PENSIONATA DI VENEZIA VINCE LA SUA BATTAGLIA CON TELECOM GRAZIE ALL’INTERVENTO DI ADICO. CANCELLATI 600 EURO DALLA BOLLETTA

Una vicenda dal sapore kafkiano conclusasi positivamente dopo due anni di “travagli”. La disavventura con Telecom di Corina Tosato, pensionata di Spinea (Venezia), è giunta al capolinea dopo l’intervento dell’Adico. L’azienda delle telecomunicazioni ha “riscontrato la fondatezza” di quanto contestato dalla nostra associazione, stornando dalla fattura di 698 euro, 604,31 euro.

La pensionata è stata vittima di un disguido di Telecom, che dal 2014 le addebita i costi molto elevati per una connessione mai esistita visto che la donna non ha mai chiesto internet nè ha mai fatto installare alcun dispositivo per collegarsi.

L’ultima bolletta risale a settembre ed è di circa 700 euro. Ma – a differenza delle altre volte, quando dopo le proteste della donna la situazioni si era normalizzata -, a settembre la pensionata si è ritrovata per due settimane senza telefono fisso, con grandi grandi disagi per lei e per l’anziana madre, che abita vicino e con la quale i contatti telefonici avvengono solo tramite il “fisso”.

La situazione ora si è del tutto nornalizzata, visto che Telecom ha messo questa volta nero su bianco le proprie scuse, rilevando la fondatezza di quanto segnalato dall’Adico che, tramite il proprio ufficio legale, ha prima fatto riattivare la linea telefonica, chiedendo l’intervento di Corecom, poi ha ottenuto lo storno di oltre 600 euro sull’ultima bolletta.

“L’azienda – spiega Carlo Garofolini, presidente dell’Adico – ha di fatto ammesso il proprio errore, che dura da giugno 2014, e si è scusata con la nostra socia. Non possiamo che essere soddisfatti anche perchè questa è l’ennesima conferma che con gli operatori telefonici come con i fornitori di gas e di energia elettrica, il dialogo è possibile e auspicabile. La nostra associazione ha instaurato rapporti diretti con le maggiori compagnie e con i principali gestori. E’ anche per questo che il nostro ufficio legale risolve quasi tutte le controversie che si trova ad affrontare. In questo caso Telecom, dopo aver creato molti disagi alla pensionata di Spinea, ha definitivamente ammesso il proprio errore, stornando dalla fattura l’importo in neccesso e dimostrando così di essere comunque una azienda seria anche se la situazione s’è risolta solo dopo il nostro intervento”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Continuando a navigare nel sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici neccessari che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.