Gli sportelli di Adico Associazione Difesa Consumatori

Contatta gli esperti dell'Associazione per trovare una risposta rapida ed efficace ai tuoi problemi attraverso gli Sportelli tematici

NUOVA ONDATA DI TRUFFE VIA WHATSAPP. L’ALLARME DELLA POLIZIA POSTALE

“Whattsapp diventa a pagamento”. Il messaggio che compare periodicamente sui nostri cellulari non è una semplice bufala, ma nasconde un vero e proprio tentativo di truffa da parte della cyber criminalità che approfitta dei giorni dedicati agli acquisti scontati sul web per lanciare la propria rete nel sempre affollato mare degli sprovveduti digitali. A lanciare l’allarme la pagina Facebook “Una vita da social”, gestita dalla Polizia Postale, che invita gli utenti della popolare piattaforma di messaggistica tenere alta l’attenzione.

Il ritorno della truffa su WhatsApp a pagamento

Cambiano le modalità, ma la sostanza è sempre la stessa. Il messaggio che circola in questi giorni su un prossimo upgrade della chat gestita da Facebook, secondo la quale WhatsApp diventerà a pagamento, è in realtà il tentativo di rubare i dati riservati degli utenti attraverso il classico metodo del “phishing”.

Secondo l’allarme divulgato dalla Polizia Postale, molti utenti del social starebbero ricevendo un messaggio intestato WhatsApp Secure il quale annuncia che “l’uso gratuito dell’account scadrà tra 48 ore” e che, per evitare che l’accesso alla piattaforma diventi a pagamento, causando, inoltre, la perdita di tutti i dati (foto, messaggi, eccetera), è necessario rinnovare l’account inserendo nuovamente tutti i dati personali. Un messaggio il cui tenore potrebbe gettare nel panico gli utenti meno smaliziati, inducendoli a digitare user e password che andranno a finire direttamente nel database degli hacker che potrebbero usarli per accedere ai dati sensibili dei malcapitati.

Oltre al tentativo di pishing segnalato dalla Polizia Postale, un’altra truffa che coinvolge WhatsApp è la richiesta di pagare 5 euro “una tantum” per continuare ad usufruire gratuitamente del servizio di messaggistica.

Pagamento che dovrebbe essere fatto collegandosi ad un link che, ovviamente, non riporta a WhatsApp ma al conto dei cyber criminali.

Come evitare la nuova truffa su WhatsApp

Evitare di cadere nella trappola di WhatsApp a pagamento dovrebbe essere piuttosto semplice, dal momento che gli stessi responsabili del social, a fronte nelle numerose bufale che da tempo circolano sull’argomento, hanno più volte precisato che WhatsApp non sarà mai a pagamento. Allo stesso modo, è opportuno sapere che non esiste alcun account WhatsApp Secure, utilizzato per il tentativo di truffa. Pertanto, nel caso in cui riceviate il messaggio segnalato dalla Polizia Postale, è opportuno non solo evitare di rispondere, ma bloccare tempestivamente l’account stesso dal quale è arrivato il falso invito ad aggiornare i propri dati.

Una replica a “NUOVA ONDATA DI TRUFFE VIA WHATSAPP. L’ALLARME DELLA POLIZIA POSTALE”

  1. ANNA TUMMINELLO ha detto:

    Questa la mail che ho ricevuto oggi, secondo degli articoli nel sito di p.s. postale non devo preoccuparmi, un dispositivo hackerato solo se entra nelle mani del male intenzionato e non via software… sarà così 0_0
    Speriamo 😞

    Good Day,

    As you noticed when looking at the topic of this particular mail we hold one of your online passwords (elisabetta). Infact, we have all your online passwords and all of your information, keep on reading and we will explain how and why.
    A while ago you visited a few xxx web sites. One of the internet sites was infected with an injector that affected your software and we utilized it to set up a backdoor on to your software. With this we gained entrance to all your valuable data, files, contacts, and so on.
    It doesn’t really matter how many times you modify your security password, our backdoor can constantly give us entry. We have been checking you for a long time now. We furthermore triggered your web cam, saved video clips and took some screenshots whilst you “pleased” yourself while browsing xxx content on the web.

    So that’s it, we own all your information, records, contacts, nasty movies and pictures of you and you are wondering exactly what we may do with this. That’s under your control, keep on reading and you will certainly fully understand.

    We can do two actions now. We can send all the nasty video clips and shots we have of you to all your contacts, friends, relatives and co-workers. Visualize the affect that would have on your life, picture the disgrace!
    We can also get rid of all the information we have, close the backdoor on your equipment and you can go on living your life like this never took place.

    The answer is your responsibility.

    We happen to be a group of H.A.C.K.E.R.S and we reside in a country where it is very difficult to financially support our household and feed our kids, that’s precisely why we do this. You aren’t our only target.

    If you don’t do what we tell you we will certainly forward all we have to your contacts like pointed out before and your system will get locked up so you can never ever access it again.

    The thing we require you to perform is pay us $880 to our bitcoin address. If you don’t know how you can do that, utilize any online search engine “the right way to purchase bitcoins”. It’s extremely easy.
    Our bitcoin address is 1LSJ9WZ95zdic7oASeTAdQ6rs6gWFf57mx (copy paste this, it is case sensitive).

    Theres a hidden pixel in this mail that activated a timer when you opened it, you have 12 hrs to make the payment. Our system began to supervise for inbound transactions. When your transaction comes in all the information we have will be destroyed, we will NOT get in touch with your contacts with the content we own, the backdoor will eliminate on its own and you certainly will never ever hear from us again. That’s a code we have, we don’t do evil nevertheless we do what we need.

    If the transfer does not come in inside of the time given you understand what is going to happen and you recognize how that will impact your everyday life so go on and make that exchange.

    Do not reply to this message, we will never reply.

    Best Of Luck!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LA NEWSLETTER

Inserisci la tua e-mail nel modulo e premi invia per iscriverti alla nostra newsletter.

Iscrivendovi alla newsletter riceverete le nostre mail contenenti notizie sulle principali tematiche consumeristiche e non solo. Oltre alle notizie, riceverete anche i nostri comunicati stampa che vengono inviati alla stampa locale e nazionale.

Accetto l'informativa sulla privacy

PROGETTI SPECIALI

  • Sportello Successioni e Testamenti
  • Sportello Successioni e Testamenti
  • Sportello Diritto di Famiglia
  • Sportello Amministrazione di Sostegno

ALTRI PROGETTI

Consulta i progetti di Associazione Difesa Consumatori

Eli-net l'azienda di Spinea, Venezia che ha realizzato il sito di Adico