Il riscaldamento si accenderà dopo: Italia divisa in 6 zone, le date

Passeremo un inverno al freddo? No, questo pericolo non c’è. Il governo assicura che, grazie al Piano messo a punto dal ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani, saremo salvi. Attraverso nuove rotte per le forniture di gas, stoccaggi, alternative al gas stesso, rigassificatori, rinnovabili e più regole quotidiane di risparmio, oltre a qualche sacrificio, riusciremo a vivere una stagione invernale quasi normale.

Il Piano prevede 3 grandi cambiamenti nelle nostre abitudini: 1°C in meno nel riscaldamento di case e edifici commerciali – 19°C per tutti gli edifici, e 17°C per gli edifici adibiti ad attività industriali, artigianali e assimilabili, con 2°C di tolleranza per entrambi; 15 giorni in meno di riscaldamento in un anno (viene cioè posticipata di 8 giorni la data di inizio e anticipata di 7 giorni la data di fine), e 1 ora in meno di termosifoni accesi al giorno, secondo le diverse zone climatiche in cui è suddivisa l’Italia.

Quella della divisione in zone climatiche per la nostra penisola non è assolutamente una novità, come invece ci è capitato di leggere su qualche giornale. Si tratta invece di una prassi consolidata nel tempo, che tiene chiaramente conto delle diversità climatiche dello Stivale, da Nord a Sud.

PUBBLICITÀ

Le novità riguardano invece le 3 nuove misure dette, che ci porteranno a risparmiare sul consumo di gas, sul costo in bolletta, e anche sull’inquinamento ambientale.

Le 6 zone climatiche in cui è divisa l’Italia

Dicevamo che il territorio nazionale è suddiviso in 6 zone climatiche, da A a F, in base alla media delle temperature giornaliere. Questo permette di valutare quale sia il fabbisogno termico per ciascuna area, così da ottimizzare i consumi, le emissioni di CO2 nell’atmosfera e l’impatto economico dell’approvvigionamento energetico.

Il D.P.R. n. 412 del 26 agosto 1993 ha introdotto, in base al calcolo dei gradi-giorno, queste 6 zone climatiche sul territorio italiano:

  • Zona A: comuni con gradi-giorno inferiori a 600;
  • Zona B: comuni con gradi-giorno tra 600 e 900;
  • Zona C: comuni con gradi-giorno tra 901 e 1400;
  • Zona D: comuni con gradi-giorno tra 1401 e 2100;
  • Zona E: comuni con gradi-giorno tra 2101 e 3000;
  • Zona F: comuni con gradi-giorno superiori a 3000.

La zona A è quella con i climi più caldi, cui appartengono ad esempio i Comuni di Lampedusa e Porto Empedocle in Sicilia, mentre la zona F sono le aree più fredde, e cioè i Comuni delle Alpi e alcuni comuni dell’Appenino.

Qui potete visionare e scaricare il pdf con tutti i Comuni italiani divisi per fasce clQuando si accende il riscaldamento: le date per zona

Considerata la riduzione di un’ora al giorno per il riscaldamento, e di 15 giorni complessivi in un anno, ecco quando potremo accendere i termosifoni nelle diverse zone:

. Zona A: riscaldamento acceso 5 ore al giorno dall’8 dicembre al 7 marzo
. Zona B: riscaldamento acceso 7 ore al giorno dall’8 dicembre al 23 marzo
. Zona C: riscaldamento acceso 9 ore al giorno dal 22 novembre al 23 marzo
. Zona D: riscaldamento acceso 11 ore al giorno dall’8 novembre al 7 aprile
. Zona E: riscaldamento acceso 13 ore al giorno dal 22 ottobre al 7 aprile
. Zona F: nessuna limitazione.

Fonte: QuiFinanza.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Continuando a navigare nel sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici neccessari che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.