Gli sportelli di Adico Associazione Difesa Consumatori

Contatta gli esperti dell'Associazione per trovare una risposta rapida ed efficace ai tuoi problemi attraverso gli Sportelli tematici

Le tasse locali quest’anno ci costeranno un miliardo di euro in più

Ci ha voluto il Sole24Ore per calcolare quanto ci costeranno in più le tasse locali quest’anno; un miliardo di euro, ovvero duemila miliardi delle vecchie lire, spalmati in misura diversa sulle tasche di tutti i cittadini italiani, già vessati e stangati dall’ultima Finanziaria del governo Prodi.

Anche chi guadagna meno di 40mila euro pagherà di più.
I conti li ha fatti il Sole24Ore, incrociando le nuove aliquote Irpef con le imposte decise dai 20 capoluoghi di Regione.

La scoperta è che i tanto conclamati benefici per le famiglie, concessi sotto forma di deduzioni fiscali e assegni familiari, verranno annullati a fronte di rincari fino a 362 euro. In pratica, ciò che il governo ha lasciato nelle tasche degli italiani viene di fatto dirottato nelle casse di Comuni e Regioni. Per i single, poi, il rincaro è praticamente una costante.
In una città su due, l’amministrazione comunale ha deciso, o sta per decidere, di aumentare l’addizionale Irpef e di ritoccare al rialzo l’Ici e la Tarsu (la tassa sui rifiuti, ndr). La stangata più consistente toccherà agli abitanti di Perugia, Trieste e Bologna. In queste tre città, l’addizionale Irpef è aumentata rispettivamente del 600% (dallo 0,1% allo 0,7%), del 300% (dallo 0,2% allo 0,8%) e del 75% (dallo 0,4% allo 0,7%). Non se la passeranno meglio gli abitanti di L’Aquila e Campobasso, visto che le due
amministrazioni comunali hanno deciso di spingere l’aumento dell’addizionale
fino alla soglia massima consentita, lo 0,8%. In entrambi i casi, visto che la percentuale di partenza era dello 0,4%, l’aumento è del 100%.
Chi viaggia in controtendenza è Milano. La giunta di centrodestra non solo ha deciso di lasciare a zero l’addizionale Irpef.
I Comuni che non hanno ancora deciso se rivedere o meno le addizionali hanno tempo fino al 15 febbraio per presentare subito il conto al contribuente. Oltre ai ritocchi delle aliquote sull’Irpef comunale, inciderà anche la trasformazione delle deduzioni Irpef in detrazioni» che aumenterà l’imponibile ai fini delle addizionali. Un incremento che il Sole calcola in 400 milioni di euro, ai quali vanno aggiunti altri 500 milioni di euro dell’acconto del 30% sul 2008.
Secondo le stime pubblicate ieri sul Sole «una famiglia di quattro persone, con coniuge e due figli a carico e un reddito imponibile di 40mila euro, con una casa di proprietà di 100 metri quadri» che abita a Bologna pagherà 348 euro in più rispetto all’anno scorso, mentre un single con lo stesso stipendio e la stessa casa di proprietà pagherà «solo» 249 euro in più. Una famiglia che vive a Trieste spenderà 252 euro in più, mentre per il single la stangata è di 362 euro. Le città più virtuose
per i nuclei numerosi sono Milano (-66 euro), Trento (-79 euro) e Aosta (-93 euro), quelle più care, oltre a Bologna e Trieste, sono Campobasso (+122 euro), L’Aquila (+127 euro) e Perugia (+163 euro).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LA NEWSLETTER

Inserisci la tua e-mail nel modulo e premi invia per iscriverti alla nostra newsletter.

Iscrivendovi alla newsletter riceverete le nostre mail contenenti notizie sulle principali tematiche consumeristiche e non solo. Oltre alle notizie, riceverete anche i nostri comunicati stampa che vengono inviati alla stampa locale e nazionale.

Accetto l'informativa sulla privacy

PROGETTI SPECIALI

  • Sportello Successioni e Testamenti
  • Sportello Successioni e Testamenti
  • Sportello Diritto di Famiglia
  • Sportello Amministrazione di Sostegno

ALTRI PROGETTI

Consulta i progetti di Associazione Difesa Consumatori

Eli-net l'azienda di Spinea, Venezia che ha realizzato il sito di Adico