DIRITTI E ROVESCI, ADICO E BLURADIO INSIEME PER I DIRITTI DEI CONSUMATORI. MARTEDI’: UN PADOVANO SU DIECI HA PROBLEMI CON BANCHE E FINANZIARIE, NEL 2015 CASI CRESCIUTI DI CIRCA IL 20%. GIOVEDI’: LA CRISI ALLARGA LA FORBICE TRA RICCHI E POVERI. IN ITALIA IL 40% DELLA POPOLAZIONE DETIENE IL 4,9% DELLA RICCHEZZA

Nei primi mesi del 2015 un padovano su dieci ha problemi con banche e finanziarie. Fra questi, più della metà è in difficoltà nel pagare le rate del mutuo o del credito al consumo, un terzo denuncia l’esistenza di tassi usurai perfino nei conti correnti, gli altri contestano varie problematiche, come l’ingiusta segnalazione alla centrale rischi, le difficoltà nel richiedere la negoziazione o la surroga del mutuo. Rispetto ai primi quattro mesi del 2014 a Padova le “diatribe” fra padovani e istituti di credito (o finanziarie) sono cresciute del 19%, contro il 6% di Treviso e il 12% di Venezia. E’ questo il risultato di una indagine che l’Adico ha svolto andando ad analizzare i casi seguiti dall’ associazione nel corso del 2015 rispetto al 2014. L’indagine è al centro dell’appuntamento di martedì, ore 10.10 (in replica alle 17.10).  La crisi allarga la forbice tra ricchi e poveri. Anche in Italia, dove l’1% della popolazione detiene il 14,3% della ricchezza nazionale netta (definita come la somma degli asset finanziari e non finanziari, meno le passività), praticamente il triplo rispetto al 40% più povero, che detiene solo il 4,9%. Il tema sarà dibattuto nella puntata di giovedì ore 10.10 (in replica alle 17.10).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Continuando a navigare nel sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici neccessari che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.