IL TAGLIO DELL’IRES SLITTA AL 2017. BONUS DA 500 EURO PER I 18ENNI DA SPENDERE IL CULTURA

«Il Governo proporrà nel prosieguo della legge stabilità di spostare, come già inizialmente previsto, al 2017 la diminuzione dell’Ires, ma impiegheremo 2 miliardi di euro per dare una risposta ai professionisti della sicurezza e dell’educazione. Un miliardo in sicurezza, uno nell’identità culturale e valorizzazione urbana». Lo afferma il premier Matteo Renzi nella Sala degli Orazi e Curiazi dei Musei Capitolini a Roma durante l’evento «Italia, Europa: una risposta al terrore». Renzi ha poi spiegato che la risposta al terrorismo «non puo’ essere solo securitaria». Insomma «per ogni euro in più investito sulla sicurezza ci deve essere un euro in più investito sulla cultura. Per ogni intervento sulla cyber security deve crescere una start up». Perché ha puntualizzato Renzi «ogni centesimo speso in sicurezza non sarà un costo ma un investimento se ci ricordiamo cosa stiamo difendendo: la nostra identità».

In dettaglio il miliardo seguirà quattro linee guida: a cominciare da «un investimento di 150 mln di euro sulla cyber security e 50 milioni di euro per migliorare la strumentazione delle forze dell’ordine a fronte di chiarezza e riorganizzazione: ad oggi le forze di polizia sono troppe, devono diventare 4 entro l’anno, la forestale entrerà nei Carabinieri» ha annunciato il presidente del Consiglio. L’investimento rientra nel miliardo previsto dal governo per la sicurezza. Ma anche «l’estensione del bonus di 80 euro per tutte le donne e gli uomini che lavorano con le forze dell’ordine a cominciare da chi sta sulla strada». Il governo inoltre stanzierà 500 milioni di euro per le forze di difesa, con investimenti efficaci finalizzati a dare una risposta immediata alle esigenze strategiche, non a quelle quotidiane e organizzative.

Il miliardo investito «nella nostra identità» prevede il finanziamento di «500 milioni di euro alle città metropolitane per progetti di intervento per le periferie con interventi, che Renzo Piano direbbe di rammendo. I progetti vanno presentati entro l’anno e realizzati nel 2016». Per i diciottenni viene estesa «una misura già prevista per i professori (500 euro, ndr)», e cioè «una carta bonus da investire in teatri, musei, concerti e cultura che diventa simbolicamente il modo con il quale lo Stato carica i ragazzi della responsabilità di essere protagonisti e coeredi del più grande patrimonio culturale». Ci saranno poi «cinquanta milioni di euro vanno alle borse di studio: chi è meritevole di studiare non può essere fermato per questioni di reddito, anche questo e’ un pezzo della risposta al terrore». Infine «150 milioni di euro per donare a tutti i cittadini che lo vorranno la possibilita’ di dedicare il 2xmille a una associazione culturale.

Non ci rassegneremo al terrore

«Non cambieremo il nostro modo di vivere, non ci rassegneremo al terrore, si arrenderanno prima loro» ha chiarito il premier, in Campidoglio. Questo perchè, ha aggiunto «la cultura è più grande dell’ignoranza, la bellezza più forte della barbarie». Nel discorso ai Musei capitolini Renzi mette in guardia «dagli estremisti che odiano la musica e la cultura». Gli integralisti- dice citando il film Timbuctu- odiano anche un pallone, odiano il calcio e l’allegria. La risposta che deve dare l’Italia e’ molto semplice. Noi non cambieremo mai il nostro modo di vivere. Non ci rassegneremo mai al terrore». «Se smettessimo di essere noi stessi- aggiunge- faremmo vincere il terrore una volta di piu’». Troppa gente nei palazzi romani «chiedero’ con forza ai comandanti di elevare la presenza in strada. Abbiamo troppo patrimonio pubblico non utilizzato, caserme abbandonate che vanno rese alla fruizione anche con processi di valorizzazione».

L’Italia ha concluso «non cambia la propria posizione dopo i fatti di Parigi». Ribadendo che si riconosce «nella coalizione internazionale il piu’ ampia possibile in cui il ruolo Usa è cruciale e fondamentale per combattere il fanatismo».

Fonte: sole24ore.it

Una risposta

  1. Se davvero ci tiene alla cultura perchè non finanzia maggiormente le scuole selezionando seriamente gli insegnanti, riducendo il numero di alunni/studenti, adeguando il numero degli insegnanti specializzati per gli alunni diversamente abili alle reali necessità? Renzi ci sta solo prendendo in giro e buttando soldi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Continuando a navigare nel sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici neccessari che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.