Gli sportelli di Adico Associazione Difesa Consumatori

Contatta gli esperti dell'Associazione per trovare una risposta rapida ed efficace ai tuoi problemi attraverso gli Sportelli tematici

MULTA COL SEMAFORO ROSSO, QUANDO VIENE COMMINATA E QUANDO SI PUO’ CONTESTARE

 La multa è la conseguenza della fotografia scattata dai sistemi elettronici posti a guardia del rispetto della lanterna semaforica. Secondo il codice della strada, infatti, durante il periodo di accensione delle luci rosse i veicoli non devono superare la striscia di arresto; in mancanza di tale striscia, non devono impegnare l’eventuale area di intersezione, né l’attraversamento pedonale antistante, né oltrepassare il segnale, in modo da poterne osservare le indicazioni.

Ora, chi non rispetta il semaforo rosso rischia una multa di 163,00 euro, se l’infrazione è commessa in un orario compreso tra le 07:00 e le 22:00; se, invece, l’infrazione viene realizzata tra le 22:00 e le  07:00 del mattino, l’importo è di 200,00 euro. A ciò si aggiungono le ulteriori sanzioni dovute dal mancato rispetto di altri divieti: si pensi a chi passi col rosso non rispettando neanche il limite di velocità.

Oltre alla sanzione pecuniaria, chi passa con il semaforo rosso vedrà la propria patente decurtata di sei punti, che salgono a dodici nel caso in cui il trasgressore sia un neopatentato. Nei casi di recidiva, cioè quando la stessa infrazione è commessa due volte nell’arco di due anni, è prevista l’ulteriore aggravante della sospensione della patente per un periodo che va da uno a tre mesi.

Multa semaforo rosso: come contestarla?

Poiché la multa per semaforo rosso consegue ad un accertamento di tipo elettronico, si potrà procedere a contestazione dimostrando un vizio dell’apparecchiatura; cosa non facile. Tuttavia, secondo una parte della giurisprudenza, il sistema di verificazione delle infrazioni tipico degli incroci semaforici (il photored, per intenderci) non è paragonabile all’autovelox presente sulle autostrade: da tanto deriva un’importantissima conseguenza, e cioè che la violazione attraverso una telecamera ad infrarossi necessita della presenza degli agenti di polizia municipale. In poche parole, la multa elevata sulla base del solo rilevamento semaforico sarebbe annullabile.

In realtà, si tratta di un orientamento non consolidato, che basa l’invalidità della multa non sul malfunzionamento dell’apparecchiatura elettronica, quanto sulla genericità o imprecisione dell’accertamento rispetto ad una contestazione fatta da un vigile. Questo orientamento, tra l’altro, trova l’avallo del codice della strada, secondo cui la regola generale in caso di violazioni è la contestazione immediata fatta dagli agenti; le uniche eccezioni sono ammesse nel caso di accertamenti di velocità. Anche la Corte di Cassazione, in una sua pronuncia, ha sposato questa tesi: la contestazione di un’infrazione alle regole del codice della strada va fatta immediatamente, salvo quando ciò non sia possibile come, appunto, nel classico caso dell’auto che sfreccia a gran velocità. Da tanto si evince che le multe scattate con gli autovelox sono pienamente legittime, mentre quelle immortalate con sistemi tipo photored lo sono solamente se non è stata possibile la contestazione immediata, e cioè nel caso in cui il conducente del veicolo, oltre a non rispettare il semaforo rosso, sfrecci a tutta birra.

Oltre a queste ipotesi, la multa per semaforo rosso è contestabile tutte le volte che essa venga notificata in ritardo (oltre novanta giorni dopo l’infrazione), ovvero sia imprecisa (errata indicazione del luogo dov’è avvenuta l’infrazione, oppure dell’ora o della data) o generica (mancanza di alcuni dati personali del conducente). Il ricorso va presentato nei tempi e modi consuetudinari, e cioè entro trenta giorni al giudice di pace oppure entro sessanta al prefetto.

Infine, prima di fare ricorso per una multa al semaforo rosso, si ricordi bene che, al contrario dell’autovelox, il sistema di rilevamento infrarossi tipico dei semafori non necessita di taratura periodica, per cui non è adducibile l’argomentazione della mancata manutenzione sull’apparecchio.

ARTICOLO TRATTO DA: laleggepertutti.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LA NEWSLETTER

Inserisci la tua e-mail nel modulo e premi invia per iscriverti alla nostra newsletter.

Iscrivendovi alla newsletter riceverete le nostre mail contenenti notizie sulle principali tematiche consumeristiche e non solo. Oltre alle notizie, riceverete anche i nostri comunicati stampa che vengono inviati alla stampa locale e nazionale.

Accetto l'informativa sulla privacy

PROGETTI SPECIALI

  • Sportello Successioni e Testamenti
  • Sportello Successioni e Testamenti
  • Sportello Diritto di Famiglia
  • Sportello Amministrazione di Sostegno

ALTRI PROGETTI

Consulta i progetti di Associazione Difesa Consumatori

Eli-net l'azienda di Spinea, Venezia che ha realizzato il sito di Adico