CONTI DELLO STATO, UN BUCO DA 677 MILIONI DI EURO

La procura generale della Corte dei Conti ha scoperto un buco di 677 milioni di euro (interessi maturati esclusi) nei conti dello Stato. Questo è accaduto nei primi giorni di luglio, prima della pausa estiva dei lavori e dopo otto anni di passaggi giudiziari in cui nessuno ha chiesto ragione del macroscopico ammanco. Si attende la ripresa dei lavori della Corte contabile per comprendere se l’accertamento della procura generale diventerà un vero e proprio processo.

Il vulnus che ha creato il buco, inizialmente di 758 milioni, nasce al momento del passaggio delle consegne nelle riscossioni fiscali tra le banche ed Equitalia, avvenuto nel corso del 2006. Le banche – quelle fin qui controllate dalla magistratura contabile (le agenzie emiliane, venete e friulane di Banca Intesa, Cassa di risparmio di Bologna poi diventata Intesa, Cassa di Risparmio di Ferrara e Montepaschi) – tra il 1990 e il 1994 avevano accumulato un credito di 758 milioni nei confronti di contribuenti che non avevano versato Irpef e Iva, né onorato le sanzioni amministrative. I quattro istituti di credito considerarono “il dovuto” inesigibile e scelsero di mettere questo “rosso” a bilancio. La verità che emergerà con l’ingresso nella riscossione di Equitalia sarà diversa: l’accumulo di credito non era inesigibile, semplicemente non è stato fatto nulla per riscuotere le cifre indicate nelle cartelle esattoriali.

Lo scoprirà presto – sostiene la Corte dei conti – il nuovo riscossore e lo dirà, successivamente, una sentenza di condanna della Corte dei conti dell’Emilia Romagna, che accerterà la mancata volontà di riscossione da parte degli stessi istituti di credito. Si legge nella sentenza del 26 ottobre 2011: “Molti atti sono stati redatti dagli ufficiali di riscossione nelle giornate di riposo o in un’unica giornata in numero sproporzionato”. Ancora, “diversi verbali apocrifi”, altri realizzati “utilizzando modelli standard compilati in maniera generica”. Sulla questione si aprì, tra l’altro, un processo penale al Tribunale di Bologna.

L’Agenzia delle entrate, per conto dello Stato, in un primo tempo ha preteso dalle banche inefficienti il denaro mancante; Equitalia, però, ha fatto ricorso. Sì, Equitalia ha firmato la maggior parte dei 320 ricorsi contro l’Agenzia delle entrate, in realtà spettanti alle stesse banche. E nelle scorse settimane la Corte dei conti – che si sta occupando della fase di appello dei ricorsi – si è accorta che le contestazioni avanzate nei tribunali amministrativi per non far pagare a Montepaschi e agli altri istituti 758 milioni, Equitalia non le poteva fare. Non aveva alcun titolo a garantire i riscossori precedenti e, anzi, “aveva un interesse esattamente opposto a quello delle banche creditrici”. Dopo aver perso più volte in primo grado, nell’agosto 2010 gli istituti bancari hanno ottenuto dal Parlamento una sanatoria. Quindi, hanno versato il 10,91% del dovuto: 81 milioni e chiuso il contenzioso. Oggi la Corte dei conti ha scoperto l’illegittimità dell’azione di Equitalia e, attraverso la sua procura, ha messo in discussione anche la sanatoria parlamentare, “basata su presupposti sbagliati”. Quindi, ha chiesto l’eventuale “danno erariale” per le banche e la “co-responsabilità” per Equitalia Spa.
E’ interessante notare come nel periodo preso in considerazione – 1990-1994 – l’Italia si stesse giocando l’ingresso nella moneta unica europea. E, ancora, come la procura della Corte dei conti abbia preso fin qui in esame le cartelle dove ci sono stati i ricorsi (320 in tre regioni, appunto). Gli uffici contabili ipotizzano che anche nelle restanti diciassette regioni italiane possa esserci stato un difetto di riscossione e che, quindi, le cifre mancanti all’appello del Fisco – oggi pari a 677 milioni – siano in realtà superiori.

3 risposte

  1. Guarda guarda corrisponde con l’importo della “sorte” dovuta da Berlusconi a De Benedetti e corrisponde anche il periodo. Sono in molti a credere che tale importo ( di 680 milioni di euro) non fu pagato da Berlusconi di sua tasca ma ,in varie forme tecniche, prelevando dal bilancio dello Stato e quindi dalle tasche degli Italiani. De Benedetti acconsentì placidamente e Berlusconi ne favorì la salita al Governo in alleanza per tutelare il movimento contabile e curarne il recupero tramite le ben note azioni del nostro “amato” Renzi succhiando il sangue a pensionati e lavoratori. A PARER MIO LA QUESTIONE VA APPROFONDITA ANCHE IN ORDINE AL FATTO CHE BERLUSCONI, SEPPUR LA CIFRA FOSSE COSì RILEVANTE, NON SUBì ALCUN CONTRACCOLPO FINANZIARIO E TUTTO FILò FIN TROPPO LISCIO.

  2. Sarebbe non solo interessante anche importante fare chiarezza e conoscere su qyali presupposti-infornazioni, accertamenti o verifiche-i parlamentari (chi,quali che gruppo) hanno ritenuto di pedisporre una legge ad hoc. Grazue e saluti.

  3. E’ tutta colpa di BERLUSCONI!! Ma si può sapere per quale motivo, con tutti i “ladri” di regime esistenti e scoperti in Italia, si va sempre a finire a BERLUSCONI.-Ma vi siete chiesti quale politico, se non BERLUSCONI, con le sue Aziende dà da mangiare a centinaia di famiglie? Ma finitela di “infierire” su chi ha governato l’Italia mantenendola “in euilibrio” per tanti anni, contrariamente a questo “boy scout” da quattro soldi di Renzi che in poco più di un anno ha sfasciato l’economia nazionale mettendoci in “ridicolo” nei confronti del mondo.-

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Continuando a navigare nel sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici neccessari che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.