PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI, DEBITO PUBBLICO CRESCIUTO DI 2,6 MILIARDI DI EURO

A novembre il debito delle Amministrazioni pubbliche è aumentato di 2,6 miliardi, a quota a 2.160,1 miliardi. Lo rende noto la Banca d’Italia sottolineando che l’incremento riflette il fabbisogno delle Amministrazioni pubbliche (5,4 miliardi), in parte compensato dalla diminuzione delle disponibilità liquide del Tesoro (3,2 miliardi). Nel complesso, l’emissione di titoli sotto la pari, il deprezzamento dell’euro e gli effetti della rivalutazione dei Btp indicizzati all’inflazione hanno aumentato il debito per 0,3 miliardi.

“Come negli anni passati”, sottolinea comunque la Banca d’Italia, “in dicembre il debito dovrebbe essere fortemente diminuito per effetto dell’avanzo atteso nel saldo delle Amministrazioni pubbliche e per il calo delle disponibilità liquide del Tesoro”.

Con riferimento alla ripartizione per sottosettori, il debito delle Amministrazioni centrali è aumentato di 2 miliardi, quello delle Amministrazioni locali è aumentato di 0,6 miliardi, mentre il debito degli Enti di previdenza è rimasto sostanzialmente invariato.

Nei primi undici mesi dello scorso anno il debito è cresciuto di 90,3 miliardi, riflettendo il fabbisogno delle Amministrazioni pubbliche (69,8 miliardi) e l’aumento delle disponibilità liquide del Tesoro (28,6 miliardi). Nel complesso, l’emissione di titoli sopra la pari, l’apprezzamento dell’euro e gli effetti della rivalutazione dei Btpi hanno contenuto l’incremento del debito per 8,1 miliardi. Sul fabbisogno dei primi undici mesi ha inciso per 4,7 miliardi (12,4 miliardi nel corrispondente periodo del 2013) il sostegno finanziario ai paesi dell’area dell’euro. Complessivamente, la quota di competenza italiana del sostegno finanziario ai paesi dell’area era pari alla fine dello scorso novembre a 60,3 miliardi. (La Repubblica)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Continuando a navigare nel sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici neccessari che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.