DALL’ANTITRUST MULTA DA 23 MILIONI A POSTE ITALIANE

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha sanzionato per 23 milioni di euro Poste Italiane per un abuso di posizione dominante nel mercato del recapito degli invii multipli di corrispondenza ordinaria, ossia quegli invii che i grandi clienti business come le banche, le assicurazioni e le compagnie telefoniche mandano ai propri clienti (es. estratti conto, avvisi di scadenza, bollette).

In particolare, spiega l’Authority, «la strategia escludente, attuata sin dal 2014 da Poste Italiane a danno dei concorrenti – entrati in questo mercato a seguito della liberalizzazione dei servizi postali – è consistita nell’offrire ai propri clienti finali condizioni economiche e tecniche non replicabili dai concorrenti almeno altrettanto efficienti, i quali necessariamente devono ricorrere ai servizi di Poste Italiane per il recapito nelle zone rurali e meno densamente abitate del Paese (aree extra urbane), dove è presente solo Poste Italiane». Inoltre, aggiunge l’Antitrust, «Poste Italiane ha implementato una strategia di recupero dei volumi di posta affidati alla concorrenza, ricorrendo a sconti e condizioni selettivi e fidelizzanti, tra l’altro, condizionando gli sconti praticati ai clienti finali all’affidamento esclusivo di tutti gli invii o di una parte sostanziale degli stessi».

«L’istruttoria ha altresì accertato che la strategia anticoncorrenziale di Poste Italiane – ex monopolista che ancora oggi detiene una consolidata posizione dominante sul mercato in questione – ha prodotto concreti effetti sulle dinamiche concorrenziali; infatti, Poste Italiane è riuscita a recuperare numerosi clienti e ad aumentare ulteriormente la propria quota di mercato, a danno degli altri operatori postali attivi sul mercato», conclude l’Antitrust.

Ma secondo fonti vicine al dossier, l’azienda ritiene di aver sempre condotto un comportamento rispondente agli indirizzi normativi e alle logiche di mercato, in un contesto altamente competitivo a tutela della qualità del servizio. Per questo motivo, ha intenzione di presentare ricorso al Tar del Lazio ritenendo inadeguata, e in contrasto con la normativa di riferimento, la sanzione comminata in un procedimento peraltro iniziato nel giugno 2016 e protrattosi per quasi 2 anni di istruttoria.

Fonte: La Stampa

2 risposte

  1. Se L’Antitrust andasse a verificare quanto in ritardo i competitors di Poste Italiane recapitano le bollette (quando le recapitano) con conseguenti disagi per gli utenti che debbono pagarle sarebbe piu’obiettivo, piuttosto che sanzionare chi ha una posizione dominante ma efficiente.Ho lavorato per anni in questo campo, parlo con cognizione di causa.Le varie agenzie di recapito private o non consegnavano le fatture/bollette o le mettevano nelle cassette rosse di recapito esclusive di Poste Italiane.
    Con sentiti saluti, una ex dipendente postale.

  2. Che i grandi monopolisti facciano i prepotenti cercando in tutti i modi di escludere la concorrenza resta cmq un fatto. A quello aggiungerei di controllare bene pure le grandi catene dei supermercati che oramai sempre piu` sugli scaffali hanno solo i loro prodotti.. – cosi` come la grande compagnia telefonica che si e` mangiata i concorrenti o ne ha creati di fasulli che sono sempre sotto suo dominio..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Continuando a navigare nel sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici neccessari che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.