BOLLETTE IDRICHE DA CAPOGIRO A MARCON (VENEZIA), INTERVIENE GAROFOLINI: “L’AZIENDA RISOLVA IL PROBLEMA RATEIZZANDO GLI IMPORTI SENZA ULTERIORI SPESE”

Fonte: La Nuova Venezia

“L’azienda ha creato il problema ed è l’azienda che deve risolverlo, non spetta all’utente sudare sette camice per riuscire a rateizzare gli importi”. Non si spengono le polemiche sulle cifra elevate arrivate in bolletta agli utenti marconesi di Piave Servizi, nata dalla fusione tra Sile Piave e Sisp (Servizi Idrici Sinistra Piave). Adico, associazione dei consumatori di Mestre, mette in guardia i cittadini: “Il caso di Marcon è emblematico – commenta Carlo Garofolini, presidente dell’associazione -, ci appelliamo al comportamento dell’azienda che deve risolvere questa vicenda, devono mettere la gente in condizioni di pagare com’era abituata, non è il consumatore che deve spendersi per chiedere rateizzazioni o riuscire a parlare con qualcuno o interpellare chi di dovere. Invitiamo i clienti a stare attenti ad oneri e addebiti di qualsiasi natura”. E ancora: “Sappiamo che sono arrivare bollette molto elevate e ci domandiamo come sia possibile che si determini un simile importo in pochi mesi. Non può essere un problema  dell’utente ma dell’azienda mettere in condizioni l’utente di riuscire a pagare nei limiti di quelli che sono gli importi delle bollette da lui ricevute. Se devo pagare 2.800 euro e mi fai quattro rate da 700, è lo stesso  troppo,  per questo è doveroso tenere conto dell’ accessibilità legata alle possibilità. E poi bisogna verificare che non ci siano oneri e interessi relativi ai conguagli, come accade. Infine se l’azienda per diverse motivazioni è in ritardo, la rateizzazione dev’essere consentita per lo stesso principio in un periodo maggiormente dilazionato e le rate devono essere in numero maggiore, non un massimo di cinque,  ma anche dieci e più, spalmate nelle bollette e dimensionate. Attenzione – conclude Garofolini – che non si verifichino casi di addebiti in conto precedenti all’invio o al ricevimento delle bollette cartacee a casa, perché queste cose capitano”. Sulla materia, interviene anche il consigliere Federico Moretto, di Noi Marcon: “Quello che dà ancora più fastidio è che la dilazione è come lo zuccherino dato all’asino, inoltre non è una giustificazione dire che le bollette dell’acqua hanno importi elevati perché si riferiscono a un periodo lungo, bisogna anche precisare che le tariffe sono aumentate. Dove troverà la gente i soldi? Manca la collaborazione”. Il sindaco, Andrea Follini, interpellato dai residenti, ha scritto una lunga spiegazione pubblicata su Facebook, di ben cinque cartelle, in  cui cerca di fare chiarezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Continuando a navigare nel sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici neccessari che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.