LE BANCHE POPOLARI DI GRANDI DIMENSIONI DIVENTANO SPA: VARATO IL PROVVEDIMENTO AL CONSIGLIO DEI MINISTRI

Il governo vara la riforma delle banche popolari, avviando la trasformazione in Spa per quelle di maggiori dimensioni: saranno dieci gli istituti coinvolti nel processo che i mercati si aspettavano da tempo. Il Consiglio dei Ministri, che si è tenuto nel pomeriggio a Roma, ha varato il provvedimento in tandem con le misure a sostegno degli investimenti, parte nota come Investment Compact. Questo comprende la semplificazione della chiusura dei conti corrente, le patent box ma non gli accordi fiscali per i grandi investitori. Nel dettaglio, come ha spiegato Renzi in conferenza stampa dopo il Cdm, “interveniamo sulle popolari con attivi sopra gli 8 miliardi, si tratta di 10 banche”. Incrociando i dati contenuti nell’ultimo rapporto di Mediobanca sulle principali società italiane con le comunicazioni societarie, gli istituti coinvolti dovrebbero essere (nell’ordine dal più grande al più piccolo): Banco Popolare, Ubi, Bper, Bpm, Popolare di Vicenza, Veneto Banca, Popolare di Sondrio, Creval, Popolare dell’Etruria e Popolare di Bari. Nel complesso, spiega Assopopolari sul suo sito, il sistema delle Popolari conta 70 istituti (quindi 60 sono fuori dalla riforma) con 1,34 milioni di soci e un totale di attivi da 450 miliardi. II premier ha rivendicato il fatto che l’intervento arriva dopo “20 anni di dibattito”, ribadendo che le “Bcc” sono fuori da questo intervento e anche le popolari più piccole. Il provvedimento, che costituisce l’articolo 1 del decreto legge in oggetto oggi, offre ai dieci istituti coinvolti “18 mesi di tempo” per superare il voto capitario e “trasformarsi in spa”. Fino ad ora, in assemblea per le popolari vigeva il principio “una testa un voto”, per il quale ogni socio ha lo stesso peso indipendentemente dalla quota di capitale azionario detenuta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Continuando a navigare nel sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici neccessari che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.