Pagamento a “saldo e stralcio” più flessibile, ecco le novità introdotte dal decreto Rilancio

Avete chiesto un pagamento con il “saldo e stralcio” e avete le rate in scadenza nel 2020? Bene, è giusto sapere che il decreto Rilancio pubblicato in gazzetta lo scorso 18 luglio nell’ambito dell’emergenza Coronavirus, contempla, almeno sulla carta, una maggiore flessibilità a favore dei contribuenti.

In particolare, come recita una nota dell’Agenzia delle Entrate, “per i cittadini che sono in regola con il pagamento delle rate scadute nell’anno 2019, si prevede che il mancato, insufficiente o tardivo pagamento alle relative scadenze delle rate da corrispondere nell’anno 2020, non determina la perdita dei benefici delle misure agevolate se il debitore effettuerà comunque l’integrale versamento delle stesse entro il 10 dicembre 2020”. Una buona notizia, secondo Adico, che però chiede comunque di valutare con attenzione i casi più particolari e delicati, sempre in relazione alla crisi prodotta dalla pandemia. Di fronte a condizioni completamente mutate per le restrizioni introdotte a causa del Covid-19, “si devono concedere ulteriori proroghe, naturalmente solo di fronte a situazioni di default comprovate”, dicono dall’associazione dei consumatori.   
Comunque, continua la nota dell’Agenzia, “in caso di versamenti effettuato oltre il termine di scadenza del 10 dicembre 2020, la misura agevolativa non si perfezionerà e i pagamenti ricevuti saranno considerati a titolo di acconto sulle somme complessivamente dovute”.

Le scadenze del “Saldo e stralcio”

La prima o unica rata è scaduta il 30 novembre 2019, slittata poi al 2 dicembre perché coincidente con la giornata festiva del sabato.

In caso di pagamento rateale, le successive 4 rate sono così suddivise:

  • 20% con scadenza il 31 marzo 2020;
  • 15% con scadenza il 31 luglio 2020;
  • 15% con scadenza il 31 marzo 2021;
  • il restante 15% con scadenza il 31 luglio 2021.

La legge prevede inoltre che vengano sospesi:

  • i termini di prescrizione e decadenza dei carichi inseriti nella domanda;
  • gli obblighi di pagamento derivanti da precedenti rateizzazioni.

I soggetti decaduti dal “Saldo e stralcio” per mancato, insufficiente o tardivo versamento delle somme scadute nel 2019, grazie alle novità introdotte dal “Decreto Rilancio” (DL 34/2020), possono presentare la domanda di rateizzazione per le somme ancora dovute (la dilazione del pagamento ai sensi dell’art. 19 DPR 602/1973).

7 risposte

  1. buonasera
    ho chiesto alla mia ex banca (Intesa Sanpaolo) uno stralcio e saldo di un finanziamento personale cointestato con la mia ex moglie, la banca mi dice che per loro può essere accettato ma successivamente loro andranno a rompere tutti i rapporti anche con la mia ex moglie che ha attualmente ha un conto ed un fido la stessa banca.
    mi potete confermare questa procedura.
    Grazie

    1. Salve signor Vuolo mi sono confrontato con l’avvocato il quale mi conferma che, nell’ambito del saldo e stralcio, la banca ha questa facoltà. Se ha bisogno di altre informazioni può anche contattarci allo 041-5349637 dal lunedì al venerdì con orario 9-13 e 15-19.
      Distinti saluti
      Gianluca Codognato
      uff. stampa ADico

    2. io vorrei proporre uno saldo a stralcio ad intesa Sanpaolo di Roma via Eschilo ma non risponde nessuno a telefono e abito a 300 km, mi potete consigliare come fare?

      1. Salve, ci contatti comunque allo 041-5349637 (dal lunedì al venerdì con orario 9-13 e 15-19), vediamo se possiamo darle una mano.
        Intanto, distinti saluti
        GIanluca Codognato
        uff stampa Adico

  2. Buongiorno, complimenti per l’articolo e per l’attività che svolgete.
    C’è un’immobile che vorrei evitare arrivi in asta il 15/9 facendo un saldo e stralcio con Intesa San Paolo (Ex UBI) prima di quella data.
    Come devo procedere? Non trovo alcun link sul sito di Intesa che mi possa guidare e non so a chi mi devo rivolgere.
    Grazie

    1. Salve signor Alberto,
      vista la situazione delicata la invito caldamente a contattarci allo 041-5349637 (dal lunedì al venerdì con orario 9-13 e 15-19). Con la segreteria potrà così valutare se usufruire o meno della consulenza di un nostro legale.
      Distinti saluti
      Gianluca Codognato
      uff. stampa Adico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Continuando a navigare nel sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici neccessari che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.