Draghi: “Senza investimenti no ripresa”. La Bce all’Italia: “Consolidare i conti”

Prima l’allarme della Bce nel bollettino mensile poi del presidente Draghi in persona, intervenuto al Forum Eurofi a Milano. “Il calo degli investimenti nella zona euro dal 2008 è stato molto più severo di altri cicli”, e “non vedremo una ripresa sostenibile finché non cambierà”, ha detto Draghi, sottolineando come “un aumento degli investimenti è essenziale” per riportare l’inflazione su, combattere la disoccupazione, rilanciare l’economia. “Nel contesto esistente, i governi possono trovare lo spazio per sostenere gli investimenti produttivi e conseguire una composizione delle politiche di bilancio più favorevole alla crescita, riducendo l’onere fiscale e la spesa corrente improduttiva”.

Per stimolare la ripresa e l’occupazione i Paesi dell’Unione europea dovrebbero rimuovere gli ostacoli allo spirito imprenditoriale e alle giovani aziende innovative, ha aggiunto Draghi citando la Spagna come esempio positivo. “Si prevede che la Spagna registri una ripresa degli investimenti vigorosa nei prossimi due anni – ha detto – per le riforme favorevoli alle imprese e la riduzione delle imposte sui redditi delle persone fisiche e delle società”.
A causa della fase economica negativa, l’Italia rischia di non raggiungere l’obiettivo del deficit al 2,6% del Pil nel 2014. E’ quanto avverte la Bce nel suo bollettino mensile. “Persistono i rischi per il conseguimento dell’obiettivo di disavanzo pubblico per il 2014, soprattutto alla luce di andamenti economici peggiori delle attese”, si legge nel testo, “in prospettiva, è importante rafforzare ulteriormente l’orientamento delle politiche di bilancio nazionali al fine di assicurare il rispetto degli obblighi del Patto di Stabilità e crescita, in particolare per quanto riguarda la riduzione del debito delle amministrazioni pubbliche in rapporto al Pil”. “Persistono i rischi per il conseguimento dell’obiettivo di disavanzo pubblico per il 2014, soprattutto alla luce di andamenti economici peggiori delle attese”, si legge sempre nel testo, “in prospettiva, è importante rafforzare ulteriormente l’orientamento delle politiche di bilancio nazionali al fine di assicurare il rispetto degli obblighi del Patto di Stabilità e crescita, in particolare per quanto riguarda la riduzione del debito delle amministrazioni pubbliche in rapporto al Pil”.
Secondo il consiglio direttivo di Francoforte, “i rischi per le prospettive economiche dell’area dell’euro sono orientati al ribasso”. “In particolare”, si legge nel documento, “la perdita di slancio dell’economia può frenare gli investimenti privati e gli accresciuti rischi geopolitici potrebbero esercitare un ulteriore impatto negativo sulla fiducia di imprese e consumatori”.
Intanto, la Commissione Europea ha reso noto che la situazione per le imprese, in termini di competitività, è preoccupante: la produzione industriale italiana è di circa il 25% inferiore ai livelli precedenti la crisi, ovvero quelli del 2007, emerge dal rapporto sulla competitività industriale europea. “Si tratta – si legge nel rapporto pubblicato oggi – di un calo generalizzato che ha colpito anche settori – quali quello automoblistico, calzaturiero e degli elettrodomestici – che per lungo tempo hanno rappresentato la struttura portante dell’industria italiana”. Ecco perché, secondo gli esperti di Bruxelles, anche se sono stati fatti alcuni passi avanti, “è ancora richiesto un impegno continuativo e globale per far emergere un contesto imprenditoriale competitivo”.

La ricetta per il Governatore di Bankitalia Ignazio Visco è quella di far ripartire gli investimenti “sia pubblici che privati, nazionali ed europei”. Intervenendo al Forum Eurofi a Milano, tenuto alla vigilia della riunione dell’Eurogruppo e dell’Ecofin, Visco ha spiegato che “le deludenti performance economiche dell’Unione Europea vanno molto al di là delle precedenti esperienze. Al cuore del problema c’è la debolezza della domanda aggregata, in particolare gli investimenti”

Fonte: ilgiorno.it

3 risposte

  1. Tanti buoni propositi.
    Il taglio dei tassi agevolerà ancora una volta le banche, quando le piccole imprese vanno a chiedere soldi o anche solo il fido di portafoglio si vedono applicare i tassi del 09/10%, purtroppo a noi lavorare e produrre costa troppo.
    La BCE dovrebbe trovare un modo di finanziare le PMI direttamente senza passare dalle sanguisughe delle banche italiane!!!!

  2. Fatemi capire: l’Europa ha bisogno di nuovi investimenti, questi vengono fatti se vi è richiesta interna e/o estera, per far contenti i fondamentalisti puritani d’oltreoceano siamo scesi in lite con la Russia (la quale ha tutte le ragioni di questo mondo) per i casini in Ucraina perpetrati dall’impero del caos, Russia che oltre che fornire gas a noi necessario era un ottimo importatore in vari settori.
    Domanda: ci hanno presi per idioti?
    Che non sia il caso che l’Europa inverta decisamente rotta destrutturando l’attuale economia neoliberista che richiede sostanzialmente quattro cosuccie da truffatori dementi?
    Senza i quisling con i quali sono stati infarciti i centri decisionali e le “presstitute” dei media queste cose sarebbero evidenti anche ai non addetti ai lavori!

  3. Buongiorno,
    Avete bisogno di un finanziamento. Grazie al sig. David Morata ho ricevuto un prestito di 70.000€ e molti miei amici hanno ricevuto il loro finanziamento. Offre prestiti tra privato di 2500€ a 2.500.000€ ad un tasso ragione di 2%.Ecco la sua posta elettronica: davidmorata3@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Continuando a navigare nel sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici neccessari che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.