FRODI SULLE CARTE DI CREDITO: I LADRI PREFERISCONO PiU’ OPERAZIONI, MA DI TAGLIA INFERIORE

Possessori di carte di credito, fate attenzione ai piccoli pagamenti che appaiono sul vostro estratto conto perché probabilmente – se siete stati vittima di una frode – è possibile che i ladri si nascondano dietro un importo di scarso valore. Quelle cifre che, abituati come ormai siamo ad avere numerosi addebiti sulle carte, si rischia di non prendere in considerazione. E’ uno dei principali rilievi che emerge dal rapporto del Tesoro sulle frodi che riguardano le carte di credito, ossia quelle transazioni non riconosciute e quindi contestate dal proprietario della carta. “Il valore medio delle frodi su tutti i canali è sceso da 177 a 151 euro (frutto di un +5% degli importi contro il +20% del numero di frodi, ndr). Un fenomeno che trova spiegazione nella possibile scelta della criminalità di moltiplicare e parcellizzare le transazioni allo scopo di eludere le soglie di attenzione degli istituti emittenti e degli utenti ai quali invece si raccomanda sempre la massima attenzione nel controllare l’estratto conto delle operazioni”, si legge nel rapporto.

Nel complesso, venendo alla buona notizia, si può dire che diminuisce il valore delle frodi sul totale dei pagamenti genuini: passa dallo 0,0195% del 2013 allo 0,0189% del 2014. Il Tesoro può dire che “il fenomeno risulta sotto controllo, con un aumento del totale dei pagamenti ‘genuini’, sia in valore sia in numero, rispettivamente del 4% e del 6% sul 2013”. Paesi affini, come Francia e Regno Unito, mostrano dati più elevati, per entrambi intorno al 0,07%, sia nel 2013 che nel 2014.

Visto che i truffatori stanno al passo con i tempi, e il 2014 ha visto un boom delle uso delle carte nei pagamenti via Internet (+ 12,9% in valore e +15,4% in numero delle transazioni), anche le frodi si sono adeguate. Ormai il web canala più di una frode su due: “Dal 2011 il numero di transazioni non riconosciute è cresciuto di oltre 3 volte ed ora incide per oltre la metà sul numero complessivo delle transazioni fraudolente. Il fenomeno si verifica soprattutto all’estero”, dice il Tesoro. Solo l’anno scorso, le frodi sulla rete hanno segnato +11% in termini di incidenza valore e +30% come valore del frodato.

Di contro, Nel “canale POS si assiste ad un calo generalizzato del fenomeno a tutti i livelli: incidenza e frodato sia in termini di valore che di numero”. Infine, anche per il 2014, come già in tutti gli anni precedenti, “si conferma una tendenza alla riduzione del fenomeno delle frodi su Prelievi su ATM. La riduzione più visibile sul valore (-18% in termini di incidenza e -12% in termini di frodato) rispetto al numero (-6% in termini di incidenza mentre è costante in termini di frodi)”.

 

Fonte: repubblica.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Continuando a navigare nel sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici neccessari che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.