Gli sportelli di Adico Associazione Difesa Consumatori

Contatta gli esperti dell'Associazione per trovare una risposta rapida ed efficace ai tuoi problemi attraverso gli Sportelli tematici

MULTE PER ASSEGNI PRIVI DELLA DICITURA “NON TRASFERIBILE”, GRAZIE ALL’ADICO SOCIO PISANO SI VEDE RIDOTTA LA SANZIONE DA 6 MILA A 235 EURO. GAROFOLINI: “GRANDE RISULTATO”

Era luglio 2017 quando decine di persone cominciarono a contattare Adico dopo aver ricevuto dal Ministero delle Finanze una contestazione di infrazione e la conseguente  richiesta di 6 mila euro come oblazione, per evitare sanzioni più salate, fino a 50 mila euro. Il motivo? Aver effettuato un pagamento con un vecchio libretto degli assegni, privo della dicitura non trasferibile. Ora, dopo due anni di battaglie che hanno visto protagonista anche la nostra associazione, arrivano finalmente i primi positivi risultati. La scorsa settimana, infatti, F.T., 50 enne impiegato pisano, si è visto ridurre la multa da 6 mila euro a 235 euro, dopo che l’ufficio antiriciclaggio ha accolto con favore la memoria difensiva predisposta dai legali dell’Adico. “Il nostro socio ha tirato un grande sospiro di sollievo – commenta Carlo Garofolini – La nostra associazione, assieme a un gruppo nato spontaneamente su facebook con il quale abbiamo preso da subito contatto, ha lottato molto affinché questa ingiustizia fosse sanata. Ricordiamo che da luglio 2017 le sanzioni per chi paga con assegni privi della dicitura “non trasferibile” si sono inasprite in modo sproporzionato. In pratica il “trasgressore” avrebbe dovuto pagare una sanzione da 3  a 50 mila euro  anche se inizialmente il Mef proponeva di chiudere il procedimento pagando il doppio del minimo, 6 mila euro. In questo modo sono state punite migliaia di persone in tutta Italia. Gente inconsapevole che ha effettuato pagamenti di importi modesti per comprare un auto, un mobile, un elettrodomestico e perfino per organizzare un funerale. In questo caso la giusta lotta contro il riciclaggio è diventata una assurda caccia alle streghe”. Per quanto riguarda F.T. – che aveva eseguito una transazione da 2.350 sfruttando un assegno staccato da un vecchio libretto quindi privo della dicitura “non trasferibile” – l’ufficio legale dell’Adico ha predisposto una difesa impeccabile sottolineando in particolare la buona fede del socio e l incredibile sproporzione fra la sanzione e l’infrazione commessa. “Il governo anche dopo le nostre proteste è di fatto intervenuto per modificare le norme introdotte a luglio 2017 – conclude Garofolini – ammettendo che la sanzione possa ridursi al 10% dell’importo emesso, sempre che si dimostri la totale buona fede che deve cancellare ogni sospetto di riciclaggio. In questo caso, il Mef ha accolto le nostre richieste riducendo la sanzione da 6 mila a 235 euro. Un grande successo”.

Una replica a “MULTE PER ASSEGNI PRIVI DELLA DICITURA “NON TRASFERIBILE”, GRAZIE ALL’ADICO SOCIO PISANO SI VEDE RIDOTTA LA SANZIONE DA 6 MILA A 235 EURO. GAROFOLINI: “GRANDE RISULTATO””

  1. pino ha detto:

    L’ammenda dovrebbe pagarla la banca che ha ritirato l’assegno incompleto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LA NEWSLETTER

Inserisci la tua e-mail nel modulo e premi invia per iscriverti alla nostra newsletter.

Iscrivendovi alla newsletter riceverete le nostre mail contenenti notizie sulle principali tematiche consumeristiche e non solo. Oltre alle notizie, riceverete anche i nostri comunicati stampa che vengono inviati alla stampa locale e nazionale.

Accetto l'informativa sulla privacy

PROGETTI SPECIALI

  • Sportello Successioni e Testamenti
  • Sportello Successioni e Testamenti
  • Sportello Diritto di Famiglia
  • Sportello Amministrazione di Sostegno

ALTRI PROGETTI

Consulta i progetti di Associazione Difesa Consumatori

Eli-net l'azienda di Spinea, Venezia che ha realizzato il sito di Adico