Gli sportelli di Adico Associazione Difesa Consumatori

Contatta gli esperti dell'Associazione per trovare una risposta rapida ed efficace ai tuoi problemi attraverso gli Sportelli tematici

DAL RALLENTAMENTO ALLA PARALISI, ORA IL GIUDICE DI PACE DI VENEZIA HA PERSO ANCHE IL SUO UNICO CANCELLIERE. ADICO PRESENTA IN PROCURA L’ESPOSTO PER “INTERRUZIONE DI PUBBLICO SERVIZIO”. GAROFOLINI: “CENTINAIA DI PRATICHE FERME. SITUAZIONE DRAMMATICA”

VENEZIA. Era difficile pensare che le cose potessero peggiorare. E invece da fine marzo negli uffici del Giudice di Pace di Venezia si è giunti alla paralisi totale. Motivo? Quell’unico cancelliere che da inizio anno sbrigava le pratiche due volte alla settimana per un totale di sedici ore al mese ora non c’è più. E, a quanto pare, non è in arrivo alcun sostituto. Così, le settecento pratiche che si erano accumulate da inizio anno (stiamo parlando di sentenze e soprattutto decreti ingiuntivi che, pur emessi dai Giudici di Pace, è come se non esistessero, perché manca appunto la “vidimazione” del Cancelliere) stanno aumentando giorno dopo giorno, con grave danno per gli stessi cittadini. Per questo motivo la prossima settimana l’ufficio legale dell’Adico presenterà in Procura un esposto affinché venga valutata la sussistenza del reato di “interruzione di pubblico servizio”, così come previsto dal codice penale. “Lo scorso 9 marzo abbiamo denunciato il rallentamento delle procedure causato dalla scarsità dell’organico della Cancelleria – spiega Carlo Garofolini, presidente dell’Adico -. L’unico cancelliere presente per 16 ore al mese avrebbe dovuto svolgere 70 pratiche a settimana per rendere effettivi i circa 700 procedimenti in due mesi e mezzo, sentenze e decreti ingiuntivi bloccati e in attesa di pubblicazione. In realtà, vista la ridottissima presenza, il cancelliere riusciva a farne un terzo. Ora, da fine marzo, non c’è più neppure lui e tutto è bloccato con grave pregiudizio per i cittadini. Ricordiamo che soprattutto i decreti ingiuntivi sono molto utilizzati per incassare in tempi brevi crediti non ancora onorati. I Giudici li emettono in brevissimo tempo ma se poi non c’è la “vidimazione” del cancelliere è come se non esistessero”. La situazione è davvero preoccupante, anche considerando che fino a un anno fa gli uffici del Giudice di Pace di Venezia erano alquanto efficienti. “Servono provvedimenti urgenti – conclude Garofolini -. Ovvero servono cancellieri subito, per evitare di giungere a un punto di non ritorno. Se continuerà questa paralisi, si recherà un grave pregiudizio a tutta la cittadinanza”. La prossima settimana, l’esposto in Procura.

LA NEWSLETTER

Inserisci la tua e-mail nel modulo e premi invia per iscriverti alla nostra newsletter.

Iscrivendovi alla newsletter riceverete le nostre mail contenenti notizie sulle principali tematiche consumeristiche e non solo. Oltre alle notizie, riceverete anche i nostri comunicati stampa che vengono inviati alla stampa locale e nazionale.

Accetto l'informativa sulla privacy

PROGETTI SPECIALI

  • Sportello Successioni e Testamenti
  • Sportello Successioni e Testamenti
  • Sportello Diritto di Famiglia
  • Sportello Amministrazione di Sostegno

ALTRI PROGETTI

Consulta i progetti di Associazione Difesa Consumatori

Eli-net l'azienda di Spinea, Venezia che ha realizzato il sito di Adico