CONDIZIONATORE: LE REGOLE PER RISPARMIARE

Il caldo torrido di questa primavera che sembra un’estate rende quasi impossibile non accendere condizionatori e impianti di raffrescamento.

Ma accenderli ora invece che – come di consueto – tra la metà di giugno e i primi giorni di luglio -significa quasi un mese in più in bolletta, con buona pace del portafogli.

Ma risparmiare si può. Come spiegano queste regole messo a punto dal comparatore di tariffe Sostariffe.it, che ha analizzato consumi e costi dei metodi di raffreddamento domestico più diffusi e si è concentrato su come ridurre le spese con il condizionatore (“il più energivoro tra i metodi di rinfrescamento”).

1) Usare la funzione deumidificatore: usare quest’impostazione del condizionatore permette un risparmio del 40% dei consumi.

2) Impostare la temperatura corretta: impostare la temperatura a 6 gradi di differenza con l’esterno piuttosto che a 8 gradi di differenza consente di risparmiare il 10%, perché per ogni grado ulteriore il consumo cresce del 5%.

3) Posizionare l’unità esterna all’ombra e non al sole: questa piccola attenzione consente la riduzione del 5% del consumo elettrico.

4) Scegliere un condizionatore con tecnologia Inverter piuttosto che uno senza consente un risparmio del 30%.

5) Usare la funzione sleep che riduce la temperatura di 3 gradi durante la notte. Questo si traduce in una riduzione del 15% di risparmio durante tutta la notte.

6) Ridurre l’esposizione dell’ambiente ai raggi solari: collocando tende, persiane o tapparelle nelle vetrate o nelle finestre si possono tagliere i consumi del 5%.

7) Isolare bene e correttamente l’ambiente climatizzato con porte e finestre chiuse, meglio se con doppi vetri, permette un risparmio del 10% dei consumi.

8) Abbinare condizionatore e ventilatore: usare il condizionatore per la metà del tempo previsto e per l’altra metà del tempo accendere il ventilatore. Questo sistema permette di prorogare l’aria già raffrescata dal condizionatore e un risparmio di circa il 50% dei consumi.

9) Passare al mercato libero: attivando l’offerta più conveniente del mercato libero si può decurtare del 17% il prezzo del consumo per il condizionatore.

fonte: ilgiornale.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Continuando a navigare nel sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici neccessari che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.