Gli sportelli di Adico Associazione Difesa Consumatori

Contatta gli esperti dell'Associazione per trovare una risposta rapida ed efficace ai tuoi problemi attraverso gli Sportelli tematici

RIMBORSI PER I RISPARMIATORI DELLE POPOLARI VENETE, ADICO AVVERTE: “NESSUNA ILLUSIONE, IN QUESTO MOMENTO NON C’E’ NULLA SUL PIATTO”. UN CENTINAIO I “TRUFFATI” SEGUITI DALL’ASSOCIAZIONE

I rimborsi ai risparmiatori truffati dalle popolari venete? “Una partita ancora tutta da giocare. Allo stato attuale sul piatto non c’è nulla e i cittadini non possono far altro che restare in attesa”. Adico interviene sulla dibattutissima questione degli indennizzi per gli investitori della Banca Popolare di Vicenza e di Veneto banca che oggi più che mai sono in attesa di concrete novità da parte del governo. “Sono tanti i soci che ci chiedono novità in merito al decreto che dovrebbe dare via al rimborso del 30% del capitale investito – commenta Carlo Garofolini, presidente dell’associazione -. Tutti sono convinti che ormai la situazione si sia risolta e sbloccata quando invece, allo stato attuale non c’è nulla, se non tante parole che non servono a nulla. A chi si è rivolto a noi per farsi tutelare e per chiedere di recuperare i soldi persi, diciamo di restare in attesa. In questo frangente non ha senso fornire informazioni che possono risultare solo fuorvianti. Attendiamo fiduciosi, coscienti che il rimborso del 30% è e resta una miseria ma comunque è meglio di niente anche perché non è un indennizzo scontato ed è a carico dello Stato, che da parte non sua non ha responsabilità sulla vicenda”. Adico sta seguendo un centinaio di risparmiatori “fregati” dalle popolari venete. Stiamo parlando di persone anziane ma anche di famiglie giovani e di investimenti che possono oscillare fra i 5 mila e i 400 mila euro. Qualcuno ha perso i risparmi di una vita, qualcun altro ha visto sparire la liquidazione del lavoro o i soldi ricevuti in eredità. “Metà delle persone che si sono rivolte a noi ha anche chiesto l’insinuazione al passivo – continua Garofolini -. Loro dunque potrebbero ricevere indennizzi del 100%, ovvero il 30% previsto dal governo e il 70% dall’insinuazione al passivo. Però, insisto: ora come ora non c’è nulla sul piatto ed è inutile già fare i conti dei soldi che si riusciranno a recuperare. La nostra associazione avvertirà i propri soci quando e se ci saranno novità. Siamo vigili e pronti ma è inutile ora come ora fare i conti senza l’oste”.

 

LA NEWSLETTER

Inserisci la tua e-mail nel modulo e premi invia per iscriverti alla nostra newsletter.

Iscrivendovi alla newsletter riceverete le nostre mail contenenti notizie sulle principali tematiche consumeristiche e non solo. Oltre alle notizie, riceverete anche i nostri comunicati stampa che vengono inviati alla stampa locale e nazionale.

Accetto l'informativa sulla privacy

PROGETTI SPECIALI

  • Sportello Successioni e Testamenti
  • Sportello Successioni e Testamenti
  • Sportello Diritto di Famiglia
  • Sportello Amministrazione di Sostegno

ALTRI PROGETTI

Consulta i progetti di Associazione Difesa Consumatori

Eli-net l'azienda di Spinea, Venezia che ha realizzato il sito di Adico