risposto che c’era un blocco di fatturazione, allorchè abbiamo richiesto per iscritto di avere le bollette (purtroppo non abbiamo la ricevuta del fax con il quale abbiamo spedito la richiesta perchè non era il nostro,non abbiamo mai avuto risposta da parte dell’Enel Energia. Noi sicuri di aver fatto tutta la procedura possibile, siamo andati avanti con la nostra attività, ampliata e richiesto di potenziare l’alimentazione e l’unica possibilità era di chiudere con Enel Energia e passare ad Enel normale. Questo è stato fatto con fatica parecchi mesi dopo e sinceramente ci siamo dimenticati che c’erano bollette mai fatturate che non arrivavano. Purtroppo sono arrivate in marzo, dopo 4 anni e tutte in una volta, per un totale di circa 1580,00 euro, con avviso di pagamento urgente, pena citazione legale. Ora chiediamo se è giusto che questi signori facciano ciò che vogliono e non abbiano tenuto conto delle nostre numerevoli pressioni di fatturazione e questo non è un disservizio da parte loro? Esiste una legge di un termine previsto entro il quale si deve pagare ed oltre questo tempo non si ha l’obbligo di pagamento? Vista l’urgenza, gradirei una risposta alla mia e mail. grazie Dolly

  6. 26 maggio 2012 alle 12:11

    Salve, a noi è capitato che diverse bollette di Enel Energia non siano arrivate, abbiamo telefonato più volte e ci hanno risposto che c’era un blocco di fatturazione, allorchè abbiamo richiesto per iscritto di avere le bollette (purtroppo non abbiamo la ricevuta del fax con il quale abbiamo spedito la richiesta perchè non era il nostro,non abbiamo mai avuto risposta da parte dell’Enel Energia. Noi sicuri di aver fatto tutta la procedura possibile, siamo andati avanti con la nostra attività, ampliata e richiesto di potenziare l’alimentazione e l’unica possibilità era di chiudere con Enel Energia e passare ad Enel normale. Questo è stato fatto con fatica parecchi mesi dopo e sinceramente ci siamo dimenticati che c’erano bollette mai fatturate che non arrivavano. Purtroppo sono arrivate in marzo, dopo 4 anni e tutte in una volta, per un totale di circa 1580,00 euro, con avviso di pagamento urgente, pena citazione legale. Ora chiediamo se è giusto che questi signori facciano ciò che vogliono e non abbiano tenuto conto delle nostre numerevoli pressioni di fatturazione e questo non è un disservizio da parte loro? Esiste una legge di un termine previsto entro il quale si deve pagare ed oltre questo tempo non si ha l’obbligo di pagamento? Vista l’urgenza, gradirei una risposta alla mia e mail. grazie Donatella Ruggeri

  7. 20 maggio 2012 alle 21:38

    Mi e ,arrivata una bolletta di 1346 euro di gas pari a 1800mc di gas in ritardo gdf svez mi ha detto che non posso richiedere la dilazione per un ritardo dovuto dalla posta a prescindere chenoncapisco come posso aver consumato 1800mc di gas . Cosa posso fare il lavoro e calato aiutatemi grazie .solida francesco

  8. 11 aprile 2012 alle 15:26

    ho chiuso un attività il 30/giugno/2006, enel oggi e il 11/04/2012 mi ha mandato una fattura delle bollete di aprile,maggio,giugno del 2006 tramite agenzie recuperi crediti.quelle fatture li ho gia pagate solo cambiando casa si sono smarrite,qualcuno sa come mi devo comportarmi in questa caso

  9. 7 aprile 2012 alle 21:28

    vorrei solo sapere se ci sono gli estremi per un’azione penale e risarcimento danni:
    - sigillo al contatore senza preavviso o raccomandata
    - una volta pagato e’ passata una settimana e non e’ stato fatto niente per procedere alla rimozione del sigillo.

    Aspetto notizie.

  10. 24 marzo 2012 alle 18:08

    A me è successa la stessa cosa che è successa a Dario, la bolletta di luce è scaduta il 06/02/2012 e il depotenziamento è stato effettuato il 20/03/2012, però nel frattempo non ho ricevuto né il sollecito né un preaviso del depotenziamento, allora chiedo è una procedura normale questa? Poi mi è stato detto che non potevano ristabilire la potenza elettrica a distanza e quindi devo venire a controllare il contatore a casa mia.

Rispondi

Ricevi un avviso via mail se ci sono nuovi commenti a questo articolo (potrai modificare o cancellare in ogni momento l'iscrizione ai commenti seguendo le indicazioni che troverai nelle mail di notifica)

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti.


Oppure iscriviti senza commentare.

LA NEWSLETTER

Inserisci la tua e-mail nel modulo e premi invia per iscriverti alla nostra newsletter.

PROGETTI SPECIALI

  • Sportello Patrocinio Gratuito
  • Sportello Diritto di Famiglia
  • Sportello Amministrazione di Sostegno

ALTRI PROGETTI

Consulta i progetti di Associazione Difesa Consumatori

VIDEO

Tutti i video di Carlo Garofolini, Presidente di Adico