Natale ai tempi del Covid, attenzione alle truffe on-line. I consigli della Polizia postale

Non sarà un 25 dicembre come tutti gli altri, questo è sicuro. Il Natale 2020 è il Natale del Covid, delle restrizioni, del lockdown, della crisi economica e sanitaria. E’ molto probabile, per esempio, che non si registrerà nessun assalto ai negozi e ai mercatini, proprio per la paura dei contagi. “Siamo convinti che ci sarà un vero e proprio boom di acquisti on line – conferma Carlo Garofolini, presidente dell’Adico – non per niente molti commercianti si stanno organizzando con le vendite a domicilio. Per quanto riguarda l’e-commerce tramite i siti on line, temiamo invece che qualche abile truffatore si st8ia sfregando le mani e si stia preparando per appioppare qualche bella fregatura”.

Per scongiurare il più possibile il rischio dei raggiri on line, elenchiamo i principali consigli diffusi dalla Polizia Postale contro le truffe dell’e-commerce.

  • 1. Porre attenzione al “feedback” assegnato al venditore. E´ preferibile che sia alto.
  • 2. In caso di primo acquisto,soprattutto su siti non conosciuti o su negozi on-line di recente costituzione valutare la possibilità di pagamento con modalità di contrassegno.
  • 3. Utilizzare il servizio di deposito a garanzia che permette all´acquirente di pagare una società che svolge il trasporto e, solo dopo l´avvenuta ricezione dell´oggetto, di autorizzare il pagamento al mittente.
  • 4. Il bonifico bancario è molto sicuro poichè si ha traccia di tutta la transazione. É necessario però recarsi presso la propria banca o ottenere un conto corrente on-line ed effettuare lo stesso tramite Internet.
  • 5. Chiedere al venditore più dati possibili così da avere una ragionevole certezza della identità della persona.
  • 6. Verificare tramite motore di ricerca, l’esistenza di segnalazioni da parte di altri utenti riguardanti  il venditore/acquirente.
  • 7. Diffidare di prodotti venduti a prezzi estremamente vantaggiosi.
  • 8. E’ sempre consigliato acquistare e vendere nel territorio italiano in quanto la tutela legale è completa.
  • 9. Preferire l’utilizzo di carte prepagate che possono essere ricaricate in anticipo con la quantità di denaro da utilizzare.
  • 10. Dubitare di venditori che non forniscono utenze di telefoni fissi.
  • 10. Dubitare di chi fornisce indirizzi ubicati presso caselle postali.
  • 11. Evitare di fornire ove possibile dati personali e diffidare da richieste di ulteriori dati oltre quelli già forniti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *