Gli sportelli di Adico Associazione Difesa Consumatori

Contatta gli esperti dell'Associazione per trovare una risposta rapida ed efficace ai tuoi problemi attraverso gli Sportelli tematici

Cambiare operatore conviene. Anche se il costo è una giungla

Cambiare operatore fisso conviene. Permette di risparmiare fino a 400 euro in un anno (anche di più, se abbiamo un contratto molto vecchio). Il trucco è nel seguire bene le procedure di passaggio e poi, un po’, incrociare le dita perché c’è sempre il rischio che qualcosa vada storto. Rischio ridotto a un minimo, ormai, ma c’è: di perdere la linea per giorni e il numero telefonico per sempre, per esempio. I pro e i contro della disdetta sono emersi con chiarezza dal recente rapporto di Sos Tariffe su questo tema e il bilancio è positivo. Invita quindi gli utenti a studiare bene come “tradire” il proprio operatore. «Il mio consiglio è di non farsi intimorire dai costi di disattivazione, poiché, specialmente dopo parecchi anni dalla stipula del contratto, sarà molto semplice trovare un’offerta più conveniente», dice a Nòva24 Alberto Mazzetti, a capo di Sos Tariffe.

Gli utenti possono sfruttare il fatto che Agcom (Autorità garante delle comunicazioni) ha imposto un progressivo calo dei costi di disdetta, per farli equivalere a quanto in effetti speso dagli operatori in questa procedura (come prescritto dal decreto Bersani sulle liberalizzazioni).

Certo, i costi sono una giungla. Variabilissimi, a seconda non solo dell’operatore ma anche dell’offerta (tre casistiche: solo Adsl, solo telefono o Adsl + telefono), della tecnologia (cioè se l’utente si trova in una zona coperta o no dalla rete diretta – di unbundling – dell’operatore) e del tipo di disdetta (passaggio o cessazione della linea).

La forchetta così è molto ampia: da 26,62 euro a 107,69 euro. In genere sono però compresi tra i 40 e i 70 euro. La regola generale è che, se non cambiamo casa, è meglio fare un cambio operatore invece di una cessazione più riattivazione. Il cambio significa che manderemo la richiesta direttamente al nuovo operatore, che svolgerà le pratiche. Il vantaggio è che i costi totali (disdetta e attivazione) saranno più bassi e, soprattutto, saranno minimi i disservizi (il tempo in cui resteremo senza linea: al massimo poche ore, salvo casi sfortunati). Solo con il passaggio, inoltre, possiamo conservare il numero di rete fissa.

«Sicuramente i costi sono poco trasparenti e molto probabilmente potrebbero essere più bassi, ma penso anche che effettivamente corrispondano alla spesa dell’operatore per fare il passaggio: consideriamo che la maggior parte dei recessi avviene per forma cartacea o telefonica», aggiunge Mazzetti. Avviare la pratica via internet conviene, però: spesso gli operatori fanno promozioni dedicate a chi chiede la linea tramite il loro sito. A proposito di promozioni: ce ne sono tante che, ai nuovi abbonati, offrono due anni di canoni scontati. È considerando queste occasioni che Sos Tariffe ha calcolato fino a 400 euro di risparmio, per chi cambia operatore. Solo, serve il coraggio di tradire. E bisognerà cominciare a svilupparlo: tra qualche mese Telecom Italia e Fastweb cableranno le principali città con la fibra fino a 100 Megabit e allora cambiare sarà essenziale, per entrare nella nuova era della banda larga italiana.

Alessandro Longo
fonte: ilsole24ore.it

 

6 risposte a “Cambiare operatore conviene. Anche se il costo è una giungla”

  1. rolando ha detto:

    io ne sono la testimonianza sono passato da fastweb a infostrada logicamente per risparmiare e mi sono ritrovato con parecchi giorni senza telefono in piu una disattivazione da parte di fastweeb di 104 euro che fino ad ora non ho ancora pagato secondo voi che consiglio mi date ? saluti rolando

  2. Grazia ha detto:

    Io ho telecom e anche se secondo altri operatori pago di più, mi tengo questa linea, non ho problemi con alice la connessione è sempre possibile, mentre ho conoscenti che hanno cambiato operatore e si trovano spesso e volentieri senza linea internet oppure la connessione è molto lenta. Inoltre a conti fatti, cambiando operatore si ha un risparmio per qualche mese poi canone o non canone si paga comunque come con telecom, quindi che vale cambiare per non sapere poi cosa si trova?

  3. gabriele ha detto:

    infatti i promotori citano sempre la legge Bersani, che però non da in assoluto tutele al consumatore, perché ci sono dei vuoti: ad esempio è discrezione dell’operatore dove riconsegnare il materiale in caso di disdetta

  4. antonio ha detto:

    Forse non tutti sanno che gli operatori privati( tutti escluso telecom ) dicendo che non fanno pagare il canone “dimenticano” di dire che le telefonate passano dal modem per cui chi usa internet + telefono fisso, se dovesse mancare la corrente non può usare il telefono.

  5. Teresa Lauro ha detto:

    Dal mese di gennaio sto subendo un sacco di disagi perchè avevo accettato di passare da telecom (oltre 100 euro ogni due mesi con telefonate illimitate e internet 24 ore) a Wind Infostrada con un canone circa 60 euro ogni due mesi. Considerate che io ho due numeri di telefono distinti. Ebbene, ultimamente ho pagato due bollette : wind (per le telefonate fatte da un numero ) e la normale bolletta telefonica Telecom relativa all’altro numero.
    A non tutti è dato di avere due operatori telefonici nella stessa abitazione!!!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LA NEWSLETTER

Inserisci la tua e-mail nel modulo e premi invia per iscriverti alla nostra newsletter.

Iscrivendovi alla newsletter riceverete le nostre mail contenenti notizie sulle principali tematiche consumeristiche e non solo. Oltre alle notizie, riceverete anche i nostri comunicati stampa che vengono inviati alla stampa locale e nazionale.

Accetto l'informativa sulla privacy

PROGETTI SPECIALI

  • Sportello Successioni e Testamenti
  • Sportello Successioni e Testamenti
  • Sportello Diritto di Famiglia
  • Sportello Amministrazione di Sostegno

ALTRI PROGETTI

Consulta i progetti di Associazione Difesa Consumatori

Eli-net l'azienda di Spinea, Venezia che ha realizzato il sito di Adico