Non dichiara a Insula la presenza della badante, multa da 5.000 euro. Adico la contesta

(Mestre, 7 gennaio 2014) Una multa da 5.000 euro per aver comunicato in ritardo a Insula la presenza della badante – regolarmente residente in quella casa da anni – nell’appartamento affittato dal Comune. È accaduto a Franco Busetto, anziano residente a Mestre, che tramite i suoi famigliari si è rivolto ad Adico Associazione Difesa Consumatori per contestare la sanzione.

All’origine del problema la tardiva presentazione della dichiarazione di ospitalità, che è comunque stata effettuata spontaneamente non appena il signor Busetto – persona anziana e con problemi di salute – e i suoi famigliari hanno saputo di dover adempiere a questa incombenza, prevista dalla legge regionale 10/96 (“Disciplina per l’assegnazione e la fissazione dei canoni degli alloggi di edilizia residenziale pubblica”), che al comma 2 dell’articolo 14 prevede una sanzione amministrativa pari al doppio del canone dovuto (in questo caso 118,32 euro): da marzo 2011, cioè da quando la lavoratrice aveva preso residenza dell’alloggio, a maggio 2013, momento in cui il signor Busetto ha regolarizzato spontaneamente la propria posizione, e quindi per due anni, il totale della multa è di 5.291,76 euro, che il pensionato dovrebbe pagare in 18 rate mensili. Di fronte a questa spesa esorbitante e inaffrontabile per il mestrino, i suoi famigliari si sono fatti assistere da Adico che tramite i suoi esperti ha scritto a Insula per cercare una soluzione alla vicenda.

«Quella comminata al signor Busetto è una sanzione tanto più ingiusta in quanto la presenza della badante non ha comportato alcuna variazione al rialzo del canone di locazione, e quindi la mancata comunicazione non può essere ricondotta alla volontà di trarre vantaggi da questa situazione, ma è stata frutto di totale buona fede – spiegano gli esperti di Adico – di conseguenza la sanzione si rivela una mera punizione e per questo abbiamo chiesto a Insula l’annullamento o per lo meno un’ampia riduzione dell’importo e una maggior rateizzazione dell’eventuale pagamento».

Scarica il comunicato stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *