Gli sportelli di Adico Associazione Difesa Consumatori

Contatta gli esperti dell'Associazione per trovare una risposta rapida ed efficace ai tuoi problemi attraverso gli Sportelli tematici

PRESCRIZIONE DEL BOLLO AUTO, ECCO COME OTTENERLA. GAROFOLINI: “CITTADINI DISORIENTATI, IN TANTI CI CHIEDONO AIUTO”

E’ una delle tasse più odiate dai veneziani, secondo una indagine dell’Adico. Ed è anche fra le più evase, molte volte inconsapevolmente. Il bollo auto, insomma, rappresenta un balzello che crea scompiglio, anche perché rappresenta l’ennesimo costo per chi possiede una macchina. Ecco dunque che anche quest’anno l’associazione presieduta da Carlo Garofolini sta ricevendo quasi quotidianamente richieste di aiuto e segnalazioni in merito al tributo e, in particolare, gli automobilisti comunicano di aver ricevuto una cartella esattoriale in cui si richiede il pagamento di bolli arretrati. E qui sorgono i dubbi, nell’ambito di una normativa molto caotica: il pagamento è prescritto oppure no? Ebbene, cerchiamo di fare un po’ di chiarezza. Tanto per cominciare le tasse automobilistiche, quindi anche il bollo, sottostanno a una prescrizione di tre anni, tranne in alcune Regioni come il Piemonte dove l’imposta si prescrive in cinque anni. Per calcolare le tempistiche, però, bisogna cominciare dall’anno dopo la scadenza del bollo. Per esempio se il bollo auto del 2018 non viene pagato, l’obbligo dell’esborso scade il 31 dicembre 2021 (in pratica dopo essere passato tutto il 2019, il 2020 e il 2021). La prescrizione, però, viene meno se in questo arco di tempo l’agenzia delle Entrate ha inviato una notifica.

Quando si riceve la richiesta di pagamento dall’Agenzia delle Entrate e si ritiene di non doverne dare seguito perché sono passati i tre anni, è necessario presentare ricorso entro due mesi dalla notifica stessa alla Commissione Tributaria Provinciale e presentare un esposto alla procura della Corte dei Conti della propria regione. Si può richiedere anche l’annullamento in autotutela compilando un apposito modulo presente sul sito dell’Agenzia delle Entrate ma solo se sono scaduti i termini per impugnare l’accertamento emesso dall’Agenzia.  “Sono davvero tante le persone che ci segnalano di aver ricevuto la richiesta di pagamento di bolli arretrati  – spiega Garofolini – e tutte ci chiedono se sia possibile richiederne la prescrizione. Il procedimento è complesso, come abbiamo visto, ma è legittimo affrontarlo se si è convinti di non dover pagare. Tante volte, però, ci si rende conto che durante i tre anni sono arrivate notifiche di cui il diretto interessato non si è reso conto.  Insomma, prima di procedere con la domanda di annullamento bisogna procedere con numerose verifiche per non incappare in brutte sorprese”.

6 risposte a “PRESCRIZIONE DEL BOLLO AUTO, ECCO COME OTTENERLA. GAROFOLINI: “CITTADINI DISORIENTATI, IN TANTI CI CHIEDONO AIUTO””

  1. Ennio Iannaccone ha detto:

    Un altro particolare : ho cercato di pagare il bollo alla POSTA ma non ci sono riuscito ! Per ben due volte , ieri ed oggi , pare che il sistema informatico non lo accetta più con il pretesto che stanno riaggiornandolo ! L’ho dovuto pagare da un tabaccaio autorizzato , con 2 euro di commissione !

  2. Rino ha detto:

    Buongiorno nel caso di un mancato pagamento bollo auto, nella convinzione di una prescrizione come è possibile verificare se in passato ho ricevuto notifiche senza esserne ha conoscenza ho non lette per disattenzione ho dimenticanza?

  3. Rino ha detto:

    Buongiorno nel caso di un mancato pagamento bollo auto, nella convinzione di una prescrizione come è possibile verificare se in passato ho ricevuto notifiche senza esserne ha conoscenza ho non lette per disattenzione hdimenticanza?

    • Adico ha detto:

      Salve, può chiedere alle Poste o provare a scrivere all’infobollo della sua Regione.

      Distinti saluti
      Gianluca Codognato
      uff. stampa Adico

  4. Lorenza ha detto:

    Mi risulta che le notifiche(di qualsiasi genere)devono essere ricevute in forma di raccomandata, per essere valide.
    È corretto?

    • Adico ha detto:

      Salve, sì è corretto perché solo con la raccomandata r/r (o con la pec) si dà un valore legale alla comunicazione.

      Distinti saluti
      Gianluca Codognato
      uff. stampa Adico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LA NEWSLETTER

Inserisci la tua e-mail nel modulo e premi invia per iscriverti alla nostra newsletter.

Iscrivendovi alla newsletter riceverete le nostre mail contenenti notizie sulle principali tematiche consumeristiche e non solo. Oltre alle notizie, riceverete anche i nostri comunicati stampa che vengono inviati alla stampa locale e nazionale.

Accetto l'informativa sulla privacy

PROGETTI SPECIALI

  • Sportello Successioni e Testamenti
  • Sportello Successioni e Testamenti
  • Sportello Diritto di Famiglia
  • Sportello Amministrazione di Sostegno

ALTRI PROGETTI

Consulta i progetti di Associazione Difesa Consumatori

Eli-net l'azienda di Spinea, Venezia che ha realizzato il sito di Adico