Gli sportelli di Adico Associazione Difesa Consumatori

Contatta gli esperti dell'Associazione per trovare una risposta rapida ed efficace ai tuoi problemi attraverso gli Sportelli tematici

DURANTE LE ULTIME FESTE LA PROBABILITA’ DI SUBIRE FRODI ON LINE E’ AUMENTATA

I truffatori, specie quelli che usano carte di credito rubate, o semplicemente i loro dati, hanno lavorato anche nei giorni di Natale. Soprattutto nelle feste. E più in generale nei “periodi tranquilli”. Il fenomeno non è nuovo, ma uno studio in anteprima di Stripe – azienda tecnologica che si occupa di e-commerce e pagamenti via internet – conferma questa tendenza.  

L’uso fraudolento di carte e dei loro dati avviene soprattutto quando i consumatori non acquistano, di notte, e fuori dall’orario lavorativo. E poi nei giorni di festa. L’idea della ricerca – che ha esaminato dati sulle frodi online commesse in un anno per rilevare i modelli ricorrenti nei diversi Paesi e nelle diverse fasce orarie – è di fornire ai negozianti e alle imprese delle indicazioni utili per prevenire e arginare questo tipo di illeciti. Lo studio dunque suggerisce di effettuare controlli più approfonditi sulle transazioni effettuate al di fuori del normale orario commerciale, mediante verifiche manuali o filtri automatici più severi. 

Altro dato interessante: le transazioni fraudolente non sono quasi mai elevate, si discostano di poco da quelle normali (in genere perché i truffatori temono di dare nell’occhio). Negli Stati Uniti, ad esempio, l’entità delle transazioni fraudolente è solo leggermente superiore a quella delle operazioni normali. In altri Paesi si arriva al doppio. Comuni anche gli acquisti multipli con la stessa carta: su oltre il 40% delle carte compromesse viene addebitata più di una transazione fraudolenta. 

Inoltre i truffatori tendono a fare più acquisti con lo stesso venditore, invece di distribuirli su più imprese. E ancora: i truffatori realizzano tali acquisti multipli in tempi molto più brevi rispetto alle transazioni normali. Di fatto tali addebiti consecutivi si verificano in tempi dieci volte più brevi rispetto a quelli disposti dai titolari delle carte. In questo caso, l’indicazione per le imprese è di fare attenzione quando vengono effettuate molte operazioni in poco tempo con la stessa carta di credito. 

Per quanto riguarda i prodotti più presi di mira con acquisti fraudolenti spiccano i servizi on demand, e i beni immateriali, che non necessitano di consegna (ovviamente più problematica e rischiosa per un truffatore). Ma anche beni di consumo di fascia bassa.  

Infine, i Paesi. Più a rischio gli acquisti con carta di credito/debito dei consumatori di Argentina, Brasile, India, Malesia, Messico e Turchia, ma attenzione anche alle carte statunitensi, canadesi, francesi. Tra i suggerimenti, quello di testare l’applicazione di diverse regole su base geografica per le transazioni; e di chiedere più dati a tutti i clienti di quei Paesi. 

Fonte: La Stampa.it

Rispondi

Ricevi un avviso via mail se ci sono nuovi commenti a questo articolo (potrai modificare o cancellare in ogni momento l'iscrizione ai commenti seguendo le indicazioni che troverai nelle mail di notifica)

LA NEWSLETTER

Inserisci la tua e-mail nel modulo e premi invia per iscriverti alla nostra newsletter.

Iscrivendovi alla newsletter riceverete le nostre mail contenenti notizie sulle principali tematiche consumeristiche e non solo. Oltre alle notizie, riceverete anche i nostri comunicati stampa che vengono inviati alla stampa locale e nazionale.

Accetto l'informativa sulla privacy

PROGETTI SPECIALI

  • Sportello Successioni e Testamenti
  • Sportello Successioni e Testamenti
  • Sportello Diritto di Famiglia
  • Sportello Amministrazione di Sostegno

ALTRI PROGETTI

Consulta i progetti di Associazione Difesa Consumatori

Eli-net l'azienda di Spinea, Venezia che ha realizzato il sito di Adico