L’ECONOMIA SOMMERSA ILLEGALE VALE 206 MILIARDI, QUASI IL 13% DEL PIL

Lavoro nero, sommerso, droga, prostituzione e altre attività illegali valgono nel complesso 206 miliardi di euro, il 12,9% del Pil. E’ quanto calcola l’Istat circa il peso dell’economia non osservata, cioè sommersa e derivante da attività illegali (come droga, prostituzione e contrabbando sigarette), per l’anno 2013. Il solo valore aggiunto dall’economia sommersa vale circa 190 miliardi di euro, pari all’11,9% del Pil, in aumento dall’11,7% nel 2012 e 11,4% nel 2011.
FONTE: La Repubblica

2 risposte

  1. Resto dell’idea che oramai il denaro contante è obsoleto . Si dovranno pagare con carta di credito anche le prostitute . Le banche dovranno essere costrette ad eliminare i tassi di transazione.

  2. Sono convinto che se riusciscero a fare pagare a tutti fino all’ultimo centesimo il nostro apparato pubblico ed i suoi mafiosi mangerebbero anche quelli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Continuando a navigare nel sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici neccessari che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.