Cellulare sempre in tasca? Fertilità a rischio per gli uomini

Telefonini e organi riproduttivi maschili, un legame a rischio. Una nuova ricerca sul rapporto tra onde elettromagnetiche e spermatozoi conferma quel che già altri studi avevano affermato: meglio che i primi stiano lontani dai secondi. Gli ultimi dati sono britannici, compilati dalla facoltà di biologia dell’università di Exeter, nel Devon, e arrivano alla conclusione che l’abitudine reiterata di riporre il cellulare nella tasca dei pantaloni o comunque a stretto contatto con i genitali maschili sia responsabile di un calo della fertilità dell’8 per cento rispetto alle potenzialità medie di procreazione.

Calano velocità e mobilità

Gli scienziati inglesi hanno usato i risultati incrociati di dieci studi diversi svolti in passato e preso in esame i dati rispetto alla velocità e alla mobilità degli spermatozoi di circa 1.500 uomini adulti, oltre a valutare la qualità del liquido seminale e la sua concentrazione. Per arrivare a concludere che le radiazioni causate dal campo elettromagnetico del telefono cellulare, se particolarmente vicine all’organo maschile, finiscono per incidere sugli elementi chiave della fertilità, ovvero le caratteristiche di azione degli spermatozoi. E se il gruppo di controllo degli uomini analizzati presenta una percentuale statistica di mobilità degli spermatozoi che va dal 50 all’85 per cento, negli uomini che abitualmente usano tenere il cellulare in tasca questo numero calerebbe dell’8 per cento. «Un dato particolarmente importante per quella fascia di uomini che già sono in una situazione di confine tra fertilità e infertilità», commenta la ricercatrice inglese Fiona Mathews, autrice dello studio. Nel mondo, secondo i dati statistici, il 14 per cento delle coppie che vive in condizioni economiche e di salute buone o medie ha difficoltà di concepimento.

Dal cellulare al tablet

Ma come precisa la ricercatrice, prima di arrivare a dare la colpa ai cellulari e alle onde elettromagnetiche, nonostante i molti studi che continuano a legare radiazioni e problemi di fertilità maschile, è necessario svolgere ulteriori studi epidemiologici, aggiungendo al portare con sé il cellulare anche altri elementi fondamentali dello stile di vita maschile, che vanno dall’alimentazione al sonno, al fumo, all’attività fisica. Per ora questa ricerca si inserisce nella ricca letteratura sul tema: una delle ultime a mettere in guardia la popolazione maschile era americano-argentina e diceva che con quattro ore di laptop o di tablet sulle gambe, per via della connessione WiFi, si danneggiava la mobilità degli spermatozoi fino al 25 per cento. Ancor prima (era il 2010 e l’uso degli smartphone non era così diffuso) uno studio dell’ateneo dell’Ohio su oltre 300 uomini aveva calcolato che chi usava molto il cellulare vedeva calare la mobilità degli spermatozoi del 30 per cento.

 

di Eva Perasso
fonte: il corriere.it

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Continuando a navigare nel sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici neccessari che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.