BOLLETTE “PAZZE”, ANCHE GRAZIE ALLE DENUNCE DELL’ADICO, L’ANTITRUST AVVIA QUATTRO PROCEDIMENTI CONTRO ALTRETTANTI FORNITORI DI LUCE E GAS

Conguagli dagli importi spropositati, bollette esorbitanti, mancata considerazione della autoletture. Da tempo Adico denuncia comportamenti poco ortodossi da parte dei fornitori di gas e luce e, anche sulla scia delle nostre segnalazioni e dei nostri appelli ripresi pure dalla stampa, l’Antitrust ha annunciato di aver avviato quattro procedimenti istruttori nei confronti delle società per azioni Acea Energia, Edison Energia, Enel Energia, Enel Servizio Elettrico ed Eni. Ispezioni sono state svolte nelle sedi delle aziende a Roma, Milano e San Donato Milanese. Sotto la lente le modalità di fatturazione e i mancati rimborsi.

“Da tempo diciamo che la situazione è ormai fuori controllo – avverte Carlo Garofolini, presidente dell’Adico -. Ogni settimana riceviamo decine di richieste di aiuto in relazione a bollette dagli importi stratosferici, a conguagli di migliaia di euro su calcoli che possono andare indietro fino a cinque anni e che l’utente da solo non è in grado di contestare. Con il nostro ufficio legale stiamo seguendo tantissimi casi, in particolare relativi a Enel ed Eni che sono naturalmente le compagnie con il maggior numero di clienti. Era ora che l’Antitrust intervenisse”.

Adico e il proprio ufficio legale non vanno in ferie, sono quindi sempre a disposizione dei consumatori/utenti che anche in questo periodo estivo hanno a che fare con problemi legati alla fornitura di gas ed energia elettrica. “Grazie all’intervento dei nostri esperti – conclude Garofolini – riusciamo a venire a capo di quasi tutte le situazioni. O rilevando calcoli sbagliati oppure ottenendo rateizzazioni o storni. Purtroppo l’utente da solo non sa chi contattare, non sa come muoversi, non riesce a ottenere risposte. Adico, grazie al suo lavoro capillare su tutto il territorio nazionale, ha invece instaurato un contatto diretto con gli stessi gestori. Riusciamo così ad affrontare e a risolvere casi anche molto complessi. E in alcuni casi, abbiamo ottenuto anche sentenze storiche, che fanno giurisprudenza”.

2 risposte

  1. Io, in cinque anni, ho cambiato due città e tre fornitori di luce e gas. Sempre in ansia all’arrivo delle bollette dell’Eni, che ogni volta erano molto più alte di quanto avessi previsto (inutili anche i tentativi di chiamate ai call-center, erano sempre chiusi o direttamente attaccavano in faccia il ricevitore…), sono sei mesi che sono con Enegan. Per adesso va tutto bene! Ricevo un po’ di pubblicità dal loro sito di offerte Noigan, ma almeno sto risparmiando abbastanza sulle bollette. Speriamo non mi deludano anche loro come gli altri fornitori…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Continuando a navigare nel sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici neccessari che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.