“Quel pioppo è pericoloso e ‘minaccia’ la mia casa”, tramite Adico pensionata di Salzano invoca l’intervento urgente del Comune

SALZANO. Le foglie che si adagiano sul tetto ostruendo lo scorrimento dell’acqua durante le piogge, le radici che affiorano dal marciapiede e, soprattutto, il rischio di caduta in giornate particolarmente ventose. Insomma, il pioppo ad altissimo fusto che si trova all’angolo fra via Milano e via De Gasperi, continua a destare grandissime preoccupazioni ai residenti della zona che da anni chiedono un intervento risolutivo da pare del Comune e, in particolare, invocano un esame diagnostico interno all’albero, per capire se possa creare veri pericoli agli abitanti della zona. Ora, però, di fronte a risposte ritenute insufficienti e insoddisfacenti, D.M.G., 80enne pensionata di Salzano che vive nella casa più “minacciata” dal pioppo, ha deciso di rivolgersi all’ufficio legale dell’Adico per cercare di risolvere una situazione che le toglie il sonno e che di inverno diventa ancora più inquietante.

Come detto, è da anni che il problema viene segnalato dai residenti della strada al Comune di Salzano. Il quale, a dire il vero, ha effettuato alcune indagini che però vengono ritenute non adeguate in quanto rivolte solo alla parte esterna dell’arbusto. Per questo, tramite Adico, “la nostra socia chiede di analizzare la stabilità del pioppo con indagini interne – come spiega Carlo Garofolini, presidente di Adico – per vedere se vi siano o meno pericoli di caduta dello stesso. Non solo. La pensionata intende chiedere anche il risarcimento per le spese di pulizia del tetto, circa 1.500 euro, che deve affrontare ogni anno per togliere le foglie dalle tegole. C’è poi la questione delle radici affioranti dal marciapiede, che possono provocare incidenti a chi passeggia in zona”.   

Naturalmente il tema più pressante riguarda il “danno temuto” ovvero del pericolo che questo albero, alto diverse decine di metri, si abbatta sul tetto della casa dove abita la pensionata. In quel caso le responsabilità per l’amministrazione sarebbero davvero pesanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *