SABATO PRIMO GIORNO DI SALDI ESTIVI, MA A PADOVA TRE NEGOZI SU QUATTRO APPLICANO GIA’ GLI SCONTI ALLA CASSA

Costumi da bagno, t-shirt, asciugamani, corpetti, bermuda. Da sabato 4 luglio comincia anche a Padova la corsa ai saldi estivi ma, come ogni anno, gli sconti alla cassa sono già cominciati, basta chiederli, o attendere che sia il negoziante a proporli. Nella città del Santo, tre negozi su quattro anticipano gli sconti codificati per legge, mettendo in moto inevitabilmente una forma di concorrenza sleale.

Per capire il comportamento dei commercianti in questo difficile momento economico, abbiamo visitato dodici negozi di Padova, sia in centro che nelle zone limitrofe. Alla fine, su dodici negozi, nove ci hanno concesso lo sconto alla cassa, anticipando i saldi. In due casi, non è stato necessario neppure richiederlo ma ci è stato proposto dal negoziante stesso.

“E’ una consuetudine consolidata anche se scorretta – commenta Carlo Garofolini, presidente dell’Adico -. E’ chiaro, però, che bisogna rivedere la normativa sui saldi perché rischia di penalizzare per così dire i meno furbi. Abbiamo notato, però, che è ormai ridotta all’osso l’abitudine di molti commercianti di anticipare gli sconti promuovendo già sulle vetrate vendite promozionali non meglio specificate”.

Per quanto riguarda la previsione di spesa, si prevede un aumento rispetto al disastroso 2014. Sette padovani di dieci faranno almeno un acquisto (contro i 6 su 10 dell’anno passato) e nella prima settimana (ma , in particolare, nel primo week end) ogni acquirente spenderà poco più di 70 euro (rispetto ai 64 euro dell’anno passato).

Domani, intanto, è l’ultimo giorno utile per partecipare al concorso “Fotografa il tuo acquisto” . Chi intende acquistare qualcosa in saldo, si armi di macchina fotografica (o più semplicemente di telefono cellulare) per immortalare l’articolo desiderato, inquadrando bene il prezzo. Poi torni nello stesso negozio a saldi iniziati e con una seconda foto potrà dimostrare e verificare la bontà, e la veridicità, dello sconto applicato.

Infine, ecco i consigli per evitare brutte sorprese durante il periodo di saldi:

Non farsi prendere dalla frenesia del voler comprare a tutti i costi

Fare sempre un giro di perlustrazione per essere sicuri di non comprare resti di magazzino

Confrontare sul cartellino il prezzo vecchio con quello ribassato

Verificare scrupolosamente le taglie riportate in etichetta ed eventuali difetti

Nel caso di capi di abbigliamento provare sempre l’articolo

Ricordare che i prezzi esposti vincolano il venditore che in cassa non può applicare sconti diversi da quelli dichiarati

E’ bene sapere che il negoziante convenzionato con una carta di credito è tenuto ad accettarla sempre anche in periodo di saldi

Accertarsi sempre che il prodotto esposto in vetrina e quello offerto in negozio coincidano

Diffidate degli sconti superiori al 60%

Non superare il budget che ci si era imposti per evitare ripensamenti una volta tornati a casa

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Continuando a navigare nel sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici neccessari che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.