Licenza sospesa alla Ernest Airlines, Adico riceve le prime richieste di assistenza per il rimborso dei biglietti

VENEZIA.  Hanno comprato i biglietti a novembre a prezzo molto favorevole per andare in Albania questa estate. Ora, però la compagnia con cui dovevano volare, la Ernest Airlines, ha subito la sospensione della licenza con ogni probabilità per problemi finanziari. E’per questo che una coppia di artigiani di Mogliano ha deciso di rivolgersi all’Adico nell’ambito di una vicenda che nei prossimi giorni potrebbe avere risvolti decisivi. “In linea di massima – commenta Carlo Garofolini, presidente dell’associazione – lo stop effettivo per la Ernest è fissato per il 13 gennaio. I nostri soci avevano preso il biglietto loro due e per il figlio. Poi, monitorando la situazione per altri amici, si sono resi conto che dopo il 13, appunto, non risultavano più voli disponibili. Hanno dunque contattato lo sportello “vacanza informata” dell’associazione per tutelarsi in caso di richiesta di rimborso. Ci attendiamo che molta altra gente nelle prossime settimane ci contatteranno per lo stesso motivo”.  

Come riporta il sito Corriere.it, l’Ente nazionale per l’aviazione civile ha fermato Ernest Airlines, la sesta compagnia aerea italiana per passeggeri trasportati. Con un inusuale comunicato domenicale l’Enac ha deciso la sospensione della licenza di esercizio «di trasporto aereo passeggeri e merci» del vettore fondato nel 2015 e con sede a Milano. Ma lo stop sarà effettivo dal 13 gennaio 2020 — chiarisce l’ente nella nota — al solo scopo di consentire alla società «di riproteggere i passeggeri già in possesso di un titolo di viaggio e provvedendo alla necessaria informativa all’utenza per gli eventuali voli cancellati».

L’Enac intanto ha proibito a Ernest di vendere biglietti, richiesta già accolta dal vettore che mostra come data ultima dei voli il 12 gennaio 2020.

A quanto si apprende sarebbero le criticità finanziarie ad aver potato l’Ente nazionale per l’aviazione civile a fermare la compagnia. Da qualche mese, spiegano le fonti, l’azienda era in difficoltà economica tanto da aver ritardato anche il pagamento degli stipendi ai dipendenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Continuando a navigare nel sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici neccessari che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.