Gli sportelli di Adico Associazione Difesa Consumatori

Contatta gli esperti dell'Associazione per trovare una risposta rapida ed efficace ai tuoi problemi attraverso gli Sportelli tematici

GLI OPERATORI TELEFONICI SI ADEGUANO ALLE MOSSE DELL’ANTITRUST, DIETROFRONT SUGLI AUMENTI

Grande dietrofront sugli aumenti delle offerte telefoniche fisse e mobili, che erano previsti dal primo aprile. Alcuni operatori hanno già annunciato le novità (Vodafone e Fastweb); altri, a quanto risulta a Repubblica, si preparano a farlo. Buone notizie, quindi, ma che arrivano in risposta alla bacchettata dell’Antitrust. Gli operatori così provano a evitarne le sanzioni, basate sull’ipotesi che ci fosse un cartello tra loro (avevano deciso gli aumenti in simultanea).
Vodafone è stata la prima ad annunciare lo stop ai rincari dei canoni mensili (dell’8,6 per cento circa), che – come gli altri operatori – miravano a lasciare invariato il costo annuale nel ritorno alla tariffazione mensile (da quella a 28 giorni, che è vietata per legge a partire dal 5 aprile). Fastweb invece ha lanciato offerte fisse e mobili dal prezzo ridotto (e anche caratterizzate da una maggiore trasparenza), a cui tutti gli utenti (anche quelli vecchi) possono aderire gratis. Tim fa sapere che “Pur non condividendo il merito del provvedimento cautelare Antitrust, Tim sta mettendo in campo tutte le misure necessarie per ottemperare e differenziare ulteriormente le offerte sia fisse sia mobili”.
Wind Tre, a quanto risulta, non prevede rincari su 10 milioni di utenti; per gli altri gli eventuali aumenti di prezzo non supereranno, mediamente, il 5,6%. Mentre per Vodafone e Fastweb la situazione è già chiara, quindi, per Wind 3 e Tim ciascuno utente scoprirà il proprio destino nel corso di aprile.
Differenziare è la parola d’ordine. Da quanto risulta dalla lettura del dispositivo dell’Antitrust, infatti, il problema non sono gli aumenti in sé quanto la loro contemporaneità. Se gli operatori si differenziano nella strategia di ritorno a tariffa mensile evitano alla radice l’accusa di cartello.

E si differenziano perché Vodafone ha cancellato a tutti i rincari, Fastweb presenta offerte scontate che i vecchi utenti (impattati dai rincari) ora dovrebbero affrettarsi a sottoscrivere. Tim e Wind 3 differenzieranno le scelte a seconda dei casi, ma l’orientamento sembra sempre quello di ridurre al minimo i rincari. Certo meglio di quanto annunciato prima.
In particolare, Fastweb – il cui annuncio è il più articolato – dichiara che “da ieri nel prezzo mensile Fastweb saranno incluse tutte le componenti che solitamente vengono fatte pagare a parte – ad esempio il prezzo di attivazione, il contributo aggiuntivo per il modem o l’opzione ultrafibra. Fastweb esporrà nella propria bolletta – con cadenza mensile e non più bimestrale proprio nell’ottica di aumentarne la chiarezza – un prezzo unico, semplice e trasparente, che non aumenta alla fine del periodo promozionale: 29,95 euro al mese per Internet illimitato e 34,95 euro al mese per internet e chiamate illimitate verso tutti i numeri fissi. Le chiamate verso i mobili avranno un costo di 0,05 euro al minuto, fino ad un sesto del prezzo applicato dagli altri operatori”. Altra novità, abbastanza unica sul mercato: ha eliminato ogni vincolo mensile sul fisso. Su mobile, invece, la principale nuova offerta scontata dà 8GB, 700 minuti e 700 SMS a 6,95 euro al mese per i clienti fissi (10,95 euro al mese per i clienti solo mobile).
La parola ora all’Antitrust, comunque, che dovrà decidere se gli operatori hanno fatto bene i compiti e quindi archiviare il procedimento. O se sanzionarli comunque, anche se non sarebbe chiaro su quale base – in questo caso – considerando che i rincari non erano ancora scattati e quindi il cartello eventuale non si era ancora espresso sul mercato.

fonte: repubblica

7 risposte a “GLI OPERATORI TELEFONICI SI ADEGUANO ALLE MOSSE DELL’ANTITRUST, DIETROFRONT SUGLI AUMENTI”

  1. Carlo ha detto:

    Ciao! Avete scritto nell’articolo “…O se sanzionarli comunque, anche se non sarebbe chiaro su quale base…” beh la base mi sembra ovvia: il fatto di essersi inventati un metodo per “fregare” l’utente ovvero creare la tariffa a 4 settimane! Si è creato un pericoloso precedente che ci ha danneggiati per almeno un anno facendoci pagare una mensilità in più…ora gli operatori fanno i…”bravi scolari” dicendo che si adegueranno! E la mensilità che ci hanno sottratto abusivamente dove finirà? Ovviamente è già nelle loro tasche. Rimane il fatto che hanno potuto fare quello che volevano SENZA ESSERE PUNITI per almeno un anno vista la lentezza di reazione del sedicente “garante”.
    Anche il fatto che avesse scritto “si è avuto il sospetto che ci sia stato cartello” mi è sembrato alquanto ridicolo!
    L’altra cosa grave è stata che siano stati bloccati per CARTELLO e no per il fatto che la cosa era unilaterale e illegale (oltre che VERGOGNOSA) e che dimostrasse che in Italia, contrariamente agli altri nostri vicini più seri, le aziende possano fare quello che vogliono impunemente!!!
    Altro esempio i prezzi delle auto indicati “a rate” per confondere le idee al consumatore che non può più confrontare agevolmente il prezzo INTERO. Quando la smetteranno di ingannarci e inizieranno ad essere ETICI!
    Ciao a tutti!
    Carlo

  2. Linceo ha detto:

    Non corrisponde a vero proprio stamattina (03/04/2018) Wind mi ha tolto € 8.14 contro € 7.5 precedente. Esattamente il rincaro di 8.6%

    • Adico ha detto:

      Salve, bisogna lasciare loro il tempo di adeguare nuovamente le tariffe.

      Distinti saluti
      Gianluca Codognato
      ufficio stampa Adico

  3. Roberto ha detto:

    Abbiamo dei protettori morbidi, pompieri più che giustizieri.Che ci rifacciano rimborsare la 13^ mensilità, se hanno…….le palle ! ! ! E che valutino loro se ci sono giustificati motivi per un aumento anche solo dello 0,0001 % ! ! ! ! È la solita giustizia…..all’italiana ! ! Carrozzoni nati per dare del lavoro ad alcuni disoccupati, non veri …..garanti ! !

  4. Dalmazio ha detto:

    Siete sicuri dell’articolo? a me è arrivata stamattina la fattura Vodafone per telefono e internet con l’aumento previsto; non so se il motivo era che ormai avevano già fatturato o meno ma comunque l’aumento c’è. Tra l’altro la Vodafone ha già aggirato l’antitrust sul fatto di non poter aumentare i canoni mensili per la leggina fatta sulla fatturazione a 28 giorni, usando come scusa l’aumento del mio canone da 29.90 al mese a 34.25 da Luglio in poi per “mutate condizioni di mercato”; in sostanza tutte le compagnie aumenteranno lo stesso i canoni a tutti i loro clienti e alla fine come sempre ce lo pigliamo lo stesso nel… biiip!!!

    • Adico ha detto:

      Salve, le confermo il contenuto dell’articolo e le confermo anche che gli operatori avevano tempo fino a inizio aprile per adeguarsi.

      Distinti saluti
      Gianluca Codognato
      uff. stampa Adico

  5. Dalmazio ha detto:

    Aggiungo tra l’altro che con me la Vodafone continua ad emettere fatture anticipate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LA NEWSLETTER

Inserisci la tua e-mail nel modulo e premi invia per iscriverti alla nostra newsletter.

Iscrivendovi alla newsletter riceverete le nostre mail contenenti notizie sulle principali tematiche consumeristiche e non solo. Oltre alle notizie, riceverete anche i nostri comunicati stampa che vengono inviati alla stampa locale e nazionale.

Accetto l'informativa sulla privacy

PROGETTI SPECIALI

  • Sportello Successioni e Testamenti
  • Sportello Successioni e Testamenti
  • Sportello Diritto di Famiglia
  • Sportello Amministrazione di Sostegno

ALTRI PROGETTI

Consulta i progetti di Associazione Difesa Consumatori

Eli-net l'azienda di Spinea, Venezia che ha realizzato il sito di Adico