Gli sportelli di Adico Associazione Difesa Consumatori

Contatta gli esperti dell'Associazione per trovare una risposta rapida ed efficace ai tuoi problemi attraverso gli Sportelli tematici

ERRORE DEL CAF, L’INPS INTIMA LA RESTITUZIONE DI 5 MILA EURO A UNA 54ENNE INVALIDA DI GARDIGIANO. INTERVIENE L’ADICO.

MARTELLAGO (VENEZIA). Per un anno, dal 2014 al 2015, ha percepito l’assegno dall’Inps essendo invalida al 100% a causa di una recidiva. Poco meno di 500 euro mensili fondamentali per affrontare il  grande momento di difficoltà.  Qualche giorno fa, però, L. C., 54enne di Gardigiano e cuoca part time,  ha ricevuto una lettera dall’Inps con la quale l’Ente previdenziale, a distanza di tre anni, le  chiede la restituzione dei soldi percepiti, circa 5 mila euro, perché non dovuti. Come spiegato nella missiva, infatti, la 54 enne aveva un limite di reddito più alto rispetto a quello previsto per il contributo: 21 mila euro lordi invece di 16 mila. Ma dove nasce il problema? Semplice: negli uffici dell’Acli di via Friuli a Martellago  da dove è partita la richiesta dell’assegno di invalidità. Qui l’operatore non ha tenuto conto del limite di reddito e ha inviato la domanda all’Inps. L’Ente, comunque, ha accolto la richiesta concedendo l’assegno a L. C. la quale  lo ha percepito a partire da maggio 2014. A maggio 2015 la donna ha fatto la revisione dell’invalidità e da quel momento non avrebbe dovuto percepire più nulla. Invece, come spiega  Carlo Garofolini, presidente dell’Adico, “la nostra socia ha ricevuto l’assegno fino a settembre anche se lei stessa, dopo la revisione, aveva avvertito l’Ente previdenziale che non ne aveva più diritto. Al di là di tutto, ora le chiedono indietro 5 mila euro. E pensare che L.C.  si era rivolta all’Acli solo per richiedere la 104, ed è stato l’operatore del Caf a suggerirle di chiedere anche l’assegno di invalidità, senza tenere conto dei limiti di reddito. Una vera e propria beffa”. Ora L. C., che si è appoggiata all’Adico, conta in un intervento riparatore da parte dell’Acli di Martellago.  “L’operatore dal Caf – continua Garofolini – ha negato le proprie responsabilità, che però sono palesi, passando la palla all’Inps. In effetti anche l’Ente a nostro giudizio avrebbe dovuto controllare prima se esistevano i requisiti per concedere l’assegno. Siamo convinti che il patronato farà la sua parte ma se ciò non accadesse invitiamo l’Inps, vista la particolare situazione, a concedere alla nostra socia una rateizzazione di 60 mesi, che già pesano comunque molto su una persona che lavora part time”.

LA NEWSLETTER

Inserisci la tua e-mail nel modulo e premi invia per iscriverti alla nostra newsletter.

Iscrivendovi alla newsletter riceverete le nostre mail contenenti notizie sulle principali tematiche consumeristiche e non solo. Oltre alle notizie, riceverete anche i nostri comunicati stampa che vengono inviati alla stampa locale e nazionale.

Accetto l'informativa sulla privacy

PROGETTI SPECIALI

  • Sportello Successioni e Testamenti
  • Sportello Successioni e Testamenti
  • Sportello Diritto di Famiglia
  • Sportello Amministrazione di Sostegno

ALTRI PROGETTI

Consulta i progetti di Associazione Difesa Consumatori

Eli-net l'azienda di Spinea, Venezia che ha realizzato il sito di Adico