Parte la seconda fase dei ristori per i pendolari Actv, ma sono esclusi i pensionati. Garofolini: “ingiusto, intervenga il Comune”

MESTRE. E’ cominciata lunedì scorso la seconda fase per il ristoro dei pendolari Actv che non hanno potuto usufruire dell’abbonamento a causa del lockdown. Fino al 20 settembre, infatti, la richiesta poteva essere presentata dagli studenti che avevano acquistato nella scorsa stagione scolastica un abbonamento annuale. Le richieste sono state migliaia per un controvalore di circa 800 mila euro, come comunicato dall’azienda stessa. Ora tocca ai lavoratori e agli studenti con abbonamento mensile mentre restano clamorosamente fuori i pensionati che non rientrano nei beneficiari secondo quanto previsto dal decreto Rilancio. Proprio questo aspetto è già stato evidenziato ad agosto dalla nostra associazione che ritiene ingiusta la scelta. “La colpa non è di Actv – sottolinea Carlo Garofolini, presidente dell’Adico – ma è il decreto del governo, che abbiamo comunque accolto con favore, a prevedere ristori solo per lavoratori e studenti. Per noi è sbagliato perché le persone anziane sono anche quelle più a rischio di fronte alla pandemia e infatti chiediamo alla riconfermata giunta Brugnaro di prevedere un fondo da riservare appunto agli abbonamenti annuali dei pensionati non utilizzati forzatamente a marzo e aprile”.

Ecco il link dal quale è possibile accedere alla pagina dei ristori:

http://actv.avmspa.it/it/content/richiesta-voucher-ristori-covid-19-online-webform-fase-2

8 commenti su “Parte la seconda fase dei ristori per i pendolari Actv, ma sono esclusi i pensionati. Garofolini: “ingiusto, intervenga il Comune””

  1. Giorgio Rossi - Bozzi Maria

    E’ una indecenza, le persone anziane che abitano soprattutto nel centro storico con problemi di deambulazione sono esclusi dal rimborso anche se nel periodo Marzo – Aprile non hanno potuto usufruire dei mezzi acquei di trasporto. Ritengo giusta la presa di posizione richiesta dall’ADICO per questa categoria di persone che hanno pagato l’abbonamento annuale senza possibilità di trasporto ! Vei le locandine dell’ACTV “fate l’abbonamento annuale così risparmiate” e così noi possiamo fregarvi meglio! Saluti Giorgio Rossi – Bozzi Maria

    1. Grazie per il sostegno, faremo di tutto per mantenere alta l’attenzione su questa ingiustizia naturalmente verrete aggiornati su tutte le possibili novità. Vi auguiro intanto una buona serata.
      Gianluca Codognato
      uff. stampa Adico

  2. Maria Voltolina

    Grazie Adico per questo intervento. Anch’io contesto il fatto che a chi non lavora non venga concesso il ristoro dell’abbonamento. L’abbonamento l’abbiamo pagato tutti, non c’è ragione al mondo per fare distinzioni. I motivi per cui si acquista l’abbonamento sono i più diversi, ma difficilmente per andare in discoteca il sabato sera!

    1. Grazie signora Maria per il suo intervento, tenga conto che, come scritto nell’articolo, i pensionati per lo più sono molto anziani e quindi i più esposti al pericolo Covid. Davvero non si capisce questa scelta e spero che il Comune possa intervenire in qualche modo. Da parte nostra cercheremo di mantenere viva la faccenda sui mezzi di comunicazione, vediamo se riusciremo a ottenere qualcosa. Naturalmente contando sempre sul vostro prezioso sostegno.
      Ci segua sempre che riceverà sempre tutti gli aggiornamenti, intanto le auguro una buona serata.

      Gianluca Codognato
      uff. stampa Adico

  3. Ai fini del mancato utilizzo di abbonamento annuale per i mesi imposti per decreto mi chiedo : chiedo quale sia la differenza tra lavoratore/studente e il “povero pensionato”. Non si dice che la legge è uguale per tutti. Non esiste un garante?

  4. Trovo oltremodo scorretto e discriminante che non venga riconosciuto alcun ristorno agli abbonamenti annuali ACTV dei pensionati quando la stessa Trenitalia vi ha provveduto. Vi ringrazio per qualsiasi azione riusciate ad intraprendere fiducioso nelle vostre notevoli capacità.

    1. Salve, siamo ovviamente d’accordo. Noi, ma credo anche altre associazioni e sindacati, ci batteremo perché venga riconosciuto un ristoro anche ai pensionati. Intanto vi invito a scrivere una mail di protesta nei confronti di Actv. Più ne inviamo e meglio è.

      Ci segua nel nostro sito che la aggiorneremo su ogni possibile novità a riguardo.

      Le auguro intanto una buona giornata
      Gianluca Codognato
      uff. stampa Adico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *