Attende per mesi un credito di 2 mila euro dal proprio fornitore. Solo l’intervento di Adico sblocca il rimborso dovuto a un 55enne di Marcon

MARCON. Nel mondo delle forniture di luce e gas, ma non solo, la vita degli utenti è spesso caratterizzata da strade in salita. Il singolo cittadino, infatti, deve sudare molte volte le proverbiali sette camice per far valere i propri interessi e i propri diritti. D.F., 55enne di Marcon, è uno dei tanti testimoni di questo “postulato”, tanto più che nel suo caso il diritto si sostanzia in un credito nei confronti dell’azienda fornitrice, Optima. L’uomo, infatti, dopo mesi di tentativi e di comunicazioni andate a vuoto, ha dovuto appoggiarsi all’ufficio legale dell’Adico per ottenere quanto dovuto.

D.F., lo scorso luglio, ha ricevuto da Optima una nota che comunicava un credito di oltre 2 mila euro a suo favore. Ma nella successiva fattura di chiusura, inviata ad agosto, di tale credito non c’era neppure l’ombra. Il 55enne di Marcon ha subito contattato il fornitore, chiedendo spiegazioni sul mancato rimborso. L’azienda ha tergiversato per diversi mesi, fino a quando non è intervenuta l’associazione dei consumatori presieduta da Carlo Garofolini che è riuscita in breve tempo a ottenere ciò che l’utente reclamava da mesi. Optima ha dunque inviato la nota di credito con la somma dovuta al cliente, meno l’importo di circa 260 euro relativo alla fattura di chiusura.

“Siamo contenti dell’esito – commenta lo stesso presidente di Adico – anche se per l’ennesima volta constatiamo che il cittadino da solo può fare ben poco perché non viene ascoltato mentre quando interviene l’associazione i problemi si risolvono rapidamente. In questo caso Optima, come ha scritto in più occasioni, ha avuto probabilmente dei problemi di gestione amministrativa, non stiamo qui a giudicare i motivi del ritardo. Resta il fatto, però, che i rapporti fra queste aziende e i singoli cittadini sono carenti. Ci auguriamo che i fornitori, invece, puntino sempre più proprio su questo rapporto che è rappresenta un valore aggiunto per la qualità del servizio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *