Il vicesindaco di Venezia Tomaello accoglie la proposta di Adico: «Attrezziamo i parchi per fare sport»

VENEZIA. In attesa di poter tornare in palestra l’attività sportiva si trasferisce all’aperto. Entro fine mese partiranno i lavori per una nuova area attrezzata al parco Bissuola e l’amministrazione punta a potenziare gli spazi dedicati alla ginnastica negli spazi verdi o a realizzarne di nuovi. Lo annuncia il vicesindaco e assessore allo Sport, Andrea Tomaello, in risposta alla proposta dell’Adico che suggeriva proprio di attrezzare i parchi cittadini per consentire ai mestrini di allenarsi. L’INTERVENTO. «La proposta è condivisibile e stiamo lavorando da tempo su un progetto che va proprio in questa direzione – spiega Tomaello – Già nelle prossime settimane, appena i tempi della burocrazia lo permetteranno, partirà l’intervento per la realizzazione di una nuova struttura per lo sport all’aperto al parco Bissuola». Le attrezzature che saranno installate sono per il Calisthenic, metodo di allenamento basato sulla ginnastica a corpo libero ed esercizi che si adattano all’aria aperta. «L’idea poi, anche se in questo periodo a causa del Covid e del personale in smart working i tempi si allungano, è di realizzarne altre o di rinnovare e potenziare le esistenti non solo con attrezzi ginnici ma anche con piastre per giocare a basket e strutture per il parkour. L’obiettivo non è sostituirci alle palestre, che offrono un altro tipo di servizio e la professionalità dei personal trainer, ma offrire, in questo periodo di chiusure e anche in futuro, luoghi sicuri nei quali tenersi in movimento». Proprio questo era il tema affrontato dall’Adico di Mestre che nei giorni scorsi aveva lanciato l’appello all’amministrazione comunale. «Una questione all’apparenza frivola – scrivono dall’associazione – ma che in realtà ha grande valenza psicologica soprattutto per i più giovani in questa difficilissima crisi sanitaria ed economica». Adico fa il punto della situazione. Allo stato attuale i principali parchi mestrini, Albanese e San Giuliano, dispongono di alcune aree fitness dov’è possibile eseguire qualche esercizio a corpo libero. «Ma si potrebbe fare di più. Nel parco di San Giuliano esiste una zona con panche inclinate e sbarre. Due elementi molto utili per allenarsi in modo abbastanza soddisfacente. Ma quell’area, comunque di piccole dimensioni, è quasi sempre al completo». Esistono altre zone ma Adico segnala che gli attrezzi sono rotto o difficili da utilizzare. «In poco tempo aggiunge Carlo Garofolini, presidente dell’Adico si potrebbero realizzare sia a San Giuliano che alla Bissuola zone ben organizzate dove fare palestra anche se naturalmente servirebbero pure i manubri che già qualcuno si porta da casa. In questo modo si potrebbe magari trovare una formula, una convenzione, per coinvolgere anche gli stessi titolari delle palestre che continuano a essere forzatamente chiuse. Pensiamo che non sarebbe uno sforzo economico così impegnativo e, visto il successo dell’unica area ben attrezzata di San Giuliano, siamo convinti che l’iniziativa avrebbe grande seguito». 

Fonte: Il Gazzettino di Mestre/Venezia (autrice: Melody Fusaro)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *