Pioggia di multe in via Metauro, i residenti protestano e chiedono aiuto all’Adico. Garofolini: “viabilità caotica in tutta la zona, bisogna intervenire soprattutto sui parcheggi”

MESTRE. Una pioggia di sanzioni che nessuno si sarebbe mai aspettato. A Mestre, in via Metauro, zona parco Bissuola, lunedì pomeriggio i residenti avevano un diavolo per capello. Le loro auto, infatti, erano quasi tutte tappezzate da multe, lungo una strada, via Metauro appunto, dove parcheggiare l’auto è una vera impresa, come d’altra parte succede in tutta quell’area. La “tolleranza zero” da parte della polizia municipale, dunque, non è stata accolta bene anche perchè le multe sono state comminate anche a chi aveva parcheggiato la macchina di fronte al proprio garage o a chi si era piazzato a una distanza non consona rispetto alla parte finale della strada. Per questo motivo alcuni cittadini hanno deciso di rivolgersi all’Adico, anche per lanciare un appello all’amministrazione comunale (o, meglio, alla prossima amministrazione) affinchè si risolva il problema parcheggi (e viabilità) in quella zona. “I residenti – spiega Carlo Garofolini, presidente dell’associazione – ci raccontano che dalle loro parti parcheggiare è una vera sfida ma possiamo confermarlo anche noi visto che la nostra sede si trova proprio in quell’area. I cittadini dicono che tante persone provenienti da altri punti della città lasciano l’auto in via Metauro e poi se ne vanno via tutto il giorno, con ogni probabilità a Venezia. Ci chiediamo se tutte le multe di lunedì siano legittime e ci chiediamo altresì come mai, dopo aver concesso un po’ di tolleranza ai residenti che davvero non sanno dove sbattere la testa con il parcheggio, ora si sia passati alle maniere forti. Fare ricorso è comunque sconveniente dato che costa più il contributo unificato che la multa stessa. Ma l’episodio è spunto per lanciare un appello al Comune affinché si trovino soluzioni per chi abita da quelle parti”. In particolare, gli abitanti di via Metauro suggeriscono di istituire il senso unico nella strada e di creare parcheggi a spina di pesce lungo uno dei lati. Una soluzione che dovrebbe valere anche per le vie parallele (e perpendicolari), alcune delle quali sono talmente strette che due macchine contemporaneamente non ci passano, anche perché ai lati della strada ne sono parcheggiate molte altre. Un vero caos viabilistico ormai noto che i residenti hanno tollerato almeno fino a lunedì. Ora che arrivano le multe, chiedono a gran voce un intervento rapido e risolutivo.   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *