Fisco, intesa Svizzera-Ocse. «E’ la fine del segreto bancario»

Nuovo passo in avanti contro l’evasione fiscale e per la trasparenza nel mercato dei capitali. La Svizzera ha appoggiato la dichiarazione dell’Ocse a favore dello scambio automatico di informazioni bancarie in materia fiscale, firmata a Parigi in occasione della riunione dei ministri dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico. La dichiarazione sullo scambio automatico di informazioni tra le amministrazioni fiscali obbliga i Paesi firmatari a «procurarsi tutte le informazioni richieste alle loro istituzioni finanziarie e a scambiarle automaticamente con altre giurisdizioni su base annuale». Lo riferisce una nota della stessa Ocse. A firmare non sono stati solo i 34 Paesi Ocse, ma anche altre 13 nazioni tra cui Singapore, Malesia, Indonesia, Cina, Argentina, Brasile e Sudafrica.

«È chiaramente la fine del segreto bancario sfruttato per ragioni fiscali», ha detto Pascal Saint-Amans, direttore del centro di politica e amministrazione fiscale all’Ocse. Per alcuni dei Paesi firmatari, finora lo scambio delle informazioni – su richiesta – scattava soltanto in caso di indagine del fisco o della magistratura. Adesso è previsto l’automatismo, prevedibilmente uno strumento a più ampio raggio nella lotta all’evasione.

di Giovanni Stringa
fonte: corriere.it

Una risposta

  1. EVASIONE, permettetemi una grande risata, la strada dove abito, proprio questa notte, un burlone a sovrapposto, all’indicazione dl nome della via un cartello con scritto via degli evasori, quando vedrò pagare il dovuto a questa maggioranza di cittadini, voterò anche io RENZI, intanto sarebbe opportuno colpire le cose più eclatanti come gli alloggi affittati in nero hai villeggianti, 95% del totale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *