Gli sportelli di Adico Associazione Difesa Consumatori

Contatta gli esperti dell'Associazione per trovare una risposta rapida ed efficace ai tuoi problemi attraverso gli Sportelli tematici

DISDICONO IN ANTICIPO IL CONTRATTO TELEFONICO E RICEVONO UNA FATTURA DA 770,75 EURO. CONIUGI MESTRINI SI RIVOLGONO ALL’ADICO. GAROFOLINI: “CASO EMBLEMATICO, IL RECESSO DOVEVA ESSERE GRATUITO”

MESTRE. Aderire a una offerta nel mondo delle telecomunicazioni è facilissimo, quando se ne esce, invece, le sorprese negative sono sempre dietro l’angolo. Lo sanno (fin troppo)  bene M.B. e T.V, due coniugi mestrini che hanno deciso di disdire la promozione Tim sfruttando la possibilità di recesso gratuito (dovuto a modifiche unilaterali del contratto) e alla fine si sono ritrovati con una fattura esorbitante da pagare: 770,75 euro. Una vicenda che rappresenta solo la punta dell”iceberg di un mondo, quello appunto della telefonia e di internet, in cui le parole chiarezza e trasparenza sono per lo più sconosciute. Il caso di marito e moglie mestrini, che è seguito dall’ufficio legale dell’Adico è, come detto, emblematico. Ancora un anno fa i due coniugi  hanno deciso di disdire la propria promozione Tim per aderire a un’altra, sempre con la stessa compagnia. Il recesso doveva essere gratuito visto che l’azienda, come le altre compagnie telefoniche, avevano in quel periodo portato la fatturazione a 28 giorni con una modifica unilaterale dei contratti che permetteva all’utente il recesso gratuito. Alla fine del 2018, però, M.B. e T.V. hanno ricevuto una fattura di circa 770 euro: 49 euro per i costi di disattivazione della fibra, 125 euro per le rate residue del modem e 600 euro (sic!) per l’annullamenti degli sconti a causa della cessazione anticipata. “Il nostro ufficio legale – spiega Carlo Garofolini, presidente dell’Adico – contesta in toto questa bolletta. Il recesso doveva essere gratuito. Invece ai nostri due soci è arrivata una batosta da 770 euro che comprende anche i costi del modem che i due non hanno mai ricevuto, visto che hanno sempre usufruito del loro. Purtroppo, come abbiamo già denunciato altre volte, i contratti nel settore della telefonia nascondono molte trappole. Il problema è con tutte le compagnie, sia chiaro. In particolare gli utenti ci segnalano il mancato rispetto delle spese prospettate alla firma del contratto e, appunto, i costi esorbitanti e spesso non annunciati per il recesso o per la disdetta anticipata. A nostro giudizio è necessario che si imponga alle aziende una carta della trasparenza, nella quale sia indicato in modo chiaro ed evidente a quanto ammonta esattamente la spesa e quanto costa disdire il contratto. Ci vuole una svolta  perchè la situazione è fuori controllo”.

LA NEWSLETTER

Inserisci la tua e-mail nel modulo e premi invia per iscriverti alla nostra newsletter.

Iscrivendovi alla newsletter riceverete le nostre mail contenenti notizie sulle principali tematiche consumeristiche e non solo. Oltre alle notizie, riceverete anche i nostri comunicati stampa che vengono inviati alla stampa locale e nazionale.

Accetto l'informativa sulla privacy

PROGETTI SPECIALI

  • Sportello Successioni e Testamenti
  • Sportello Successioni e Testamenti
  • Sportello Diritto di Famiglia
  • Sportello Amministrazione di Sostegno

ALTRI PROGETTI

Consulta i progetti di Associazione Difesa Consumatori

Eli-net l'azienda di Spinea, Venezia che ha realizzato il sito di Adico