IL SITO DELL’ ADICO INVASO DA PROPOSTE DI PRESTITI PRIVATI “SOSPETTI” GAROFOLINI: “E’ SCANDALOSO CHE QUESTI PERSONAGGI CERCHINO CLIENTI TRAMITE LA PAGINA WEB DEI CONSUMATORI”

L’approccio è sempre gentile: “avete bisogno di un finanziamento per la vostra casa, per i vostri affari, per acquistare l’automobile, per l’acquisto di tutto ciò che desiderate, per la creazione della vostra impresa, per le vostre necessità personali ?. Accordiamo crediti personali che vanno di 5 mila a 800 mila euro”. L’italiano è spesso zoppicante: “per voi che siete schedati, divieti bancari, e se non avete favore delle banche ed avete bisogno di prestare denaro tra privato, aiutiamo la gente seria ed onesta, che può rimborsare il prestito nel tempo normale che vogliono”. L’offerta appare per lo più allettante: “ho un capitale di 5 milioni di franchi sarà utilizzato per concedere prestiti a privati breve e lungo termine da 5 mila e 300 mila euro a qualsiasi persona seria cerca il prestito”. E’ una vera e propria invasione di proposte di prestiti personali quella che sta subendo il sito dell’Adico da diversi mesi a questa parte. Decine e decine di annunci privati che appaiono fra i commenti e che l’associazione – da sempre in prima fila contro l’eccessivo indebitamento e più che mai convinta che queste proposte siano alquanto pericolose e legate a situazioni di usura – cancella regolarmente, per evitare che qualcuno possa cadere nella rete di questi “benefattori” poco raccomandabili.

Il fatto che questi soggetti cerchino di pubblicizzarsi tramite il sito dei consumatori – avverte Carlo Garofolini, presidente dell’Adico – dimostra che ci troviamo di fronte a personaggi senza scrupoli. Noi da sempre promuoviamo campagne contro l’indebitamento e contro i prestiti personali utilizzati per pagare altri prestiti, in un vortice dal quale spesso è impossibile uscire. Per noi è dunque vergognoso che si tenti di sfruttare il nostro sito, con messaggi per certi versi inquietanti, oltre che totalmente sgrammaticati, con i quali si propongono prestiti anche da centinaia di migliaia di euro come si stesse vendendo del pane. Ancora più patetici appaiono i messaggi di chi finge di esaltare la gentilezza e la disponibilità di persone che prestano soldi, spiegando di aver vissuto esperienze idilliache. Il tutto, come commenti a nostri articoli che riguardano in particolar modo le banche e le finanziarie. Siamo davvero al di fuori di ogni canone di decenza”.

Ora l’associazione valuta un intervento attraverso la polizia postale. Intanto, conclude Garofolini, “invitiamo i cittadini a segnalarci le anomale proposte di prestito che provengono da soggetti privati, quindi difficilmente inquadrabili”.

 

 

Una risposta

  1. Buongiorno una soluzione al problema ci sarebbe, banche e finanziarie, dovrebbero analizzare caso per caso le richieste e non affidarsi a numeri di scoring creditizio criff CTC experian, anche se hai avuto un disguido di due tre rate pagate in sofferenza sei segnato a vita e non ditemi che dopo 36 mesi sei pulito falso , le finanziare banche anche se non legale si fanno una banca dati propria e senza neanche consultare il Sic ti dicono subito No, andrebbe rivisto il sistema non puoi giudicare una persona da numeri scoring è altro non si è sempre in condizioni negative però a loro non interessa hai pagato tre rate tardi se cattivo a vita e non ti do soldi non siamo tutti truffatori invece questi signori danno soldi a chi ha soldi che senso ha i prestiti di fanno per problemi in cui il governo italiano ci ha messo con l euro ci ha resi poveri e schiavi ed in più ci chiudono le porte del credito come la cessione a 60 mesi te la rinnovo a 72 mesi devi aspettare il 40 per cento di pagamento perché a che serve poi ci lamentiamo che la povera gente va a chiedere prestiti in altri modi….se devo dire la mia io sarei il primo a chiedere un prestito a questi signori se veramente farebbero il finanziamento purtroppo non esistono sono truffe belle e buone perché ti chiedono soldi in anticipo per il contratto e poi spariscono magari farebbero ciò che promettono le banche e finanziarie chiuderebbero . Loro criff CTC experian e scoring sfogo di un padre di famiglia che pur lavorando sodo non riesce ad ottenere credito e pensi io cerco solo 15000 euro per problemi familiari e non posso accedere alla cessione perché devo aspettare ancora 12 mesi invece se la avevo fatta a 60 mesi si poteva rinnovare cribbio che cambia che nervi il prestito personale devo aspettare marzo 2018 perché mi dicono da tale data il Sic sarà positivo l azienda mia non rilascia la delega e quindi lo stato banche finanziarie e chiesa dicono Arrangiati a noi che ci frega il problema è tuo. Grazie e scusi lo sfogo .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Continuando a navigare nel sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici neccessari che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.