Gli sportelli di Adico Associazione Difesa Consumatori

Contatta gli esperti dell'Associazione per trovare una risposta rapida ed efficace ai tuoi problemi attraverso gli Sportelli tematici

No alle telecamere nei condomini se non sono approvate all’unanimità

 

No a telecamere installate negli spazi comuni del condominio, anche se a fini di sicurezza per prevenire reati come furti ed effrazioni. Anzi, l’impianto di videosorveglianza va immediatamente rimosso a spese di chi l’ha installato e ne è responsabile. La buona notizia per chi sente lesa la propria privacy dalla presenza di occhi elettronici all’interno del condominio arriva dalla sezione civile del tribunale di Varese. Secondo il giudice che ha emesso l’ordinanza in questione, la numero 1273 del 2011, il condomino non ha “alcun potere di installare, per sua sola decisione, delle telecamere in ambito condominiale, idonee a riprendere spazi comuni o addirittura spazi esclusivi degli altri condomini”. L’unico caso in cui, naturalmente, ciò è possibile è quando l’installazione sia decisa all’unanimità dall’assemblea dei condomini. «La decisione del tribunale lombardo rappresenta un precedente importante in questa materia, che non è ancora ben normata dalla legge – commenta il presidente dell’Adico Carlo Garofolini – e che si fa sempre più delicata e importante man mano che cresce la consapevolezza da parte dei cittadini del valore della privacy. Spesso infatti, e lo vediamo nei tanti casi di consumatori che si rivolgono all’Associazione per contenziosi con amministratori o vicini di casa proprio in tema di videosorveglianza, considerano il diritto alla riservatezza addirittura più prezioso di quello alla sicurezza».

20 risposte a “No alle telecamere nei condomini se non sono approvate all’unanimità”

  1. sonia ha detto:

    certo. capisco la privacy ma per questa legge io ho avuto i ladri in casa due volte si sono portati via i ricordi di una vita hanno maltrattato gli animali di casa e non abbiamo potuto fare nulla perchè non sappiamo chi sono e perchè non avendo prove non puoi fare niente. e il senso di destabilizzazione che si è creato in me a rischio di depressione? il fattore umano non si considera più? grazie

  2. Giovanni ha detto:

    Non credo sia una buona notizia, negli spazi comuni, e in qualunque luogo comune, piazze, strade, locali pubblici ecc. tutti devono comportarsi in modo educato e civile, per cui le telecamere servono a prendere chi si comporta contro le regole del vivere civile e fanno da detterente.
    Solo nella propria casa esiste la privacy, sempre nel contesto legale.
    Molti delinquenti sarebbero presi se ci fossero le telecamere, non comprendo questo insistere a non installarle.
    Per questo secondo me sarebbe da proporre un Referendum e chiedere agli Italiani cosa ne pensano.

  3. Enrico ha detto:

    Ognuno può pensarla come crede, ma con i tempi che corrono delle telecamere non servirebbero a dare maggiore sicurezza ed eventuamnete nella malaugurata ipotesi di un reato a smascherare il colpevole? E meglio perdere la privacy nel salire le scale o sul pianerottolo o subire un aggressione o peggio perchè ritengo che il solo fatto di sapere che esistono telecamere (che dovrebbero essere ben visibili) sarebbe un buon deterrente per la criminaliità

  4. Claudio ha detto:

    Le telecamere c.d. “a trappola” sono state installate due anni fa presso il villaggio turistico Sant’Andrea Jonio (CZ).
    L’approvazione delle stesse forse sarà avvenuta “a maggioranza” dal momento che io non fui convocato in quell’assemblea del supercondominio…
    Non ne vedo l’utilità e la necessità…dal momento che nell’interno non vi sono nè banche, nè uffici postali, nè gioiellerie…
    E’ stata una spesa superflua e voluttuosa, dal momento che (come ben saprete dalla cronaca dello scorso anno) furono arrestati l’amministratore del condominio e personaggi di spicco della” ndrangheta” che chiedevano tangenti alla società “Iperclub”,che gestiva 120 appartamenti, quindi per estorsione,minacce, associazione per delinquere ed altro.
    L’uso delle sbarre poste all’ingresso (con vigilante) e delle fantomatiche telecamere sarebbe servito solo per controllare l’eventuale presenza di polizia, carabinieri e vigili urbani…ed eluderne la loro sorveglianza…quindi un bel “travisamento di comodo” che come dicevo sopra ha portato all’arresto di 4 o cinque persone.
    Chiaramente queste telecamere vengono usate al solo scopo di violare la privacy altrui e cioè per riprendere gente in costume in momenti di particolare intimità…….per poi provare “piacere” e “diletto” nel rivederli celatamente…..
    Ho rappresentato sia il fatto delle sbarre poste all’ingresso del citato villaggio che la presenza delle telecamere anzidette alla Prefettura di Catanzaro, sia prima che succedessero i fatti suddetti e anche dopo, evidenziandone i motivi per i quali “gli ignobili” adoperavano le telecamere, ma invano…..
    Una cosa è certa che dall’avvocato non vado perchè a me personalmente le telecamere poco importano,e poi anche perchè “una rondine non fa primavera” per cui la mia è stata solo una legittima previsione di ciò che sarebbe potuto accadere un domani, con questi mezzi sofisticati.. che è stata ahimè…sottovalutata (e ben gli sta) dagli inquirenti e da quelli che hanno preferito fare “orecchi da mercante”…….
    Ad oggi in quel villaggio vi sono sia le sbarre con il cancello automatico che le telecamere….
    e pensare che tutti i condomini hanno ricevuto il “badge” la famosa carta che consentiva loro l’ingresso facendo aprire il cancello…
    Però ovviamente qualcuno ha pensato:” e quelli con i quali dobbiamo “spartire” come possono avere il badge essendo nominativo?

  5. Ermanno ha detto:

    E’ una pura leggerezza.
    Se, come nel mio caso, continuamente si presentano furti e danni alla mia propiretà, senza inquadrare propiretà altrui e soprattutto perchè militi intervenuti più volte non possono ottenere nulla, io devo essere in grado di sapere chi mi danneggia!!!
    E poi, siamo inquadrati ogni azione che facciamo durante la giornata……. è lesione della privacy o diritto alla sicurezza?

  6. luciana gennari ha detto:

    A tale proposito vorrei sapere se la telecamera installata su un singolo piano di uno stabile (terzo piano), composto di 8 piani, ogni piano ci sono due famiglie, può essere rimossa.
    Il condomino che ha installato la telecamera non ha chiesto parere scritto né al condominio, né tantomeno ai condomini della scala.
    Grazie per l’attenzione.
    Una vostra assidua lettrice
    Luciana Gennari

  7. tecnovit ha detto:

    In un mondo oramai così promiscuo e differenziato , la sicurezza di poter sapere chi ci gira intorno può anche essere un diritto .E’ essenziale , poter punire pesantemente , coloro che di dette informazioni ne fanno cattivo uso. Resto dell’idea che chi non ha nulla da nascondere , è indifferente alla sorveglianza . Privaci= provaci , tanto…………!

  8. Max ha detto:

    Sono d’accordo con tutti quelli sopra che hanno manifestato il loro favore alle installazioni ed in particolare con Tecnovit; è la stessa questione delle intercettazioni: se uno non è abituato a losche azioni, non gliene può importare di meno che possa essere visto od ascoltato, a fronte di una maggiore sicurezza, sempre nell’ovvio ambito di utilizzo non fraudolento delle registrazioni.
    A chi può interessare che io informi casa di buttare la pasta o che mi sto mettendo un dito nel naso?

  9. gabriele ha detto:

    la privacy copre tutto anche ladri e delinquenti vari, salvo poi vedere che nei casi di indagini più o meno difficili la polizia ricerca lumi nelle telecamere, se esistono. Inoltre, dove sarebbe veramente nececessaria è trattata a barzelletta.

  10. LUIGI ha detto:

    Ogni giorno ognuno di noi si trova di fronte a tante necessità: per me quello della sicurezza vien prima del diritto alla pricacy.
    Chi delinque o ha l’intenzione di delinquere si oppone a tutto ciò che gli può tornare scomodo!
    Vogliamo parlare delle impronte digitali?
    Credo che le istituzioni abbiano perso contatto con la realtà e che dovrebbero ripensare alle loro origini.

  11. leonardo ha detto:

    la sentenza é perfettamente in linea con la difesa ad oltranza della delinquenza.Anche il ladro ha diritto alla sua privacy!!!! di questi tempi poi!!!

    Un ringraziamento al giudice di Varese che ha emesso la sentenza…in fondo noi cittadini onesti non abbiamo alcun DIRITTO!!! solo doveri…..

  12. andrea ha detto:

    Vorrei proprio vedere se al giudice in questione entrassero i lafri in casa di notte, malmenassero o peggio i suoi familiari, e gli portassero via tutto! …a già, ma loro avranno la scorta sotto casa pagata da noi, quindi non può capitare

  13. Nik ha detto:

    Vorrei vedere se a quel giudice di Varese e a chi la pensa come lui, venissero a fargli una visitina dei ladri devastandogli la casa portandogli via tutto, machinetta de caffè compresa, calpestando, distruggendo e umiliando tutto quello che ha di piu caro….forse solo allora questa gente capirebbe il significato della parola privacy! La gente che ha paura non cambierà certo idea ed anzi comincerà ad installare microtelecamere occulte in tutti i modi possibili invece di realizzare un circuito intelligente approvato da tutti i condomini che ne avranno una importante consapevolezza. Una volta uno zingaro mi disse sorridendo:”se devo scegliere dove andare a rubare tra una casa con l’antifurto e una senza prova ad indovinare DOVE IO ANDARE??”.

  14. domenico ha detto:

    Salve vorrei avere delle delucidazioni in quanto io vivo in un condominio di 4 piani ogni pianerottolo e formato da 2 appartamenti ho istallata una telecamera che mi riprende il mio ingresso di casa ed l’attivo accendendo un monitor questa telecamera non registra ma mi permette di vedere chi mi viene a bussare dietro la porta pertanto non violo la privacy di nessuno,in sede di riunione condominiale un condomino a detto che devo togliere la telecamera,gli ho risposto che non ce nessuna registrazione e cheviene accesa solo se mi suonano alla porta anche perchè in una occasione l’amministratore di condominio venendomi atrovare gli ho fatto vedere il sistema di funzionamento in fatti nella riunione lui a preso le mie parti visto che la telecamera riprende solo il mio accesso alla porta d’ingresso.
    leggendo altri blog ho visto che posso istallare anche una telecamera sul balcone dove riprendo l’ingresso del cancelletto dove ci sono i citofoni visto che non abbiamo il vidiocitofonoe comunque la telecamera verrebbe collegata alla scart della tv e non regisrterebbe nulla.
    Pertanto cosa mi consigliate di fare grazie mimmo

  15. francesco ha detto:

    io sono stato derubato 2 volte la prima hanno rubato tutto e sono scappati rompento tutto in casa facendomi un danno pari a 5 milaeuro e la seconda volta l’ho riuscito a prendere e l’ho menato per bene poi l’ho legato e l’ho chiuso in bagno e ho chiamato le forze dell’ordine e sapete la conseguenza di legge, e ke il ladro nn si può picchiare perchè è un reato di agressione e nn si può chiuderlo in casa perchè e sequestro di persona poi questo giudice dice anche che la video sorveglianza nn e legale ma allora ci spiegasse che dobbiamo fare per difenderci a si forse ho capito dobbiamo tutti metterci un arma in casa cosi appena entrano li facciamo fuori direttamente e…… scusate io ho una casa a pian terreno e vivo a napoli come mi devo difendere

  16. luca ha detto:

    Buonasera , qualcuno mi può indicare il riferimenti da consultare se volessi installare 1 telecamera all’esterno della porta del mio appartamento che inquadra chi si avvicina alla mia porta . Ovviamente vengono riprese parte della rampa di scale . Grazie

  17. fx ha detto:

    Se le leggi di questo Paese fossero fatte seriamente
    questo Paese non sarebbe in mano a mafiosi.
    E` inaccettabile tutelare l`incivile e il disonesto.

    Tu che sei di Napoli, proponi al Garante di vivere per qualche
    anno in qualche quartiere di Napoli a piano terra,
    dopo vediamo se gli piace imporre limitazioni alla pseudo-tutela delle persone (visto che comunque sia tutti siamo ripresi ovunque).
    Se i miei filmati non vengono diffusi per scopi di lucro (pena una multa che mi risarcisce profumatamente) non ho nulla da temere essendo una persona civile. A temere e` chi fa il furbo.

    Comunque e` possibile fare videosorveglianza a patto che l`angolo di ripresa riguardi il perimetro di propria pertinenza (es. uscio casa, ma non scala o altro). Ed e` gia` una cosa.

    Comunque se tu l`hai menato (come biasimarti, io non me la sento)
    difenditi dicendo che ti sei spaventato, e dalla paura, nel buio, le mani hanno inziato a muoversi da sole e casualmente lo hanno crepato di mezzate.
    Fossi io il giudice, ti darei la benedizione perche` vivi in una citta`con tanti problemi e con tanta assenza di istituzioni (come possono giudicarti su un fatto del genere, sei tu che devi giudicare loro (visto che gli paghi lo stipendio e che subisci, per loro incompetenza organizzativa, sopprusi inaccettabili.

  18. antonio ha detto:

    L’Assemblea deve prevedere la partecipazione di tutti i residenti nel condominio, non solo dei proprietari ma anche dai familiari? Ognuno deve liberare la sua privacy? E’ così? Non è possibile che il capofamiglia liberi la privacy di tutti i componenti del suo nucleo. Io faccio parte di una famiglia del condominio. Io non ho firmato nessuna mia liberatoria. Posso chiedere la rimozione della videocamera? Grazie. Saluti. Antonio.

  19. mario ha detto:

    si puo installare altre telecamere se ne esistono gia

    o bisogna attenersi alle nuove disposizioni

    grazie

  20. Piero ha detto:

    Rispondo a Giovanni e a Sonia.Hanno perfettamente ragione!La nostra privacy è
    costantemente dimenticata in tutte le nostre manifestazioni giornaliere.Non vedo
    la ragione di non essere difesi nelle nostre abitazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LA NEWSLETTER

Inserisci la tua e-mail nel modulo e premi invia per iscriverti alla nostra newsletter.

Iscrivendovi alla newsletter riceverete le nostre mail contenenti notizie sulle principali tematiche consumeristiche e non solo. Oltre alle notizie, riceverete anche i nostri comunicati stampa che vengono inviati alla stampa locale e nazionale.

Accetto l'informativa sulla privacy

PROGETTI SPECIALI

  • Sportello Successioni e Testamenti
  • Sportello Successioni e Testamenti
  • Sportello Diritto di Famiglia
  • Sportello Amministrazione di Sostegno

ALTRI PROGETTI

Consulta i progetti di Associazione Difesa Consumatori

Eli-net l'azienda di Spinea, Venezia che ha realizzato il sito di Adico