MESTRE (VE). Attirati con la promessa di un soggiorno premio si ritrovano a comprare pentole per 6mila euro

Adico ottiene il recesso dal contratto: Occhio agli acquisti “impulsivi”

(Mestre, 24 aprile 2014) Erano stati contattati una prima volta al telefono di casa per una “insospettabile” intervista-sondaggio. Dopo qualche giorno però sono stati convocati, sempre telefonicamente, da un operatore che li invitava in un famoso hotel di Mestre (VE) con la promessa di un soggiorno premio in una località turistica a loro scelta. La coppia, residente a Mestre, si è ritrovata però nel bel mezzo di una dimostrazione commerciale finalizzata a vendere batterie di pentole, coperte in lana merinos, computer e altri articoli di vario genere per la casa. Senza averne assolutamente la necessità, dopo aver ascoltato l’esposizione dei venditori, marito e moglie si sono ritrovati a sottoscrivere un contratto per l’acquisto di pentole per un valore di quasi 6mila euro. E in regalo avrebbero ricevuto un computer Acer da 15 pollici e una poltrona “massaggiante”.

Una volta a casa si sono resi conto dell’accaduto e sono subito corsi all’Adico per chiedere aiuto. Nell’arco della stessa giornata dall’Associazione Difesa Consumatori è immediatamente partita una diffida che faceva appello al diritto di recesso del consumatore: in caso di acquisto al di fuori dei locali commerciali è di 10 giorni. Il caso si è così risolto positivamente nel giro di poche ore, dal momento che l‘azienda, non appena saputo dell’intervento di Adico ha immediatamente restituito i soldi che la coppia aveva già sborsato, e in contemporanea si è ripresa la batteria di pentole che era già stata recapitata al domicilio dei signori, a tempo record.

“Consigliamo di prestare la massima attenzione alle telefonate di questo tipo, che promettono premi di vario genere e con la scusa attirano le persone a incontri organizzati appositamente per invogliare all’acquisto – commenta Carlo Garofolini, presidente Adico – Se comunque dovesse capitare di cadere in queste disavventure la prima cosa da fare è non spaventarsi, può succedere a tutti. Contattate immediatamente la nostra associazione per far valere il diritto di recesso del consumatore il termine per esercitare il quale, lo ricordiamo ancora una volta, passerà dal prossimo giugno da 10 a 14 giorni”. 

Adico – attenzione agli acquisti impulsivi

3 commenti su “MESTRE (VE). Attirati con la promessa di un soggiorno premio si ritrovano a comprare pentole per 6mila euro”

  1. Ho risposto giovedì a un sondaggio che riguarda pubblicità. .sta mattina sono stata richiamata per confermarmi che ho vinto …incontro e fissato domani mattina ha NeRo cubo di rovereto TN. .e dopo che ho guardato a internet…e di sicuro una truffa…

  2. Successo anche a me in cita di ravenna sono stata attirata in questo gioco venerdì 22/09/17 poi dovevo avere la consegna 2 giorni dopo .Mi sono resa conto fin da subito che c’è qualcosa che non quadra però il mio compagno no ed abiammo accettato il contratto il giorno dopo sono entrata sul Internet visto tutto che era raccontato qui ed non ho accettato la consegna mi stamane solo a fare la disdetta ed a mandarli la raccomandata. Mi auguro che tutto vada alla non fine

  3. Successo oggi , ci presentiamo io e mia moglie in un albergo per ritirare buono vacanza con la scusa di favorire il turismo in Italia. Appena accolti capiamo che è una scusa per rifilarci una batteria di pentole con altri premi ad un costo di quasi 6000 € in 48 rate!!!
    Al nostro rifiuti e iniziata una pressione psicologica offrendo di più e con rate da 39€ per 120 mesi ennesimo rifiuti le rate scese a 19€ !!! A questo punto non ho potuto fare altro che dire un’altra volta no ed è finita lì salutandoci e forse riempiti con tanti mali pensieri.
    Sono delinquenti attirano con scuse plausibili è solo alla fine a incontro avvenuto si capisce che sono per scopi di vendita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *