Salta la fiera di Brescia a causa del Covid, artigiana di Noale rischia di perdere l’acconto di mille euro versato per lo stand. Interviene l’Adico

NOALE. Perdere oltre mille euro per una esposizione rinviata a causa del Covid. Anche questa è una delle   conseguenze economiche che possono scaturire a causa della pandemia e delle relative limitazioni imposte dal governo. La disavventura vede come protagonista una artigiana di Noale che ora si è rivolta all’Adico per avere assistenza e ottenere indietro quanto versato. La donna, prima dell’esplosione virale, aveva prenotato uno stand per una fiera di abbigliamento in programma a Brescia a marzo 2020. Per bloccare lo spazio l’artigiana aveva lasciato un acconto di circa mille euro. L’evento, però, è saltato a causa del Covid e così gli organizzatori hanno comunicato il rinvio a marzo 2021. Tutto regolare, insomma, e in linea con le necessità dettate dalla crisi sanitaria. Peccato, però, che lo scorso ottobre gli organizzatori della fiera abbiano inviato una nuova comunicazione con la quale si poi spostata la data dell’esposizione a maggio 2021, due mesi dopo quanto programmato. A quel punto, come spiegano dall’ufficio legale dell’associazione, “la nostra socia ha chiesto la restituzione dell’intero acconto, vista l’impossibilità di partecipare all’iniziativa nel mese di maggio. Gli organizzatori della fiera hanno annunciato la possibilità di restituire metà di quella cifra, fra l’altro specificando che lo facevano come un favore. Hanno poi spiegato di aver già speso gran parte dei soldi degli acconti in pubblicità salvo poi non essere stati in grado di dimostrare con pezze giustificative tale investimento, come da richiesta dell’’artigiana di Noale. In ogni caso – concludono da Adico – in questa situazione del tutto straordinaria e surreale deve essere riconosciuta la restituzione dell’intero acconto perché la nostra socia non ha alcuna colpa per il rinvio dell’evento e tantomeno per lo spostamento tardivo da marzo a maggio 2021 dello stesso. Inoltre che è presumibile che lo stand non rimarrà vuoto ma verrà assegnato a qualche altro venditore permettendo così agli organizzatori della fiera di recuperare comunque i soldi dello spazio messo a disposizione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *