RIMANE DUE MESI SENZA LINEA ADSL, FASTWEB GLI OFFRE 100 EURO DI RISARCIMENTO

100 euro di rimborso per due mesi di disagi e di perdite economiche. Dire che l’offerta formulata da Fastweb a Graziano Schiavo è inadeguata risulta di sicuro un eufemismo. A causa dell’operatore, infatti, il 33enne titolare della I.T. Repair di Marcon – azienda informatica che fornisce assistenza tecnica e funge anche da punto vendita – a settembre, da un giorno all’altro, si è ritrovato senza linea adsl e senza telefono fisso, per un problema che si è risolto solo a metà novembre pur essendo facilmente individuabile. Ora Schiavo s’è rivolto all’Adico, dopo che Fastweb ha appunto offerto a risarcimento dei disagi subiti 100 euro. “In questi due mesi – spiega Schiavo – i disagi sono stati un’infinità, per noi, per i clienti, per i fornitori. Se andavamo avanti così un altro po’, rischiavamo di chiudere. Abbiamo chiamato decine di volte l’assistenza ma abbiamo solo riscontrato una totale assenza di comunicazione. Abbiamo cercato di ovviare in diversi modi ma alla fine abbiamo di sicuro perso ben più di 100 euro”. In effetti tramite l’ufficio legale dell’Adico, il 33enne formulerà una richiesta di alcune migliaia di euro, ricordando all’operatore il disservizio subito.

In effetti tutto comincia quando la I.T. Repair decide di potenziare la propria linea, aumentando la velocità a 20 mega. “La nuova linea ha funzionato per un paio di giorni – continua Schiavo – poi basta, s’è bloccato tutto”. Da quel momento, il titolare dell’azienda di Marcon ha contattato più volte l’azienda che gli ha sempre detto di non preoccuparsi e in un paio di occasioni ha anche inviato i tecnici per controllare e cambiare il modem. “A novembre il tecnico che è venuto per controllare ancora la linea è andato alla centralina che si trova a duecento metri dalla nostra azienda e si è accorto che c’era un filo rotto. Era quello il problema”. Dulcis in fundo, conclude Schiavo, “ora ho chiesto di andare con Telecom ma l’operazione non è ancora avvenuta a quanto pare perché Fastweb non fornisce a Telecom il mio numero”. La vicenda, secondo Carlo Garofolini, presidente dell’Adico, “evidenzia ancora una volta le difficoltà di comunicazione fra gli utenti e gli operatori-fornitori. Da quanto ci riferisce il nostro socio, Fastweb ha preso con leggerezza il problema, senza pensare ai danni provocati a una ditta tra l’altro impegnata nel settore informatico. Il nostro intervento diviene dunque necessario perché tramite il nostro ufficio legale abbiamo modo di portare direttamente all’attenzione di Fastweb la richiesta, senza dover passare per call center e operatori telefonici”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Continuando a navigare nel sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici neccessari che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.