Gli sportelli di Adico Associazione Difesa Consumatori

Contatta gli esperti dell'Associazione per trovare una risposta rapida ed efficace ai tuoi problemi attraverso gli Sportelli tematici

GLI AUTOBUS CORRONO TROPPO, RESIDENTI DEL LIDO DI VENEZIA CHIEDONO AIUTO ALL’ADICO. GAROFOLINI: “SONO ESAUSTI, PERFINO WIKIPEDIA SEGNALA QUESTO PROBLEMA”

LIDO DI VENEZIA. Niente da fare. Non bastano le numerose proteste dei cittadini e le lettere inviate ad Actv e alla Municipalità da alcuni residenti esausti: al Lido gli autobus – in primis la linea 11 -, corrono troppo, ben oltre i limiti di velocità fissati, soprattutto in via Droma (ma non solo), strada priva di guard rail e di marciapiedi, mettendo a rischio l’incolumità dei passeggeri e di chi percorre la via a piedi o in bici. Una situazione ben nota a tutti, tanto che perfino “wikipedia” accenna al problema (alla  voce Actv-servizio urbano dal Lido a Pellestrina) sottolineando come “la linea 11 ha la caratteristica tali che, dovendo coordinarsi con i tempi del ferry boat ed avendo un notevole flusso di passeggeri, soprattutto nelle ore di punta, contempla la partenza anche di tre autobus contemporaneamente, non potendo utilizzare mezzi snodati; inoltre non effettua tutte le fermate delle altre linee, ragion per cui mantiene nel tragitto una velocità piuttosto celere”.

Ecco dunque che alcuni cittadini del Lido hanno deciso di rivolgersi all’Adico, anche dopo aver appreso dell’ex gondoliere 86enne che si è affidato all’ associazione in seguito a una rovinosa caduta all’interno di un mezzo Actv del Lido. “E’ da tempo che contestiamo questa pericolosa situazione. – spiega la lidense Daniela Giadresco che ha più volte scritto ad Actv e alla Municipalità e che ora si è rivolta all’ufficio legale dell’Adico – Per prassi e non solo su alcune arterie ma in pieno centro abitato, gli autobus superano i limiti di velocità consentiti e ciò non dipende solo dal comportamento degli autisti ma anche dagli orari ufficiali imposti. Bisogna dire che sulla linea 11 è abitudine quella di viaggiare a velocità sostenuta, mettendo a repentaglio la vita delle persone, inclusa quella del conducente, con conseguenze pure sulla salute dei residenti, in particolare dei frontisti, in termini di inquinamento dell’aria e di quello acustico”. In tale contesto, sottolinea Carlo Garofolini, presidente dell’Adico, “lanciamo un appello ad Actv affinchè sistemi la situazione evitando nuovi incidenti come quello capitato al nostro socio 86 enne per il quale abbiamo inviato all’azienda una richiesta di risarcimento. Servono nuovi dissuasori, più controlli e, a ogni evidenza, un cambiamento di orari. Tutto ciò deve essere fatto con urgenza, anche in vista della stagione estiva nella quale il numero di utenti aumenta in modo esponenziale”.

 

Rispondi

Ricevi un avviso via mail se ci sono nuovi commenti a questo articolo (potrai modificare o cancellare in ogni momento l'iscrizione ai commenti seguendo le indicazioni che troverai nelle mail di notifica)

LA NEWSLETTER

Inserisci la tua e-mail nel modulo e premi invia per iscriverti alla nostra newsletter.

Iscrivendovi alla newsletter riceverete le nostre mail contenenti notizie sulle principali tematiche consumeristiche e non solo. Oltre alle notizie, riceverete anche i nostri comunicati stampa che vengono inviati alla stampa locale e nazionale.

Accetto l'informativa sulla privacy

PROGETTI SPECIALI

  • Sportello Successioni e Testamenti
  • Sportello Successioni e Testamenti
  • Sportello Diritto di Famiglia
  • Sportello Amministrazione di Sostegno

ALTRI PROGETTI

Consulta i progetti di Associazione Difesa Consumatori

Eli-net l'azienda di Spinea, Venezia che ha realizzato il sito di Adico